Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 09 dicembre 2019 | aggiornato alle 17:45| 62476 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Grappa fai da te. No di Castagner Lettera aperta ai politici

Grappa fai da te. No di Castagner Lettera aperta ai politici
Grappa fai da te. No di Castagner Lettera aperta ai politici
Primo Piano del 07 luglio 2009 | 16:29

Dall’innovazione al Medioevo: il futuro della grappa sarà compromesso se verrà approvato il disegno di legge Vallardi. È quanto emerge dalla lettera aperta di Roberto Castagner, produttore trevigiano e presidente dell’Accademia della grappa, sulla distillazione casalinga

Dall'innovazione al Medioevo: il futuro della grappa sarà compromesso se verrà approvato il disegno di legge Vallardi. è quanto emerge dalla lettera aperta di Roberto Castagner (nella foto), produttore trevigiano e presidente dell'Accademia della grappa, sulla distillazione casalinga, che pubblichiamo qui di seguito.

'
Roberto CastagnerLa grappa è un prodotto italiano con almeno cinque secoli di cultura alle spalle, ma solo negli ultimi decenni, grazie al lavoro di alcuni produttori, ha saputo evolversi nel gusto, nell'aspetto delle bottiglie, nella comunicazione, fino a diventare un prodotto nobile, del livello dei grandi distillati internazionali. Questo passaggio da un Medioevo fatto di pratiche per tentativi, talvolta disastrose, a un presente di innovazione, tecnologia e naturalità si è realizzato soprattutto grazie alla ricerca e alla collaborazione che le più importanti distillerie hanno costruito con i principali Istituti di ricerca e Università italiani. Solo l'Accademia della grappa, grazie anche al contributo del ministero delle Politiche agricole, ha investito negli ultimi 5 anni oltre 500mila euro, coinvolgendo ben 6 Università, con l'obiettivo di innovare il prodotto in modo da renderlo più internazionale, cioè esportabile nel mondo intero.

La grappa per sua natura è una sapiente selezione degli aromi e dei composti naturali dell'uva, non tutti utili a un prodotto di grande qualità Solo negli ultimi anni, dal punto di vista qualitativo, possiamo dichiarare che la grappa ha pari dignità di whisky, cognac, vodka e rum. Non è solo un fatto di gusto, ma anche di digeribilità e di valore salutistico in generale. Oggi le nostre grappe finalmente vincono medaglie d'oro ai concorsi mondiali per i distillati. Tutto questo lavoro, tutti questi benefici e miglioramenti a favore del mercato e del consumatore sono ora messi a repentaglio da un disegno di legge promosso dal Sen. Giampaolo Vallardi, che vuole riabilitare la distillazione casalinga della grappa.

Come produttore trevigiano, come presidente dell'Accademia della grappa e, soprattutto come imprenditore sono molto preoccupato per questa iniziativa. Oggi il fatturato della grappa vale circa 400 milioni di euro, il 15% viene esportato in oltre 50 Paesi. L'esportazione per fortuna è in crescita e i mercati esteri saranno i soli a poter far crescere le nostre aziende. Negli ultimi 10 anni abbiamo comunicato la grappa come un prodotto di alta tradizione italiana, un simbolo del Made in Italy, perché sicuro, di grande gusto, elegante, ma soprattutto controllato, come richiede la grande cultura italiana del cibo, perché nessuno controlla i propri prodotti come noi italiani e questo ci rende, agli occhi del consumatore internazionale, produttori unici: seri e per bene.

 Aprire a chiunque la produzione della grappa è un salto nel buio che i produttori di grappa non si possono permettere, perché non sarebbero più in grado di difendere tutte le innovazioni conquistate con fatica in questi anni. Non esiste il whisky fatto in casa, né tanto meno il cognac. Perché dovremmo dare valore a una produzione minima, abusiva da sempre e comunque in via di estinzione? A chi giova questo mercato? Chi garantirà anche la sicurezza da eventuali rischi dovuti a impianti fatti male, a possibili fughe di gas, tipiche degli impianti artigianali e da ogni altro pericolo collegato a un hobby che non può essere considerato un lavoro? No, noi produttori di grappa non ci stiamo e non credo che neanche il consumatore, chiedendogli se vuole bere una grappa senza nome né tracciabilità, risponda affermativamente.

Se veramente qualche produttore di uva o di vino ha l'ambizione di farsi la propria grappa, può trovare sia nelle distillerie autorizzate sia negli istituti di agricoltura ed enologia con impianti di distillazione (cito la Scuola enologica di Conegliano o l'Istituto di S. Michele all'Adige) la possibilità di trasformare la loro vinaccia in grappa buona, controllata e certificata. Questi istituti hanno ripristinato i loro alambicchi grazie all'interessamento del nostro ministro On. Zaia per mantenere viva la distillazione artigianale, per fare ricerca su questi alambicchi e per dare la possibilità a tutti di realizzare una produzione per terzi.

In un momento di difficoltà così grande per tutti i settori, anche per quello dei distillati, serve invece fare sistema per uscire dalla crisi, che vuol dire investire in innovazione di prodotto e nella ricerca di nuovi mercati, attraverso forme consociative, che mettano insieme le poche risorse economiche delle nostre piccole aziende. Questo è il vero problema della grappa, mettersi insieme per diventare più grandi, per non dover cambiare mestiere, perdendo così non solo diecimila posti di lavoro, ma una vera arte tramandata da 5 secoli, con cui la distillazione casalinga non c'entra affatto.

Roberto Castagner


Articoli correlati:
Grappa, prodotto di qualità o libero veleno?
Le distillerie contestano la Lega. Solo rischi con la grappa fai da te
Grappa "fai da te". La Lega liberalizza il metanolo
Facchinetti, Anag: per la grappa "fai da te" servono patentino e formazione
Anche l'Adid si schiera contro la grappa "fai da te"
La grappa "fai da te" è solo uno schiaffo al buon senso e al Made in Italy a Tavola
Distillazione grappa "fai da te": no grazie per Anag e produttori

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

07/07/2009 16:29:00
5) La grappa casareccia è buona
Da tempo mi diletto nela produzione di birra fatta in casa , niente a che vedere con le birra commerciali , il mio prodotto è superiore per caratteristiche tipo : non è pastorizzata senza conservanti un prodotTo naturale al 100% ed un gusto unico. Sono un bevitore di grappe da circa 15 anni , e vi assicuro che le grappe casarecce fatte con esperienza , coscienza ed in totole sicurezza , il più delle volte sono ach'esse superiori alle grappe industriali. il fatto di aziende che producono grappa che si oppongono alla produzione di essa fatta in casa dimostra ancora che chi detiene il monopolio vuole continuare a farlo. io credo che una produzione casareccia di 10/20 litri non possa recare danno al commercio di essa , forse il fatto sta che invece di spendere 50 60 anche 100 € per mezzo litro di grappa fatta da un azienda il privato non sempre se lo puo permettere. vi pongo una domanda secondo voi allora dovremmo vietare la produzione di pomodori insalata ed altri ortaggi ? visto che le aziende che li producono assicurano un prodotto certificato , ma poi la realtaà dei fatti è ben differente , vedi ortaggi fuori stagioe e pieni di ormoni. no al proibizionismo e viva l'autoproduzione di qualsiasi cosa compresa la nostra ben amata grappa !!!!


07/07/2009 16:29:00
4)
D'accordo con Roberto Castagner e con chi ritiene inutile e dannosal'iniziativa della "grappa fai da te".
Speriamo che cambino idea. 


07/07/2009 16:29:00
3) Piena solidarietà a Castagner dai ristoratori
Sostengo il presidente Castagner in tutto cio che ha affermato: Mi fanno molto piacere le indicazioni che ha dato sulla possibile distillazione da parte di piccoli produttori in modo da certificare, anche le piccole produzioni locale mantenendo una qualità, che ci contradistingue come prodotto tradizionale, che non ha niente da invidiare ai distillati più blasonati.


07/07/2009 16:29:00
2) Nessuna commercializzazione per la grappa fai da te
Sono assolutamente d'accordo con il presidente: no alla grappa fai da te per la commercializzazione nei locali, va vietata assolutamente . Bisogna essere dei professionisti per fare un eccelente prodotto. Se per hobby chiudiamo un occhio, ma non deve essere per la vendita.


07/07/2009 16:29:00
1) La grappa casareccia è buona
Da tempo mi diletto nela produzione di birra fatta in casa , niente a che vedere con le birra commerciali , il mio prodotto è superiore per caratteristiche tipo : non è pastorizzata senza conservanti un prodotTo naturale al 100% ed un gusto unico. Sono un bevitore di grappe da circa 15 anni , e vi assicuro che le grappe casarecce fatte con esperienza , coscienza ed in totole sicurezza , il più delle volte sono ach'esse superiori alle grappe industriali. il fatto di aziende che producono grappa che si oppongono alla produzione di essa fatta in casa dimostra ancora che chi detiene il monopolio vuole continuare a farlo. io credo che una produzione casareccia di 10/20 litri non possa recare danno al commercio di essa , forse il fatto sta che invece di spendere 50 60 anche 100 € per mezzo litro di grappa fatta da un azienda il privato non sempre se lo puo permettere. vi pongo una domanda secondo voi allora dovremmo vietare la produzione di pomodori insalata ed altri ortaggi ? visto che le aziende che li producono assicurano un prodotto certificato , ma poi la realtaà dei fatti è ben differente , vedi ortaggi fuori stagioe e pieni di ormoni. no al proibizionismo e viva l'autoproduzione di qualsiasi cosa compresa la nostra ben amata grappa !!!!



ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).