Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 30 novembre 2021 | aggiornato alle 05:02 | 79853 articoli in archivio

L’appello dei cuochi alle scuole alberghiere: non spegnete l’entusiasmo dei ragazzi

Nella nuova generazione c'è chi ha ancora voglia di buttarsi nel mondo della ristorazione, di fare fatica e sacrifici. Le complicazioni però sono sempre di più, ecco perchè dai docenti serve una spinta motivazionale. L'appello dei cuochi è quello di trasmettere competenze e passione e accendere la scintilla nei cuori dei ragazzi

di Federico Biffignandi
10 settembre 2021 | 16:27
I giovani hanno ancora voglia di cucina L’appello dei cuochi alle scuole alberghiere: non spegnete l’entusiasmo dei ragazzi
I giovani hanno ancora voglia di cucina L’appello dei cuochi alle scuole alberghiere: non spegnete l’entusiasmo dei ragazzi

L’appello dei cuochi alle scuole alberghiere: non spegnete l’entusiasmo dei ragazzi

Nella nuova generazione c'è chi ha ancora voglia di buttarsi nel mondo della ristorazione, di fare fatica e sacrifici. Le complicazioni però sono sempre di più, ecco perchè dai docenti serve una spinta motivazionale. L'appello dei cuochi è quello di trasmettere competenze e passione e accendere la scintilla nei cuori dei ragazzi

di Federico Biffignandi
10 settembre 2021 | 16:27

Il dibattito tra istituti alberghieri e mondo della ristorazione prosegue e le due parti non se le mandano certo a dire. La “bomba” l’hanno sganciata i dirigenti scolastici accusando di sfruttamento i ristoranti, ma i cuochi e imprenditori si sono rivoltati spiegando che ci sono anche i docenti incompetenti e privi di entusiasmo. Oggi, ancora i cuochi tornano a commentare la problematica, sottolineando che i giovani hanno ancora voglia di intraprendere con passione la carriera nella ristorazione, ma che questa deve essere alimentata già dai banchi di scuola.

 

Apreda: La scuola sia più intraprendente

Francesco Apreda, chef del ristorante Idylio (*) del The Pantheon Iconic Rome Hotel non ha dubbi su questo tema: «I ragazzi hanno ancora voglia di fare sacrifici - spiega - ma alcuni faticano a proseguire perché incontrano situazioni precarie che spengono le ambizioni. Situazioni che si incontrano anche nelle classi, dove purtroppo le ore di laboratorio sono poche, le stagioni estive di pratica anche. Ci sono però casi eccezionali che fanno bene ai ragazzi: recentemente sono stato a Rieti dove la scuola ha investito denaro per invitare chef stellati a parlare del mestiere agli studenti, ma soprattutto si sono creati rapporti per portare i ragazzi a fare tirocini in ristoranti stellati. Insomma, serve maggiore intraprendenza e voglia di creare connessioni».

 

Biscotti: Ai docenti manca esperienza nel settore

Una visione che viene condivisa anche da Angelo Biscotti, che rompe il mito di una nuova generazione formata solo da bamboccioni viziati. «Oggi i ragazzi sono un valore aggiunto - sottolinea - e la loro dote migliore, da cavalcare, è la gran voglia di fare, di mettersi a disposizione. Io mi occupo di formazione a Cast Alimenti e il nostro obiettivo è quello di far capire agli studenti quali sono le difficoltà del mestiere. Tuttavia, i limiti sono molti: da un lato non tutti i docenti hanno esperienza diretta nel settore, dall’altro le scuole mancano proprio di strutture tecnologiche utili a formare a dovere gli allievi».

 

 

Mangia: Le scuole statali, un rifugio per disperati

Secondo alcuni, l’effetto Masterchef sarebbe già svanito. Mentre fino a qualche anno fa gli show televisivi avevano fatto esplodere una passione scriteriata verso il mestiere, oggi le luci della ribalta sono state ridimensionate e sulla strada della cucina è rimasto solo chi ha davvero voglia. La pensa così Gianluigi Mangia dell’omonimo ristorante di Palermo: «I ragazzi oggi sono più motivati, più colti, più pronti e più appassionati di cucina perché hanno maturato il vero amore per il mestiere. Penso però che gli istituti alberghieri statali non formano al meglio, spesso sono rifugi per “disperati”: le scuole private serie sono migliori».

Francesco Apreda, Angelo Biscotti, Gigi Mangia L’appello dei cuochi alle scuole alberghiere: non spegnete l’entusiasmo dei ragazzi

Francesco Apreda, Angelo Biscotti, Gigi Mangia

 

Grillotti: Con la Dad, persi due anni di formazione

La distinzione tra corsi regionali o provinciali e corsi privati viene evidenziata anche da Elia Grillotti, del ristorante La Corte di Rieti: «La realtà - precisa - è che il programma degli istituti regionali o statali non è sufficiente per preparare i ragazzi, le scuole pensano più all’apparenza che alla sostanza. Chi esce dalle scuole e trova lavoro è perché si è dato da fare privatamente. Io insegno in una scuola alberghiera e soprattutto con il Covid e la Dad si è rasentato il ridicolo a livello di insegnamento. Di fatto per due anni abbiamo fatto diplomare ragazzi non pronti ed è anche per questo che si è creato quel bisogno di personale, che si fa fatica a trovare nonostante le paghe (almeno del mio ristorante) elevate perché diamo 150 euro a servizio».

Gioca e Parti

 

Feo: Giovani senza capacità pagati più del dovuto

La mancanza di personale denunciata quest’estate su più fronti risente anche del fatto che in molti, anche se nel settore da diversi anni, hanno abbandonato la ristorazione a causa della crisi e si sono dedicati ad altro. Perché il mestiere è duro, i sacrifici tanti e il tempo per la famiglia risicato, soprattutto nelle ricorrenze. Un bisogno disperato che crea delle ulteriori problematiche: «Oggi - spiega Alessandro Feo dell’omonimo ristorante di Casal Velino (Sa) - a costo di avere personale i ristoratori pagano più del dovuto quelli che trovano. Sono in pochi perché tanti preferiscono percepire sussidi come il reddito di cittadinanza, che è un problema serio anche questo. L’altro aspetto riguarda l’età in cui si rende possibile lavorare: ora è salita a 16, mentre prima era 14 e anche questo è un limite perché i ragazzi arrivano nei ristoranti per tentare la carriera a 18 anni e se capiscono che non è la loro strada poi è dura tornare indietro e dedicarsi ad altro».

Alessadro Feo, Elia Grillotti, Antonio Labriola L’appello dei cuochi alle scuole alberghiere: non spegnete l’entusiasmo dei ragazzi

Alessadro Feo, Elia Grillotti, Antonio Labriola

 

Labriola: Cuochi con poco tempo, difficile formare i ragazzi

Sul tema del lavoro batte anche Antonio Labriola, chef consultant: «Penso andrebbe rivisto il contratto nazionale del lavoro per tutelare gli imprenditori e i dipendenti in modo da innescare un circolo virtuoso utile a tutto il settore. Se i ragazzi arrivano nei ristoranti impreparati, poi tocca ai cuochi formarli, ma i cuochi hanno fretta di lavorare e poca pazienza di insegnargli, pretendendo che sappiano tutto subito e non accettando limiti ed errori. Un consiglio ai ragazzi: non gonfiate i curriculum con competenze che non avete, create inutili aspettative che danneggiano tutti».

Gli altri articoli della nostra inchiesta:

L'accusa delle scuole: ragazzi sfruttati dai ristoranti, così fuggono all'estero
I cuochi alle scuole alberghiere: professori senza passione e troppa teoria
La vera urgenza per bar e ristoranti? La riforma delle scuole alberghiere
Anche i pasticceri puntano il dito contro le scuole: la formazione ricade su di noi
Laboratorio ed #Excel servono! Ai nuovi barman non può bastare solo la teoria
Le Donne del vino: il vino sia materia di studio negli istituti alberghieri

© Riproduzione riservata


11/09/2021 12:48:46
2) Lo sforzo di tutti.
Tutti parlano della scuola omettendo la parola chiave....”dell’obbligo”. Una scelta “obbligata” e speso imposta ai ragazzi, ed alle famiglie, per ottenere il “pezzo di carta”. Se a questo aggiungiamo una drastica riduzione delle ore di laboratorio e l’ impossibilità di impratichirsi all’esterno della scuola facendo lavoretti extra, si può capire facilmente lo stallo motivazionale in cui ci troviamo. Non paragonate le scuole dell’obbligo ai corsi privati delle scuole per adulti. La scelta che fa l’allievo è “dovuta” , nel primo caso e “voluta” nel secondo e ciò fa una bella differenza. L’età per iniziare a lavorare non è 16 anni, a quel età finisce l’obbligo scolastico, ma in pratica nessuno assume lavoratori minorenni, sopratutto nei pubblici esercizi. Troppi i limiti ( orario di lavoro limitato) e troppe le incombenze ( tutor, responsabilità), quindi chi decide di abbandonare la scuola a 16 anni si ritrova ad oziare per due anni.( e questo il legislatore riformista non lo ha mai considerato). Da alcuni anni, nelle scuole regionali, sono proposti i percorsi di studio in alternanza scuola-lavoro, dove gli allievi seguono il percorso scolastico per 3 giorni alla settimana e nei restanti 3 vanno nell’azienda ospitante ( in questo caso il tutor lo fornisce la scuola e la responsabilità del datore è “sgravata”). Questo dovrebbe servire agli imprenditori ad assumere poi l’allievo, ma così non è, perché preferiscono avere un altro allievo e ricominciare il giochetto a basso costo. Perciò finché non ci si siede e si discute seriamente l’argomento, arrivando a delle proposte condivise da sottoporre agli organi competenti , produciamo aria fritta!
Raffaele Auriemma

10/09/2021 22:17:35
1) Basterebbe
Basterebbe eliminare il sistema dei concorsi per inserire docenti professionalmente preparati e con lunga esperienza in cucina non docenti di 25 anni che si spacciano per chef e insegnano a fare i piselli bonne Femme era salsa al pomodoro cotta due ore...
RoDante LoChef

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali