Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 25 febbraio 2024  | aggiornato alle 03:18 | 103384 articoli pubblicati

Crisi energetica

Bollette choc in Oltrepò. Cantina Torrevilla: “Numeri allarmanti, rincari del 500%”

La richiesta del presidente Massimo Barbieri è quella di avere risposte concrete e veloci da parte delle istituzioni, in un territorio agricolo complesso e instabile come quello Pavese

di Stefano Calvi
 
05 ottobre 2022 | 05:00

Bollette choc in Oltrepò. Cantina Torrevilla: “Numeri allarmanti, rincari del 500%”

La richiesta del presidente Massimo Barbieri è quella di avere risposte concrete e veloci da parte delle istituzioni, in un territorio agricolo complesso e instabile come quello Pavese

di Stefano Calvi
05 ottobre 2022 | 05:00
 

Massimo Barbieri, presidente della cantina Torrevilla, società cooperativa con sede in Oltrepò Pavese, lancia un appello perché, bilancio alla mano, l’azienda ha registrato un aumento del 500% in bolletta. Un numero da capogiro che mette a dura prova la cantina ma che dimostra quanto il comparto viticolo sia strettamente assoggettato alla situazione economica generale.

Le vigne della cantina Torrevilla con sede in Oltrepò Pavese Caro bollette e materie prime, a dura prova la cantina Torrevilla dell'Oltrepò Pavese

Le vigne della cantina Torrevilla con sede in Oltrepò Pavese

In attesa di risposte incisive

Per questo il comparto vitivinicolo aspetta risposte incisive per quanto riguarda temi attuali come la crisi delle materie prime e i rincari riguardanti l’energia, risposte che il settore si aspetta di ricevere dal prossimo governo, ora in fase di formazione. Cantina Torrevilla, come scritto, ha già registrato un aumento del 500% in bolletta. Una condizione di grande difficoltà che coinvolge l’intero territorio oltrepadano e che andrà a sommarsi al pesante calo produttivo causato dalla persistente siccità della scorsa estate. La commistione di questi avvenimenti ha destato una profonda preoccupazione nella cantina, storica realtà sociale della zona, e in tutti i produttori presenti da generazioni nel territorio. Il timore principale è legato al concreto rischio di mancanza di liquidità, causata dall’aumento dei tassi d’interesse e dal contemporaneo calo della produzione, assestatosi tra il 25 e il 40%.

I numeri sono allarmanti

«La crisi energetica e delle materie prime ci sta mettendo a dura prova. Penso di poter parlare a nome non solo della Cantina Sociale Torrevilla, ma di tutti i produttori del territorio dell’Oltrepò Pavese - dice Massimo Barbieri, presidente della Cantina Sociale Torrevilla - Questa crisi, infatti, va contestualizzata all’interno di un tessuto sociale e di un territorio agricolo complesso che negli ultimi anni ha vissuto periodi di instabilità. A questa situazione preesistente si è sommata la crisi che ha oltremodo destabilizzato l’economia di tutto il settore vitivinicolo. L’obiettivo attuale di Torrevilla è quello di tutelare il lavoro dei produttori e avere la forza necessaria per continuare a garantire i pagamenti ai suoi conferitori. I numeri però sono allarmanti: abbiamo infatti avuto un rincaro del 500% nelle bollette. Ciò che ci aspettiamo sono risposte concrete e veloci da parte degli organi competenti e delle istituzioni».

 

Un 2023 ancora incerto

Una situazione che rischia di incidere fortemente anche nell’anno a venire, con un 2023 dove si prevede una diminuzione dei consumi e che porterà molte aziende del territorio ad essere in difficoltà nell’anno a venire. Per questo motivo si presenta la necessità di avere progetti di applicazione del Pnrr, delineati con una reale ricaduta sui viticoltori e sulle aziende agricole oltrepadane.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Tirreno CT
Roner
Italmill

Tirreno CT
Roner

Italmill
Agugiaro e Figna Le 5 Stagioni
Giordana Talamona