Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 22 gennaio 2020 | aggiornato alle 22:52| 63080 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rotari
HOME     VINO     CONSORZI
di Vincenzo D’Antonio
Vincenzo D’Antonio
Vincenzo D’Antonio
di Vincenzo D’Antonio

Vini altoatesini a Palazzo Petrucci
esaltati dai piatti di Scarallo

Vini altoatesini a Palazzo Petrucci 
esaltati dai piatti di Scarallo
Vini altoatesini a Palazzo Petrucci esaltati dai piatti di Scarallo
Pubblicato il 05 dicembre 2019 | 12:37

Un pranzo tanto originale quanto ben riuscito quello che ha visto protagonisti nel calice i prodotti del Consorzio Alto Adige e nel piatto la cucina dello chef campano.

L’area mediterranea, lo si ribadisce sovente, è cosa distinta dal mare Mediterraneo che della suddetta area è parte prevalente ma non assoluta. E non vorrà mica intendersi con area, dall’elemento acqua scissa, la zona costiera. Assolutamente no. Per area mediterranea andiamo ad intendere quell’insieme di elementi naturali, patrimonio colturale incluso e di sovrapposizioni determinate dall’uomo nel corso dei secoli il cui influsso connotante è costituito dall’incontro e quindi dai flussi migratori vissuti dalle popolazioni che si affacciano sul Mare Mediterraneo. Ecco, raccontata così, ha pieno e legittimo posizionamento nell’area mediterranea quel Paradiso in Terra, di certo uno dei luoghi più belli del Creato, che è l’Alto Adige.

Tre etichette servite durante la cena (Vini altoatesini a Palazzo Petrucci esaltati dai piatti di Scarallo)
Tre etichette servite durante il pranzo

Terra di confine, border line settentrionale dell’area mediterranea. Indizio? Abbiamo la vite, non abbiamo l’ulivo. Meravigliosi vigneti da cui scaturiscono vini di grandissimo pregio. Vigneti strappati alle montagne come nelle Valli Isarco e Venosta, vigneti in altopiano come a Corniano, pendii soleggiati come a Mazzon, pianure calde e ghiaiose come a Bolzano. Appassionato e faticoso il lavoro in vigna, meticoloso e condotto con sapienza il lavoro in cantina. Coesistono microaziende a conduzione familiare che esitano poche bottiglie e strutture cooperative ed aziende storiche con numeri più consistenti.

Fenomeno principiato negli anni Ottanta dello scorso secolo: la selezione delle varietà in base ai vigneti, la drastica riduzione delle rese, la confidenza con le nuove tecnologie, hanno consentito quel salto di qualità al punto tale che attualmente il 99% della superficie vitata altoatesina è tutelata dal disciplinare Doc.

Il Consorzio Vini Alto Adige, nato nel 2007 e diretto da Eduard Bernhart svolge ruolo attento di tutela e ruolo propulsivo di valorizzazione della produzione vinicola Doc. L’obiettivo consiste nel dare un senso ancor più spiccatamente territoriali ai propri vini, ulteriormente valorizzando il binomio virtuoso vitigno - vigneto dal quale scaturisce la massima espressione enologica atesina.

Dal limitare settentrionale dell’area mediterranea, in viaggio con destinazione una delle capitali dell’area: Napoli. Sontuoso pranzo a Palazzo Petrucci, a governo di cucina lo chef Lino Scarallo. Ghiotto e gioioso il challenge: come si abbinano i vini altoatesini con le intriganti proposte dello chef Scarallo? Si comincia con una Lasagnetta di Mozzarella di Bufala Campana Dop e crudo di gamberi su salsa di cavolo broccolo. Nell’appropriato calice, dotta quanto garbata la presentazione, il Bianco Manna 2018 by Franz Haas: assemblaggio di cinque uve, Riesling, una piccola parte di Kerner e Sauvignon, Chardonnay e Traminer Aromatico. La duttilità del vino è straordinaria ed è tale, perciò, da rendere felice l’abbinamento con la squisita Lasagnetta. Si prosegue con un suggestivo Tagliolino di calamaro con vongole veraci abbinato al Sauvignon Blanc Praesulis 2018 by Gump Hof: quanto gradevoli e quanto ben gradite le note agrumate.

Altra prodigiosa creazione dello chef Scarallo: Seppia, cremoso di mandorle, lampone salato e mirto. Nel calice una sorpresa piacevolissima. Fatto da Cantina Kaltern, il Kalteresee Classico Superiore Quintessenz 2018 da uve schiava. Abbinamento poco canonico ma di forte riuscita.

Il Bianco Manna, ma questa volta nella sua annata 2010 ed in bottiglia magnum si propone lietamente insieme con Hosomaki di verza e riso, limone candito, scampi e brodo di pecorino. In sequenza ravvicinata tre 10 e lode: al vino, alla pietanza, all’abbinamento.

Dalla cantina Nals Margreid, frutto della fusione nel 1985 di due storiche cantine, un pregevole Pinot Bianco Sirmian 2018 che carezzevolmente accompagna il Risotto con porro arrostito, stracciata di bufala, battuto di mazzancolle e polvere di funghi porcini.

Altro primo proposto da Lino Scarallo: Candele spezzate alla genovese e Provolone del Monaco Dop. Nel calice, smart l’abbinamento, ancora da Cantina Kaltern, il Pfarrhof 2014.

Si vira su ben fatto piatto di carne con Agnello scottato con albicocche passite, pecorino e menta. Nel calice per abbinamento frutto di felice e competente intuizione, il Pinot Bianco Sirmian 2005 by Nals Margreid.

Un territorio ad assoluta vocazione vitivinicola, l’Alto Adige, in forma efficientemente ed efficacemente organizzata mediante il pertinente Consorzio offre con i suoi vini di altissimo pregio voluttuoso abbraccio alle squisite proposte culinarie di Lino Scarallo, il bravissimo chef di Palazzo Petrucci. Ne è sortita memorabile esperienza cognitiva ed emozionale, a testimonianza ulteriore di quali e quanti tesori sono contenuti in quello scrigno prezioso che è il nostro Belpaese.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


vino wine consorzio vini alto adige palazzo petrucci chef cuoco cucina abbinamento Lino Scarallo Eduard Bernhart

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).