Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 09 dicembre 2022  | aggiornato alle 17:11 | 90120 articoli in archivio

Lo sci bresciano deluso: gli indennizzi non bastano, a questo punto

Dalla Val Camonica all'Adamello cresce l'irritazione delle imprese. Tutto il mondo della montagna, per l'ennesima volta si sente preso in giro. Saranno rimborsati gli skipass e gli abbonamenti.

di Renato Andreolassi
 
17 febbraio 2021 | 19:16

Lo sci bresciano deluso: gli indennizzi non bastano, a questo punto

Dalla Val Camonica all'Adamello cresce l'irritazione delle imprese. Tutto il mondo della montagna, per l'ennesima volta si sente preso in giro. Saranno rimborsati gli skipass e gli abbonamenti.

di Renato Andreolassi
17 febbraio 2021 | 19:16
 

Il Sindaco di Ponte di Legno, Ivan Faustinelli è realista: «La notizia del rinvio - all'ultimo minuto - dell'apertura degli impianti di sci al 5 di marzo, più che rabbia e amarezza, ha provocato una profonda delusione. Tutto il mondo della montagna, per l'ennesima volta si sente preso in giro. Nessuna considerazione, nessun rispetto per le migliaia di persone che vivono e lavorano quotidianamente nei comuni dell'alta Val Camonica.

Vista panoramica dal Presena -

Vista panoramica dal Presena

Indennizzi solo un sollievo
Non consolano nemmeno gli aiuti previsti dal neo ministro Garavaglia. «Gli indennizzi (non i ristori) - ha detto Faustinelli - per i danni causati dal Governo con l'ordinanza del ministro Speranza, annunciati dal neo ministro Garavaglia quando arriveranno e se arriveranno, rappresentano solo un sollievo nel mezzo di una bufera».

Il Maniva chiude
Dal Tonale-Presena alle montagne della Valle Sabbia e Val Trompia, sempre nel bresciano, il commento non è diverso, anzi. Al passo del Maniva, Stefano Lucchini, titolare con la famiglia degli omonimi impianti ha già deciso: «Aprire a marzo non ha senso. Noi, dopo aver speso 800mila euro per ripartire nel rispetto di tutte le norme di sicurezza, abbiamo deciso di stoppare definitivamente l'attività. Inutile insistere dopo cinque non stop, apri non apri, ne riparleremo la prossima stagione invernale a fine 2021. Teniamo aperti bar e punto di ristoro solo per ciaspolatori, appassionati di sci alpinismo ed escursionisti. Insomma gli sport alternativi pur avendo in quota 2 metri di neve fresca».

Sia Adamello Ski che Maniva Ski, le due società che gestiscono complessivamente oltre 200 chilometri di piste, rimborseranno totalmente, a tutti coloro che li hanno acquistati on line, biglietti e abbonamenti .

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       



Prugne della California

Molino Braga
Bonduelle