Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 27 ottobre 2021 | aggiornato alle 02:55 | 78974 articoli in archivio

L’eccellenza della Cucina italiana vista attraverso l’arte e il colore

Successo per l’inaugurazione a Firenze della mostra “Cuochi a colori” dell’artista Renato Missaglia, che segna l’inizio di un percorso di valorizzazione della ristorazione e del Made in Italy a tavola attraverso l’arte

di Piera Genta
26 marzo 2013 | 15:18

L’eccellenza della Cucina italiana vista attraverso l’arte e il colore

Successo per l’inaugurazione a Firenze della mostra “Cuochi a colori” dell’artista Renato Missaglia, che segna l’inizio di un percorso di valorizzazione della ristorazione e del Made in Italy a tavola attraverso l’arte

di Piera Genta
26 marzo 2013 | 15:18

FIRENZE - Escono dalle pagine delle riviste di cucina e dagli schermi televisivi per entrare in una mostra. Sono 50 fra i migliori cuochi e ristoratori, quelli più noti al grande pubblico, che nel primo cortile di Palazzo Vecchio di Firenze in piazza della Signoria quel cortile progettato nel 1453 dal Michelozzo ed abbellito dal Vasari danno vita a “Cuochi a colori”, ritratti di Renato Missaglia, artista bresciano conosciuto per questo tipo di rappresentazioni. Rigorosamente in ordine alfabetico, da Massimiliano Alajmo de Le Calandre di Padova a Gianfranco Vissani di Casa Vissani di Baschi, passando per il Maestro, Gualtiero Marchesi.

da sinistra, tra le due hostess: Alberto Lupini, Renato Missaglia, Sara Biagiotti, Gualtiero Marchesi, Carla Rey e Aldo Cursano
Nella foto, da sinistra, tra le due hostess: Alberto Lupini, Renato Missaglia, Sara Biagiotti, Gualtiero Marchesi, Carla Rey e Aldo Cursano.

La mostra è stata inaugurata da Alberto Lupini, direttore di Italia a Tavola, Aldo Cursano, vicepresidente vicario della Fipe e presidente di Fipe Toscana, Sara Biagiotti, assessore allo sviluppo economico del Comune di Firenze, e Carla Rey, assessore al Commercio del comune di Venezia, in occasione dell’evento “Premio Personaggio dell’anno dell’enogastronomia e della ristorazione” organizzato da Italia a Tavola insieme a Fipe Toscana e Confcommercio Toscana.

L’esposizione rimarrà a Firenze fino al 7 aprile 2013 e poi inizierà un percorso in diverse città italiane: Cortina a giugno in occasione di Gusto Cortina, Venezia tra settembre ed ottobre e poi prima di fine anno a Roma. Integrata con altri ritratti, rappresenterà a Milano in occasione dell’Expo 2015 l’eccellenza della cucina italiana e dell’enogastronomia. Una curiosità: nessun quadro porta la firma dell’artista, perché verranno tutti autografati il giorno dell’inaugurazione dell’Expo 2015.



50 ritratti con una tecnica pittorica non tradizionale, tutti delle stesse dimensioni, che evidenziano il colore e l’espressione del viso di ognuno. Secondo la scrittrice Milena Milani, l’artista «cerca l’anima delle persone dietro gli occhi e dietro la bocca». I suoi ritratti hanno una forza espressiva di grande impatto, tanto che sono entrati in collezioni importanti, come quella del Papa, di Palazzo Chigi, della Casa Bianca. Ognuno di questi maestri della cucina sono stati incontrati e fotografati dall’artista e poi la scelta della fotografia, quella che ha stimolato la sensibilità, è diventata la base del ritratto. Colpisce il colore, non un colore a caso, ma proprio quel colore che Renato Missaglia ha “sentito” nel rapporto con la persona.



© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali