ABBONAMENTI
 
Humanitas
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 14 aprile 2021 | aggiornato alle 16:02| 73985 articoli in archivio
Castel Firmian
Rational
di Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
di Federico Biffignandi

I ristoranti scattano col "giallo": così in Lombardia si scalpita per riaprire

I ristoranti scattano col
I ristoranti scattano col "giallo": così in Lombardia si scalpita per riaprire
Primo Piano del 10 dicembre 2020 | 08:30

I locali sono chiusi al pubblico dal 6 novembre. Ora la zona gialla consentirà la riapertura domenica a pranzo. Oldani ha già ricevuto prenotazioni che «riempirebbero cinque ristoranti». Da Vittorio ricomincerebbe persino sabato, Viva è pronto a rimettersi in pista, i Lebano vogliono fare scuola.

Dal 6 novembre i ristoranti della Lombardia sono chiusi al pubblico. Prima l’inferno della zona rossa decretata con l’avanzare inesorabile della seconda ondata di coronavirus; poi, dal 29 novembre, il purgatorio della zona arancione considerando l’abbassamento della curva; e ora ecco una luce (gialla) all’orizzonte con la zona più morbida che dovrebbe entrare in vigore da domenica 13 dicembre secondo quanto ha annunciato il governatore, Attilio Fontana.

Da domenica ristoranti lombardi aperti a pranzo - Lombardia gialla da domenica? I ristoranti scalpitano per riaprire
Da domenica ristoranti lombardi aperti a pranzo

Zona gialla significa: bar e ristoranti aperti fino alle 18
Passare da rossi ad arancioni era stato più che altro un segnale, un respiro, un mezzo sorriso, ma ai fini pratici le restrizioni erano rimaste ancora piuttosto severe. Diventare gialli invece significa cambiare vita, riaprire gli occhi, uscire di casa con maggior spensieratezza, libertà, oltrepassare i famigerati confini comunali e addirittura quelli regionali se il transito sarà tra regioni gialle. Emblema di questa semi-libertà sarà la riapertura di bar e ristoranti. Che dovrà comunque ancora parziale con la chiusura obbligata alle 18, ma comunque il bicchiere sarà mezzo pieno.

Aprire a pieno regime richiede sforzi diversi dal delivery
I fornelli torneranno ad accendersi, le luci delle sale torneranno a illuminare tavole imbandite, i cuochi torneranno a sbirciare il gradimento degli ospiti in sala e, ancor di più, i camerieri torneranno in pista, al lavoro, a fare il loro lavoro dopo essersi prodigati a fare qualunque cosa pur di perdere la minor percentuale di stipendio possibile.

Non che in questo mese i cuochi siano stati con le mani in mano perché praticamente tutti si sono lasciati trasportare dalla stuzzicante proposta di delivery e asporto che ha stimolato la fantasia. Ma insomma, riaprire a pieno regime sotto le feste sarà ben altra cosa.

Chicco Cerea: «Prima di aprire, due giorni di lavorazioni»
E i cuochi sono pronti, non temono il riaccendersi dei motori nonostante davanti a loro ci sia un periodo ancora complicato. «Fosse per me - ha detto il tristellato Chicco Cerea, del ristorante Da Vittorio di Brusaporto (Bergamo) - aprirei anche sabato perché ogni giorno che passa renderebbe sempre meno giustificabile una riapertura. Rimettere in moto una macchina come la nostra non è semplice e richiede tempo: dobbiamo richiamare i nostri ragazzi che sono tornati a casa in tutta Italia, dobbiamo ordinare la merce, preparare le materie prime, imbastire le ricette, pulire i macchinari. Insomma ci vogliono due giorni pieni di lavoro per farci trovare pronti domenica. E domenica saremo pronti».

La famiglia Cerea - Lombardia gialla da domenica? I ristoranti scalpitano per riaprire
La famiglia Cerea

Da Vittorio apre con una speranza: «Ci auguriamo - ha aggiunto - che la gente abbia voglia di tornare da noi, che abbia desiderio di venirci a trovare in sicurezza anche per riprendere la vita normale. A Natale noi saremo aperti, ma auspichiamo che si possa circolare almeno in provincia altrimenti sarebbe come restare chiusi».

Oldani: «Giù ricevuto prenotazioni per occupare 5 ristoranti»
Dalla bergamasca a Milano l’entusiasmo non viene meno. Non sta più nella pelle per esempio Davide Oldani di D’O: «Siamo assolutamente pronti - ha detto - molto motivati, fiduciosi nella ripartenza. Avremo anche un sorriso, è uno spiraglio di luce». Lavorare, finalmente, senza fare polemica: «L'importante è rispettare le regole che ci vengono date senza batter becco». E anche la clientela sembra essere carica: «In poche ore abbiamo ricevuto talmente tante richieste che potremmo riempire cinque ristoranti… La gente ha voglia di riprendersi con le giuste cautele la dimensione dell'uomo e le relazioni. Vedo ottimismo».

Davide Oldani - Lombardia gialla da domenica? I ristoranti scalpitano per riaprire
Davide Oldani

Poi ci sarà l’occasione del Natale: Oldani aprirà solo a pranzo e «proprio da oggi a domenica decideremo gli ultimi ritocchi da fare al menu natalizio. Abbiamo comunque un piano già pronto, usciamo col menu invernale anche se siamo ancora in autunno. Puntiamo sulla stagionalità. La Stella verde Michelin appena conquistata l'ha dimostrato, saremo sempre più attenti al sostenibile».

Viviana Varese: «Noi apriamo, non so dire quale sarà la reazione dei clienti»
Non ha alcun dubbio sulla pronta riapertura anche Viviana Varese di Viva: «Noi domenica apriamo subito - ha detto - ci stiamo organizzando da qualche giorno con pulizie e sanificazione. Sabato finiremo con gli ultimi preparativi e poi ci faremo trovare pronti e se non sarà proprio domenica andremo a martedì». Una ripartenza che non sarà proprio da zero: «Non abbiamo mai smesso di lavorare puntando sull’e-commerce soprattutto in chiave natalizia, alla gente è piaciuta l’idea che sta andando bene. Come risponderà la gente? Non lo so dire, ma noi apriremo le porte e aspetteremo».

Viviana Varese - Lombardia gialla da domenica? I ristoranti scalpitano per riaprire
Viviana Varese

I Lebano: «Apriamo subito, ristoranti d'albergo fanno scuola»
Poi ci sono i ristoranti di albergo che partono “avvantaggiati” avendo sempre potuto lavorare, ma che comunque dovranno compiere uno sforzo in più per aprire anche a chi non è cliente dell’hotel. È il caso dei fratelli Lebano del Terrazza Gallia. «Proprio in queste ore stiamo pianificando la riapertura - ha detto Vincenzo Lebano - a cominciare dai turni di lavoro del personale. Le forze in sala e cucina dovranno aumentare, ma saremo pronti. Credo che la ristorazione d’albergo abbia molto da insegnare a livello di organizzazione del lavoro e di personalizzazione dell’offerta ai clienti che bisogna imparare a conoscere e ad accontentare. Ci faremo trovare pronti e vedremo come andrà. Il Natale? Stiamo studiando il miglior format, ma quello che è certo è che ci saremo, con la tavola imbandita nel pieno rispetto della tradizione».

i fratelli Lebano - Lombardia gialla da domenica? I ristoranti scalpitano per riaprire
I fratelli Lebano

© Riproduzione riservata


“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


HORECATURISMO ristorante lombardia da vittorio terrazza gallia bergamo brusaporto milano covid restrizioni lockdown zona gialla zona rossa zona arancione pranzo natale chicco cerea davide oldani vincenzo lebano viviana varese attilio fontana

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®