Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 14 novembre 2019 | aggiornato alle 23:30| 62023 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     LOCALI     GUIDE
di Marco Di Giovanni
Marco Di Giovanni
Marco Di Giovanni
di Marco Di Giovanni

Michelin, 11 tre stelle con Bartolini
Ma ancora dimenticate le pizzerie

Michelin, 11 tre stelle con Bartolini 
Ma ancora dimenticate le pizzerie
Michelin, 11 tre stelle con Bartolini Ma ancora dimenticate le pizzerie
Primo Piano del 06 novembre 2019 | 17:03

Lo chef del Mudec di Milano entra nel gotha dei tristellati e conta, ad oggi, ben 8 stelle. Due new entry tra i bistellati: ancora Bartolini con il Glam a Venezia e Mammoliti alla Madernassa. Le stelle in totale da questa nuova edizione della Rossa sono 374 (con 30 singole nuove), tuttavia ancora nessun riconoscimento ai pizzaioli.

La Guida Michelin, presentata quest'anno a Piacenza, ha distribuito come di consueto le tanto desiderate stelle ai cuochi di tutta Italia: aumenta il numero dei monostellati, dà qualche soddisfazione con 2 nuovi bistellati ma ne "leva" quattro e, ciliegina sulla torta, fa salire a 11 i tristellati, aggiungendo ai 10 (tutti confermati), il Mudec di Enrico Bartolini, che finalmente regala alla grande ristorazione milanese un cuoco ai massimi livelli secondo i criteri della Rossa. Tuttavia la guida francese compie ancora l'ennesimo passo falso escludendo da ogni classifica le pizzerie.

Enrico Bartolini riceve la terza stella Michelin (Michelin, 11 tre stelle con Bartolini Ma ancora dimenticate le pizzerie)
Enrico Bartolini riceve la terza stella Michelin

Complimenti quindi a Enrico Bartolini. Il cuoco imprenditore si conferma cuoco più stellato d'Italia, allungando la distanza dai colleghi, nettamente indietro. Sono 8 i riconoscimenti che la Michelin gli ha riconosciuto: confermata la stella all'Andana, al Casual, alla Locanda del Sant'Uffizio, salgono a due le stelle del Ristorante Glam e conquista le tre con il Mudec a Milano (da annotare - notizia passata in sordina - che il "suo" Poggio Rosso una stella l'ha persa, altrimenti sarebbero state 9). Sul palcoscenico del Teatro di Piacenza, Enrico ringrazia, rimane, come un vero ristoratore di successo, impassibile, ma porta a casa quella che probabilmente è la più grande soddisfazione che uno chef, ad oggi, possa ricevere.

Foto di gruppo, quindi, per Bartolini insieme ai 10 colleghi, le tre stelle Michelin tutte confermate in questa edizione 2020. Si tratta di Enrico Cerea (Da Vittorio), Mauro Uliassi (Uliassi), Massimiliano Alajmo (Le Calandre), Niko Romito (Reale), Enrico Crippa (Piazza Duomo), Nadia e Giovanni Santini (Dal Pescatore), Heinz Beck (La Pergola), Massimo Bottura (Osteria Francescana), Roberto Monco (Enoteca Pinchiorri), Norbert Niederkofler (St. Hubertus), assente quest'ultimo al momento della premiazione.


Novità (a differenza dell'anno scorso) anche sul fronte due stelle Michelin. Due le new entry: la prima ancora al ristorante veneziano di Enrico Bartolini e al suo resident Donato Ascani; l'altra a Michelangelo Mammoliti, commosso sul palco, per la seconda stella al suo ristorante La Madernassa. «Mi scoppia il cuore - ha detto Michelangelo - da quella telefonata in cui mi è stato detto di presentarmi a Piacenza oggi. Avrei potuto ricevere una stretta di mano, uno scappellotto, avrei potuto ricevere un premio o più semplicemente vedermi cucito sul cuore un'altra stella Michelin. Resterà, questo, uno dei giorni più belli della mia vita. Resterà impresso nella mia mente ogni attimo di questa giornata».

Donato Ascani e Michelangelo Mammoliti (Michelin, 11 tre stelle con Bartolini Ma ancora dimenticate le pizzerie)
Donato Ascani e Michelangelo Mammoliti

Se due sono le novità bistellate, quattro sono i locali che le due stelle le perdono: si tratta di Al Sorriso (che già nel 2012 aveva perso la terza stella, oggi perde anche la seconda), di Locanda Don Serafino a Ragusa Ibla dello chef Vincenzo Candiano, di Locanda Margon (che recentemente ha visto un cambio in cucina, il saluto di Alfio Ghezzi e l'arrivo di Edoardo Fumagalli) e di Vissani, il ristorante dello chef storico volto della tv, che ha già sfogato tutta la sua ira in un'intervista rilasciata al Corriere. Tutti e quattro questi locali hanno la singola stella confermata.

Le nuove stelle Michelin sono 30, a perderla invece sono in 13. I due buoi, Alessandria; San Marco, Canelli (At); Locanda Stella d’Oro, Soragna (Pr); Poggio Rosso, Castelnuovo Berardegna (Si); Relais blu Massa Lubrense/Termini (Na); Vairo del Voluturno, Variano Patenora (Ce); Mosaico, Ischia (Na); Caffè Les Paillotes, Pescara, La Sponda, Positano (Sa); Alpes, Sarentino (Bz). A perderla sono anche il Pomiroeu di Giancarlo Morelli a Seregno (Mi); La locanda del notaio, dopo che Edoardo Fumagalli ha lasciato per passare a Locanda Margon, in sostituzione di Ghezzi; Winter Garden by Caino a Firenze, il "secondo" ristorante della bistellata Valeria Piccini.

Beppe Stanzione, Adriano Dentoni Litta, Agostino Iacobucci, Aldo Ritrovato, Alessandro Proietti Refrigeri, Ana Karime Lopez Kondo e Antonello Sardi (Michelin, 11 tre stelle con Bartolini Ma ancora dimenticate le pizzerie)
Beppe Stanzione, Adriano Dentoni Litta, Agostino Iacobucci, Aldo Ritrovato, Alessandro Proietti Refrigeri, Ana Karime Lopez Kondo e Antonello Sardi

Felice Lo Basso, Bruno Melatti, Cristian Fagone, Davide Filippetto, Domenico Candela, Domenico Iavarone e Federico Zanasi (Michelin, 11 tre stelle con Bartolini Ma ancora dimenticate le pizzerie)
Felice Lo Basso, Bruno Melatti, Cristian Fagone, Davide Filippetto, Domenico Candela, Domenico Iavarone e Federico Zanasi

Luigi Lionetti, Francesco Apreda, Gianluca Gorini, Giorgio Bertolucci, Giuseppe Raciti, Lorenzo Montoro e Luca Landi (Michelin, 11 tre stelle con Bartolini Ma ancora dimenticate le pizzerie)
Luigi Lionetti, Francesco Apreda, Gianluca Gorini, Giorgio Bertolucci, Giuseppe Raciti, Lorenzo Montoro e Luca Landi

Vincenzo Guarino, Mathias Bachmann, Paolo Griffa, Pietro Penna, Roberto Toro, Rocco De Santis e Senio Venturi (Michelin, 11 tre stelle con Bartolini Ma ancora dimenticate le pizzerie)
Vincenzo Guarino, Mathias Bachmann, Paolo Griffa, Pietro Penna, Roberto Toro, Rocco De Santis e Senio Venturi

In tutto questi i numeri della nuova Rossa 2020: 374 stellati in totale, di cui 11 tre stelle Michelin, 35 due stelle e 328 una stella. L'Italia si conferma il secondo Paese più stellato e il quarto per numero di tristellati.

Tutte le nuove stelle

TRE STELLE MICHELIN
Mudec, Milano

DUE STELLE MICHELIN
Ristorante Glam, Venezia
La Madernassa, Guarene (Cn)

UNA STELLA MICHELIN
Dagorini, Gianluca Gorini, San Piero In Bagno (Fc)
Iacobucci, Agostino Iacobucci, Castel Maggiore (Bo)
Apostelstube, Mathias Bachmann, Bressanone (Bz)
L'Asinello, Senio Venturi, Castelnuove Berardenga (Si)
Santa Elisabetta, Rocco De Santis, Firenze
Gucci Osteria da Massimo Bottura, Ana Karime Lopez Kondo, Firenze - Lei l'unica donna tra le nuove stelle Michelin
Virtuoso, Tenuta Le Tre Virtù, Antonello Sardi, Lucigliano (Fi)
Lunasia, Luca Landi, Viareggio (Lu)
Petit Royal, Paolo Griffa, Courmayeur (Ao)
Glicine, Giuseppe Stanzione, Amalfi (Sa)
Monzù, Luigi Lionetti, Capri (Na)
La Tuga, Adriano Dentoni Litta, Ischia (Na)
George Restaurante, Domenica Candela, Napoli
Il Flauto di Pan, Lorenzo Montoro, Ravello (Na)
Josè Restaurant, Domenica Iavarone, Torre del Greco (Na)
Idylio by Apreda, Francesco Apreda, Roma
Atelier, Giorgio Bartolucci, Domodossola (Vb)
Fre, Bruno Melatti, Monforte d'Alba (Cn)
Condividere, Federico Zanasi, Torino
Casamatta, Pietro Penna, Manduria (Ta)
Memorie di Felix Lo Basso, Felice Lo Basso, Trani (Bt)
Otto Geleng, Roberto Toro, Taormina
Zash, Giuseppe Raciti, Riposto (Ct)
Impronte, Cristian Fagone, Bergamo
L'Aria, Vincenzo Guarino, Blevio (Co) - Caso raro nella cucina italiana: durante la sua carriera ha portato la stella nei ristoranti di quattro diversi hotel
Villa Naj, Alessandro Proietti Refrigeri, Stradella (Pv)
L'Alchimia, Davideo Puleio, Milano
It Milano, Aldo Ritrovato, Milano
Storie d'Amore, Davide Filippetto, Borgoricco (Pd)
Parco di Villa Grey, Nicola Gronchi, Forte dei Marmi (Lu)

I premi speciali
Passion for wine: Rino Billia, sommelier dell’Hotel Bellevue di Cogne (Ao)
Servizio di sala: Sara Orlando, maitre di Locanda di Orta a Orta San Giulio (No)
Chef mentor: Gennaro Esposito, chef di La Torre del Saracino (Vico Equense, Na)
Giovane chef: Davide Puleio, L'Alchimia (Milano)

I premi speciali della Michelin 2020 (Michelin, 11 tre stelle con Bartolini Ma ancora dimenticate le pizzerie)
I premi speciali della Michelin 2020

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Michelin guida locali Piacenza stella Michelin Mudec Milano tre stelle tristellato La Madernassa Ristorante Glam riconoscimento Enrico Bartolini Enrico Crippa Enrico Cerea Nadia Santini Giovanni Santini Norbert Niederkofler Massimiliano Alajmo Massimo Bottura Roberto Monco Niko Romito Mauro Uliassi Heinz Beck Donato Ascani Michelangelo Mammoliti Vincenzo Candiano Edoardo Fumagalli Alfio Ghezzi Gianfranco Vissani Beppe Stanzione Adriano Dentoni Litta Agostino Iacobucci Aldo Ritrovato Alessandro Proietti Refrigeri Ana Karime Lopez Kondo Antonello Sardi Felice Lo Basso Bruno Melatti Cristian Fagone Davide Filippetto Domenico Candela Domenico Iavarone Federico Zanasi Luigi Lionetti Francesco Apreda Gianluca Gorini Giorgio Bertolucci Giuseppe Raciti Lorenzo Montoro Luca Landi Vincenzo Guarino Mathias Bachmann Paolo Griffa Pietro Penna Roberto Toro Rocco De Santis Senio Venturi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).