Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 25 giugno 2024  | aggiornato alle 17:41 | 106061 articoli pubblicati

Elle & Vire
Rational
Elle & Vire

Venica&Venica: vini sostenibili nel segno della tradizione e del territorio

Nata nel 1930, Venica&Venica ha saputo trasformarsi da piccola realtà agricola a grande azienda: oggi conta su 40 ettari di proprietà, una produzione sostenibile e mantiene una forte vocazione bianchista

di Guido Ricciarelli
 
11 giugno 2024 | 09:30

Venica&Venica: vini sostenibili nel segno della tradizione e del territorio

Nata nel 1930, Venica&Venica ha saputo trasformarsi da piccola realtà agricola a grande azienda: oggi conta su 40 ettari di proprietà, una produzione sostenibile e mantiene una forte vocazione bianchista

di Guido Ricciarelli
11 giugno 2024 | 09:30
 

Nel 1930, Daniele Venica fondò l'azienda di famiglia sulla collina di Cerò, una delle più alte del comprensorio del Collio (comune di Dolegna del Collio), ma il successo del marchio Venica&Venica va attribuito ai fratelli Venica che hanno saputo trasformare una piccola realtà agricola in una grande azienda, un'azienda modello, moderna, dinamica, organizzata, conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo. Oggi, nel segno della continuità e della tradizione, Gianni insieme alla moglie Ornella, che lo supporta con le sue qualità relazionali e commerciali, si impegna a far sì che Venica&Venica sia sempre una realtà dinamica dove la tutela del territorio e la salvaguardia delle “radici” sono al centro.

Venica&Venica: vini sostenibili nel segno della tradizione e del territorio

Località Cero

Dove nascono i vini di Venica&Venica

I 40 ettari che costituiscono la proprietà di Venica&Venica sorgono tutti intorno alla cantina. A decidere la distribuzione delle varietà coltivate sono l'altimetria, la tipologia di suolo e le condizioni microclimatiche di ogni area. Lodevole il fatto che, nonostante le dimensioni, non si faccia uso di sostanze chimiche e di sintesi tra i filari.

Venica&Venica: vini sostenibili nel segno della tradizione e del territorio

I 40 ettari che costituiscono la proprietà di Venica

La produzione è sostenibile (quarta certificazione Viva) e nel 2019 è stato redatto il primo bilancio di sostenibilità. La vocazione bianchista dell'azienda è palese e traspare in tutta la sua varietà espressiva nella campionatura sottoposta al nostro vaglio.

Venica&Venica, i vini degustati

Tutti dell'annata 2022 i vini che andiamo a descrivere. Il Pinot Grigio Jesera è di un colore giallo paglia con riflessi verdi. Ricchezza olfattiva con sentori di mela, pera , melone bianco ben maturo. Il frutto maturo si ritrova anche al palato, con note tropicali. Il vino è caldo, grasso e molto persistente. La Malvasia Petris è di un giallo paglia con riflessi verdolini. Naso elegante e intenso con sentori di salvia, fiori di lavanda e viole. In bocca ricordi di agrumi e frutti maturi. Il vino è grasso, fresco, sapido, complesso, armonico, di notevole struttura a persistenza. Il Friulano Ronco delle Cime è di un giallo netto con riflessi verdi. Gli intensi profumi  sono dolci, ricordano la pera, una mela golden caramellata, fiori di acacia. Al palato è intenso, grasso, caldo, sapido, complesso e armonico, molto lungo.

Venica&Venica: vini sostenibili nel segno della tradizione e del territorio

Venica&Venica, i vini degustati

Il Sauvignon Ronco delle Mele è di un giallo paglia con riflessi verdi.  Complesso, intenso ed elegante con prevalenza di pesca gialla e la sua mandorla. Ma anche melone bianco, tocchi di rosmarino e bella mentolatura. Piena la corrispondenza al gusto, con pesca importante, freschezza e calore alcolico. A seguire  un vino a cui Ornella tiene in modo particolare: il Pinot Bianco Talis. Giallo paglia con riflessi verdi. Un Pinot Bianco in purezza impeccabile, compendio della ricchezza territoriale friulana. Pesca bianca Duchessa d'Este al naso, con sentori di tiglio, caramella d'orzo e pepe bianco. Alla beva iodato-salmastro, con un ritorno fruttato-officinale.

Siad

Venica&Venica alla prova invecchiamento

E poi la prova invecchiamento. Salta fuori un Pinot Bianco 2008. Avete capito bene, 2008. Ebbene, non soltanto sorprende la ancora intensa nota fruttata di mela verde ma il vino poggia su una insospettabile tempra strutturale e una sottile nota minerale che, pian piano si affievolisce. È su questo vitigno che Ornella vuole fare rete.  Un progetto di cui sentirete parlare.

Venica & Venica
Località Cerò 8 - 34070 Dolegna del Collio (Go)
Tel 0481 61264

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Electrolux
Agugiaro e Figna Le 5 Stagioni
Sartori
Longarone Fiere
Siad

Electrolux
Agugiaro e Figna Le 5 Stagioni
Sartori

Longarone Fiere
Molino Grassi
Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena