Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 10 agosto 2020 | aggiornato alle 08:01| 67145 articoli in archivio
Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
HOME     ALIMENTI     DOLCI e GELATO

Motta e Alemagna
Un futuro con la Bauli

Motta e Alemagna 
Un futuro con la Bauli
Motta e Alemagna Un futuro con la Bauli
Pubblicato il 27 luglio 2009 | 17:17

Il signore del pan­doro, Alberto Bauli, ha appena avuto semaforo verde dal­l’Antitrust per comprare le storiche aziende fondate da Angelo Motta e Gioacchino Alema­gna. Le due aziende dopo anni di tribo­lazioni hanno ora un futuro. Per Bauli: «È come se il Veneto avesse comprato un pezzo di Milano»

Riportiamo da Corriere.it

'

Alberto Bauli VERONA - «Mi domandano sem­pre increduli ma è proprio lei il si­gnor Bauli? Chissà perché tutti aspet­tano di trovarsi davanti una persona paciosa e corpulenta. Sono abituati al mio amico Giovanni Rana e io invece sono alto e magro». Il signore del pan­doro, Alberto Bauli (nella foto), oggi ha 69 anni e ha appena avuto semaforo verde dal­l'Antitrust (penando non poco) per comprare le storiche aziende fondate da Angelo Motta e Gioacchino Alema­gna. Le due aziende dopo anni di tribo­lazioni sono assai dimagrite (ai tempi d'oro avevano 8 mila dipendenti, oggi 190) e messe assieme per dipendenti e fatturato valgono solo un quarto della Bauli ma continuano ad avere un bla­sone da serie A e nell'immaginario de­gli italiani evocano la Grande Milano, quella della Campionaria e del miraco­lo economico.

In realtà i panettoni ven­gono prodotti da una vita a S. Martino Buonalbergo, a due passi da Verona ma poco importa, è come se grazie a Bauli il Nord Est avesse comprato un pezzo di Milano. Una bella rivincita per i veneti e anche per il pandoro. Alberto Bauli non scopre ancora le carte ma pensa di differenziare i due marchi, Alemagna nell'alta pasticceria e Motta nella grande distribuzione e comunque non li vuol troppo milane­sizzare. Perché dice «il panettone è un dolce nazionale». A renderlo orgoglio­so, in verità, più che lo shopping am­brosiano è la scelta fatta dal venditore, la potentissima multinazionale Ne­stlé. «Non volevano dare Motta e Ale­magna a un fondo di private equity che avrebbe tagliato l'occupazione, cercavano un acquirente che desse ga­ranzie di qualità perché hanno profon­do rispetto dell'industria dolciaria ita­liana».

Racconta Bauli: «Dal '70 ad og­gi ho conosciuto ogni amministratore delegato che produceva i panettoni Motta. Succedeva sempre che veniva­no da noi a pranzo a chiederci che me­stiere è fare l'industriale del dolce da ricorrenza». Una volta accadde che an­che che tal Barbieux, un manager fran­cese, dopo il caffè apostrofasse i vero­nesi «non sarete anche voi venuti qui per venderci la vostra azienda» e si beccasse l'orgogliosa (e profetica) ri­sposta «caso mai succederà il contra­rio ». Anche quando la famiglia Zanin aveva venduto a Bauli i biscotti Doria era successa una cosa analoga. Voleva­no accasare l'azienda e scelsero sulla carta lo sposo ideale. Bussarono a casa Bauli e in due colloqui l'azienda era venduta e comprata. L'identificazione tra i 770 lavoratori fissi, i mille stagionali e l'azienda del pandoro è altissima. In 30 anni mai avuto conflitti sindacali, a nessuno vie­ne in mente di cambiar padrone nono­stante lavorino come dei matti. L'at­tuale amministratore delegato, Gasto­ne Caprini, di anni ne ha 65, è in azien­da da 30 anni e non ha nessuna voglia di andar via. Anche i finanzieri delle Fiamme Gialle arrivati in fabbrica per un controllo confessarono a Bauli di «aver trovato un ambiente incredibile».

 Su tutti regna Alberto che dalla poltrona di presidente controlla tutto grazie a un report di 60 paginette con tutti i dati aziendali che gli arriva ogni settimana sulla scrivania. Perché la Bauli è un'azienda modernissima e su­per- tecnologica: nel solo stabilimento di Castel d'Azzano sono stati investiti in 10 anni ben 150 milioni di euro per automatizzare tutto il possibile tanto che al confronto con gli impianti Ne­stlé il Veneto batteva la Svizzera. Non tutti i Bauli han scelto di lavora­re in azienda, anzi. I due fratelli di Al­berto, Carlo e Adriano, s'occupano d'al­tro e per quanto riguarda i tre figli il primo, Carlo Alberto, fa l'avvocato ed ha curato il deal con la Nestlé, il secon­do Francesco sta conseguendo un Ma­ster in biotecnologie alla New York University, la terza, Chiara, studia filo­sofia. Solo un nipote, Michele, ha pre­so la strada del pandoro. «Ma non è un problema. In fondo siamo dei vene­ti anomali, per noi la famiglia è una co­sa distinta dall'azienda, non c'è quel coinvolgimento totalizzante di tanti al­tri colleghi del Nord est. Nella vita c'è tanto d'altro».

Per sfondare Bauli capì per tempo la forza della pubblicità. Cominciò addi­rittura con Carosello ma doveva pro­grammare gli sketches mesi prima e poi magari glieli piazzavano dopo Ca­podanno, quando vender pandori è un'impresa impossibile. «Una volta venne in azienda addirittura il genera­le Fiore per controllare se le cose che dicevamo nella pubblicità corrispon­devano al vero!». Poi apparve Silvio Berlusconi «e sono stato uno dei 350 industriali ospitati in via Rovani per farsi spiegare come funzionava la tv commerciale: è stata la nostra e la sua fortuna». Oggi del Cavaliere-premier Bauli pensa che «ha grande successo perché interpreta istanze latenti ma per questo deve dare risposte, se non le darà verrà contestato anche lui». Perché le cose che «noi industriali vo­levamo 30 anni fa, un Paese che fosse più anglosassone e meno burocratico, sono ancora lì da fare».

 Persino produrre dolci è difficile in Italia, quando va bene si guadagna po­co. Ad avere ammazzato tante piccole e medie imprese è stato il cambiamen­to determinato dalla grande distribu­zione organizzata. E persino per chi si chiama Bauli è un braccio di ferro con­tinuo. «Sei costretto a passar da loro e ad accettare le regole. Usano il pando­ro e il panettone come prodotti civet­ta, li vendono sotto costo per attirare il cliente, che una volta entrato riem­pie il carrello di altri prodotti. Loro co­munque ci guadagnano e noi siamo co­stretti a comprimere i margini». Per le imprese più fragili diventa sempre più difficile tenere il mercato e così a pro­durre i dolci da ricorrenza sono rima­sti in quattro a Verona, due nel Pie­monte e uno solo a Parma. Un altro pezzo di industria che presto o tardi se ne andrà? «No - risponde Bauli - La qualità alla lunga vince. E poi la gente a Natale non può fare a meno del pan­doro o del panettone. Senza, si sente povera». 
Dario Di Vico
Corriere.it

Articoli correlati:
Motta-Alemagna nella Bauli Sarà garantita l'occupazione
Cessione Motta-Alemagna Nestlè disponibile al confronto
Acquisizione Motta/Alemagna di Bauli Gli industriali dolciari approvano
La Nestlè cede a Bauli i panettoni Motta e Alemagna
Motta-Alemagna passa a Bauli Il 27 incontro sindacati Nestlè

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®