ABBONAMENTI
 
Rational
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 27 settembre 2020 | aggiornato alle 06:47 | 68003 articoli in archivio
Castel Firmian
Ros Forniture Alberghiere
di Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
di Federico Biffignandi

Basta multe a bar e ristoranti
La Movida va gestita dai Sindaci

Basta multe a bar e ristoranti 
La Movida va gestita dai Sindaci
Basta multe a bar e ristoranti La Movida va gestita dai Sindaci
Primo Piano del 26 maggio 2020 | 06:50

Il primo weekend di movida ha riaperto un dibattito annoso tra i gestori dei locali e i comuni su chi debba far rispettare le regole. Strade e piazze non sono gestite dai pubblici esercizi. A Ferrara, l’esempio virtuoso dei locali che si sono uniti e hanno trovato un accordo con il sindaco.

Locali pubblici sotto attacco a causa di una movida poco controllata nel primo weekend di riaperture dopo il lockdown. Qualche multa (poche a dire il vero) è piovuta nei confronti di bar e ristoranti, ma soprattutto ad arrivare a raffica sono state le ordinanze dei sindaci che hanno limitato l’apertura di locali oppure di aree calde del divertimento lungo tutta l’Italia.

Chi monitora la movida ai tempi del covid? - Movida, perché le multe ai locali? I Comuni monitorino il territorio
Chi monitora la movida ai tempi del covid?

Una punizione severa, sicuramente giusta per evitare assembramenti e facilitazioni di contagi (non va dimenticato che siamo in Fase 2, non siamo usciti dall’emergenza), ma perché nel mirino devono finire sempre gli esercenti? E viene da dire sempre perché la questione del controllo della movida non è certo nuova per via del covid, ma esiste già dal momento in cui è stato coniato il termine. Basti pensare alla vendita di alcolici per minorenni. I locali sanno quanto le normative siano estremamente severe in questo senso e tutti (facciamo tanti...) sanno che gli alcolici si portano anche da casa e a quel punto i ragazzi possono berli ovunque, anche nei pressi di un locale che resta comunque incolpevole. O peggio, i minorenni si fanno comprare da bere da chi è pù grande, e le fanno consegnare "fuori" dal locale.

La domanda che sorge spontanea è quale sia la colpa di bar e ristoranti se giovani in preda a rivoluzioni ormonali e a crisi d’astinenza da alcol non rispettino le linee guida nei pressi del locale. Come può un gestore essere in grado di gestire centinaia di ragazzi alticci? Ma soprattutto, come può farlo se non ha il diritto di farlo nel momento in cui questi bivaccano in una zona non di competenza di quel locale?

Perché le amministrazioni comunali non hanno messo in atto controlli preventivi e un po’ più seri piuttosto che arrivare a notte fonda a sirene spiegate cercando (inutilmente) di smaltire gli assembramenti? Dubbi ormai annosi sui quali solo raramente arrivano le risposte.

Roberto Calugi - Movida, perché le multe ai locali? I Comuni monitorino il territorio
Roberto Calugi

«Le multe sono giuste se si sbaglia - ha detto il direttore generale di Fipe, Roberto Calugi - ma qui il tema non è punire, piuttosto prevenire. Assodato che il tema sia questo, sono le forze dell’ordine che devono monitorare il territorio, non certo i gestori dei locali. Se si pensa che questi vogliano incassare a tutti i costi anche senza rispettare le linee guida per la sicurezza, si sbaglia. Ristoratori e baristi sono i primi a temere di ritornare al lockdown, perché dovrebbero chiudere e morirebbero sicuramente. Vorremmo evitare a questo proposito che oltre al danno ci fosse la beffa, noi abbiamo tutto da perdere da un ritorno alla quarantena. Detto questo ribadiamo l’appello ai gestori che richiamiamo alla massima responsabilità e ad una gestione atta alla movida sana».

Movida, perché le multe ai locali? I Comuni monitorino il territorio
Matteo Musacci

Trovare accordi però è possibile. Matteo Musacci, presidente dei giovani imprenditori Fipe, racconta la sua esperienza a Ferrara, dove lavora. «Con tutti i locali - racconta - ci siamo accordati per chiedere all’amministrazione di mettere a disposizione personale di sicurezza privato (assumendosi l’onere delle spese) per filtrare l’ingresso delle persone nelle principali vie della movida. Abbiamo trovato un accordo e questo faciliterà il nostro lavoro. Smaltire un assembramento o impedire la movida è impossibile, ma regolarizzarla e calmierarla si può fare. Anche perché non esiste nessuna norma che permetta alle amministrazioni comunali di infliggere multe ai locali che non fanno rispettare certe regole fuori dal proprio raggio di competenza. Il mio consiglio per tutti i gestori di locali d’Italia è quello di riunirsi, fare squadra, collaborare e poi confrontarsi con le amministrazioni comunali di competenza per trovare un accordo».

Forse una soluzione potrebbe essere quella di concedere a tutti la gestione di spazi esterni anche gratuiti così come accade per i ristoranti: una maggior autonomia e responsabilizzazione potrebbe essere utile ad un monitoraggio più circoscritto e quindi sicuro. Di certo, anche in questo senso, qualche aiuto economico per pagare il servizio di sicurezza male non farebbe.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


locali fipe movida locale bar ristorante forze dellordine comune amministrazione comunale weekend Roberto Calugi matteo musacci

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®