Allegrini
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 13 luglio 2020 | aggiornato alle 16:44| 66692 articoli in archivio
Allegrini
Rational
HOME     VINO     CONSORZI
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Oltrepò, azzerare il nuovo cda
Ultima carta per salvare il Consorzio

Oltrepò, azzerare il nuovo cda 
Ultima carta per salvare il Consorzio
Oltrepò, azzerare il nuovo cda Ultima carta per salvare il Consorzio
Primo Piano del 13 maggio 2018 | 15:56

L’implosione del Consorzio dell’Oltrepò Pavese potrebbe non essere inarrestabile. Di fronte al quasi irreparabile, il presidente della Strada dei vini e dei sapori, Roberto Lechiancole, propone di azzerare tutto. Il "muro contro muro" (cantine sociali contro privati) non è l’unico futuro sul tavolo.

Lechiancole (neo consigliere del Consorzio) gioca la carta del richiamo al buon senso, ma l’obiettivo dell’unità da ricostruire non è facile. La bufera che si è abbattuta sul Consorzio è pesantissima: un gruppo di importanti cantine ha infatti deciso di lasciare l’ente dopo che l’assemblea dei giorni scorsi aveva eletto un nuovo consiglio di amministrazione dal quale sono totalmente escluse.

(Oltrepò, azzerare il nuovo cdaUltima carta per salvare il Consorzio)

Uno strappo che in realtà non era del tutto inatteso (da tempo c’è non facile dialettica interna, per usare un eufemismo, che ha già visto strappi e scandali...), ma che ora rischia di mettere in ginocchio l’ente che diventerebbe una sorta di scatola vuota senza poteri reali: così salta ad esempio l’“erga omnes”, la possibilità di controllare e orientare la produzione su tutto il territorio. Con il che parlare di Oltrepò in termini unitari e completi sarebbe solo un miraggio. O un imbroglio...

Per la terza area vitivinicola italiana, la prima in Lombardia, potrebbe profilarsi un orizzonte da incubo, capace di vanificare tutti gli sforzi finora fatti per ridefinire al meglio l’identità del territorio. In questo scenario fosco, condizionato da un confronto-braccio di ferro ai limiti dell’autolesionismo fra alcune forze legate al mondo delle cooperative ed altre più spiccatamente “private”, si è però accesa una fiammella di speranza. L’idea, che potrebbe forse rimettere in discussione le recenti scelte di rottura, è quella come detto di azzerare il risultato delle recenti votazioni in assemblea e trovare a tavolino un punto di equilibro fra interessi diversi che dalla divisione hanno tutto da perdere.

Roberto Lechiancole (Oltrepò, azzerare il nuovo cda Ultima carta per salvare il Consorzio)
Roberto Lechiancole

Occorrerebbe di fatto nominare un nuovo cda, col consenso di tutti, in cui ci sia la presenza di tutti i soggetti (cantine sociali, imbottigliatori e privati). Senza una condivisione di obiettivi minimi da parte di tutti, l’Oltrepò non potrebbe avere alcuna prospettiva come terroir, con l’immagine oggi positiva che si dissolverebbe nei mille rivoli delle diverse iniziative delle cantine. Un colpo mortale agli sforzi fatti negli anni per elevare lo standing di un’area che un tempo era nota solo per produrre vino in damigiana o da destinare a cantine di altre zone, e che oggi rivaleggia alla pari con altre zone più rinomate.

Il tentativo in extremis è spiegato in una lettera (che di seguito riportiamo integralmente) che Lechiancole, un piccolo produttore che per il suo dinamismo e la sua disponibilità negli ultimi tempi era stato indicato da molti (di entrambi gli "schieramenti") come un possibile presidente del Consorzio capace di garantire un punto di equilibrio fra interessi diversi. Il presupposto di questa presidenza di garanzia per tutti (anche se su questo Roberto Lechiancole si chiude nel più assoluto riserbo e non commenta la lettera che ha inviato a tutti i soci del Consorzio Oltrepò) sembra però che fosse la presenza in cda di esponenti di entrambi gli schieramenti. Il risultato delle elezioni, che per il sistema elettorale vigente assegna un peso determinante alle cooperative, ha però visto l’esclusione di una quota consistente di cantine, che hanno attivato le dimissioni.

(Oltrepò, azzerare il nuovo cda Ultima carta per salvare il Consorzio)

Da qui l‘iniziativa di Lechiancole che in queste condizioni sa bene che nessuno potrebbe in qualche modo rappresentare tutta la composita e complessa realtà dell’Oltrepò. Il tutto, cosa non trascurabile, con un Consorzio che non avrebbe più forza o capacità gestionale reale. Il titolare della cantina Prime Alture propone in pratica un progetto di mediazione da attuare immediatamente, prima della convocazione del nuovo cda. Non si capisce se un nuovo equilibrio potrebbe essere raggiunto con dimissioni e surroga di alcuni consiglieri, o magari passando attraverso una nuova assemblea. Ma questo è un aseptto che conta poco.

Il punto centrale è che a questa proposta si deve però dare una risposta urgente, visto che Lechiancole scrive senza mezzi termini che se non fosse possibile ricostruire da subito un’unità reale con i dimissionari, anche lui lascerebbe il Consorzio. Una scelta che sul piano dei rapporti di forza non cambierebbe nulla visto il peso quasi irrilevante di Prime Alture all’interno del Consorzio, ma che avrebbe l’effetto politico di ampliare ulteriormente l’area dei dimissionari, innescando probabilmente un effetto domino che metterebbe definitivamente in discussione l’esistenza stessa del Consorzio Oltrepò Pavese.

Questa la lettera di Roberto Lechiancole:

Egr. Consiglieri e Soci del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese,

in qualità di Consigliere eletto, sono a scriverti in merito alle ultime notizie in cui sono state formalizzate le dimissioni dal Consorzio di un importante, non solo numerico, gruppo di Soci.

Ci tengo a sottolineare prima di tutto che comprendo il disappunto di queste Cantine Associate che vedendo venire meno la loro rappresentatività all'interno del C.d.A. questo le porti a pensare che si voglia sempre e comunque privilegiare quei Soci che per dimensione e produzione possano dettare interessi a senso unico. 

Dodici anni fa ho deciso di trasferirmi residente (insieme a pare della mia famiglia) e di aprire un attività in Oltrepò che seguo in prima persona. Rilevando le varie problematiche del territorio, anziché fare “il milanese” che sta per conto suo criticando cosa fanno gli altri ho scelto la partecipazione. Mi sono iscritto alla cantina sociale di Torrevilla (di cui sono stato anche consigliere) ho aderito sia al Distretto che al Consorzio e ho partecipato attivamente alla Strada dei vini e sapori OP essendone oggi il Presidente.

Mi sono candidato al Consiglio del Consorzio senza fare alcuna campagna elettorale e senza fare accordi senza nulla chiedere nell'interesse di una o dell'altra categoria rappresentata all'interno del Consorzio e del C.d..A., ma solo con lo spirito di voler far crescere il territorio, soprattutto dal punto di vista della promozione del prodotto vino.

Mi sembra però doveroso, proprio per l'incarico che ho appena iniziato a ricoprire, di cercare, di tentare, una mediazione per non compromettere l'esistenza stessa del Consorzio, che ricordo è uno dei primi Consorzi fondati a livello nazionale negli anni '60, che ricopre comunque un ruolo importante come quello della Tutela e che rappresenta ad oggi, la produzione vitivinicola del territorio verso le Istituzioni locali, regionali e ministeriali.

Troppe sono state le lacerazioni e purtroppo anche gli scandali, che hanno martoriato questo territorio nella sua più importante risorsa agricola e penso che non si debbano aggiungere altre divisioni, certo che un confronto chiaro e trasparente fra tutte le categorie consortili possano portare ad un chiarimento e ad una pianificazione progettuale che soddisfi tutti i Soci del Consorzio indistintamente.

PROPRIO PER QUESTO SONO A CHIEDERE A TUTTI I CONSIGLIERI ELETTI, A TUTTI I SOCI, A TUTTE LE CATEGORIE DI SOCI, DI APRIRE UN TAVOLO DI CONFRONTO IN CUI SI POSSA, RIPETO IN MODO CHIARO E TRASPARENTE, ARRIVARE AD UN PUNTO DI UNIONE E DI CONDIVISIONE DI UN CDA CHE SIA RAPPRESENTATIVO (IN MODO SODDISFACENTE) DI TUTTE LE CATEGORIE E LA CONDIVISIONE DI UN PROGETTO DI PROMOZIONE E RILANCIO TERRITORIALE.

Un tavolo di confronto che deve essere convocato dalla direzione del Consorzio in tempi brevissimi, ancor prima del riunirsi del primo C.d..A. 

Credo fortemente, sulla base delle mie esperienze precedenti, che organi come il nostro Consorzio avrebbe dovuto utilizzare il sistema di un confronto aperto prima ed arrivare alla assemblea presentando un programma ed una squadra.

Se questa mia proposta non dovesse essere accolta, se non si presentassero altre soluzioni per addivenire all’operatività trasparente unita e condivisa, verrebbero a meno le mie ragioni di una mia partecipazione alle istituzioni del territorio, cessando ogni mia personale adesione ad ogni qualsivoglia realtà associativa dell’Oltrepò.

Sperando che l’attaccamento al territorio prevalga sugli interessi delle singole categorie e personalismi aziendali, che si capisca che il consorzio è la casa di tutti noi e non è un ente antagonista. 

Vi chiedo cortesemente di non diffondere questa mia comunicazione alla stampa in quanto credo si sia già parlato troppo attraverso i giornali anziché di persona nelle opportune sedi.

Resto a disposizione per un confronto leale e confido che questa mia richiesta venga accolta in tempi brevissimi.

Roberto Lechiancole

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


consorzio oltrepo pavese roberto lechiancole erga omnes vino dimissioni

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®