Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 25 luglio 2024  | aggiornato alle 12:47 | 106691 articoli pubblicati

Bufala Campana
Bufala Campana

Apre 3 sere per protesta e per 3 volte è multato. Il caso della pizzeria Tito a Firenze

Linea dura nel capoluogo toscano contro chi non rispetta le norme anti pandemia. Viola Cioncolini del Rouge esprime il disagio per una situazione che ormai ha messo a rischio la sopravvivenza di bar e ristoranti .

 
24 gennaio 2021 | 14:26

Apre 3 sere per protesta e per 3 volte è multato. Il caso della pizzeria Tito a Firenze

Linea dura nel capoluogo toscano contro chi non rispetta le norme anti pandemia. Viola Cioncolini del Rouge esprime il disagio per una situazione che ormai ha messo a rischio la sopravvivenza di bar e ristoranti .

24 gennaio 2021 | 14:26
 

In Italia un po’ dovunque ci sono casi di locali, per lo più bar e pizzerie, che sfidano le regole per il controllo della pandemia e aprono anche la sera in zona gialla. O peggio, aprono in zona arancione. Una situazione che deriva dalla frustrazione e dalla rabbia dei gestori costretti da mesi a chiusure senza adeguati ristori. E dopo che a Bolzano, zona rossa per il Governo, la Provincia ha deciso di aprire tutto, a pranzo e a cena fino alle 22, la situazione potrebbe portare ad un aumento delle iniziative di aperure per protesta. L’autonomia di chi può fare quello che vuole, come in Alto Adige, non è ben vista nel resto d’Italia…

Apre 3 sere e per 3 volte è multato La pizzeria Tito a Firenze

L'interno del Tito di Firenze (fonte Tito.it)

E fra le località dove si apre, in pochi in verità, si segnala Firenze. È il caso della pizzeria Tito di via Baracca (che ha altro tre locali gemelli in città). Ha aperto per tre sere di seguito, e per tre volte è stato multato. L’ultima volta venerdì con 17 sanzioni per violazioni alle disposizione Covid a 16 clienti e al titolare del ristorante, Momi El Hawi, uno dei promotori della protesta #Ioapro1501contro le limitazioni dei Dpcm. Dodici sono le multe collezionate da Tito e cinque i provvedimenti di chiusura dal mese di ottobre. In tutto sono 58 i clienti della pizzeria identificati e sanzionati nell’ultima settimana. Un record per Firenze dove sono stati finora 4 i locali multati.

Il sindaco Dario Nardella ha annunciato provvedimenti seri nei confronti dei locali che continueranno ad aprire la sera. «Saremo severissimi verso questi signori che fanno i fenomeni sfidando apertamente le istituzioni» le dure parole del sindaco.

Oltre alla pizzeria Tito , sotto la lente degli investigatori sono finiti il ristorante Passaguai di Borgo San Frediano sorpreso con quattro clienti comodamente seduti a tavola: 400 euro di multa al titolare, 400 per ognuno dei quattro ospiti e chiusura dell’attività per cinque giorni a partire da sabato sera. Multati con una sanzione da 400 euro anche il titolare de Il Clarinetto di viale Spartaco Lavagnini e i nove clienti che erano seduti.

Viola cioncolini - Apre 3 sere e per 3 volte è multato La pizzeria Tito a Firenze
            Wilma Scaloni e Viola Cioncolini del Rouge Wine Bar di Firenze (fonte La Nazione)


Il Rouge di via Pisana è un altro locale che aveva aderito alla protesta anti Dpcm, ma venerdì sera all’arrivo i poliziotti hanno trovato dei manichini, quindi niente multa. Ma sabato invece nel wine bar c'erano due clienti: quindi multa e chiusura per cinque giorni. «Siamo disperati – dice Viola Cioncolini, titolare del Rouge – abbiamo attinto ai nostri risparmi e non ce l’abbiamo fatta. Non ci hanno messo nelle condizioni di lavorare e molto probabilmente una delle prossime vittime del Covid, sarà il nostro locale. Non siamo ribelli e non cerchiamo pubblicità, siamo imprenditori che stanno vedendo andare in fumo tutti i sacrifici di una vita. E abbiamo paura del Covid, sia chiaro. Per noi e per le nostre famiglie. Ma non ha senso chiuderci la sera, i nostri sono luoghi sicuri. I contagi non dipendono da noi».

Secondo “La Nazione”, in tutto a Firenze sono meno di dieci i locali ‘ribelli’, che stanno sfidando le restrizioni di orario. Circa una sessantina, invece, quelli che hanno fatto un passo indietro alla vigilia di #ioapro1501 per paura di imbattersi in un provvedimento di chiusura. Intanto l’associazione consumatori Aduc, in una nota, avverte: «A nostro avviso – dice il presidente Vincenzo Donvito – non ci sono gli estremi per tentare un ricorso sperando che sia accolto. Per cui, il consiglio che diamo è di pagare la sanzione entro cinque giorni in modo da avere la riduzione del 30%».

 

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Debic
Nomacorc Vinventions
Agugiaro e Figna Le 5 Stagioni
Mulino Caputo

Debic
Nomacorc Vinventions
Agugiaro e Figna Le 5 Stagioni

Mulino Caputo
Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena
Icam Professionale