Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 29 maggio 2024  | aggiornato alle 07:08 | 105458 articoli pubblicati

Roero
Salomon FoodWorld
Salomon FoodWorld

Basta scimmiottare gli orientali Alt di Aimo alla finta creatività

Accorato appello di Aimo Moroni per la tutela della Cucina italiana all'assemblea dell'Associazione professionale cuochi a Milano. Il segretario Carlo Re rilancia il triplice valore di arte, scienza e professione come impegno dei cuochi. Contestate duramente le guide troppo modaiole

10 novembre 2009 | 10:38
Basta scimmiottare gli orientali 

Alt di Aimo alla finta creatività
Basta scimmiottare gli orientali 

Alt di Aimo alla finta creatività

Basta scimmiottare gli orientali Alt di Aimo alla finta creatività

Accorato appello di Aimo Moroni per la tutela della Cucina italiana all'assemblea dell'Associazione professionale cuochi a Milano. Il segretario Carlo Re rilancia il triplice valore di arte, scienza e professione come impegno dei cuochi. Contestate duramente le guide troppo modaiole

10 novembre 2009 | 10:38
 

Aimo MoroniBasta scimmiottare la cucina orientale o fare finta di essere creativi. La Cucina italiana deve valorizzare la sua storia e la sua capacità di essere riconoscibile in tutto il mondo. A lanciare un accorato appello a tutti i colleghi è uno dei "senatori" della Ristorazione italiana, Aimo Moroni (nella foto accanto), un cuoco che da 63 anni lavora in cucina (ha iniziato il 21 aprile del ‘46 come lavapiatti) ed oggi è uno dei riconosciuti Maestri della cucina per il suo amore verso i prodotti di qualità e la loro preparazione attenta a valorizzarli. L'occasione è stata l'assemblea milanese dell'Associazione professionale cuochi che ha consegnato gli attestati dei Maestri di Cucina, fra cui uno quasi ad honorem proprio ad Aimo.

Il sentito intervento del patron de "Il Luogo" è stato condiviso da praticamente tutti i cuochi presenti, con un caloroso applauso che la dice lunga, se ce ne fosse bisogno, sull'orientamento dell'assoluta maggioranza dei cuochi e dei ristoratori italiani che anche in questa occasione hanno mostrato di voler uscire da quella sorta di subalternità culturale in cui negli ultimi anni si erano collocati rispetto alle oggi tanto contestate Guide che vogliono indicare linee di tendenza (o solo mode) a cui dovrebbero sottostare i ristoratori per avere qualche punto in più...

Carlo ReSe Aimo Moroni ha insistito anche sul concetto che la Cucina italiana è quella perfetta e su misura per l'uomo de terzo Millennio, ricordando fra l'altro che gli stranieri in Italia cercano piatti tipici e riconoscibili (dagli spaghetti al pomodoro al risotto alla milanese) e non già surrogati di cucine internazionali, a suonare la carica dei cuochi italiani ci aveva pensato il segretario dell'associazione, Carlo Re (nella foto a sinistra), che - deciso ed arzillo come non mai (quanto stupiscono gli ottantenni della ristorazione italiana) - ha invitato la categoria a fare un argine contro la deriva del populismo e della noncuranza che, complici anche le guide modaiole, a volte caratterizza la ristorazione. «Dobbiamo ricordare tre regole base - ha detto - e a queste rifarci sempre: la Cucina è un'arte, la Cucina è una scienza e la Cucina è una professione seria».

Matteo ScibiliaConcetti a cui si è rifatto anche Matteo Scibilia (nella foto a destra), presidente del Consorzio Cuochi di Lombardia e consigliere del ministero dei Beni culturali, che - ricevendo le insegne di Maestro della Cucina - ha richiamato il valore antico di un lavoro che si avvicina a quello dei medici sia per la divisa («indossiamo sempre con orgoglio la giacca bianca e non facciamoci prendere dalle mode di altri colori», ha detto), sia per l'attenzione con cui entrambi si dedicano alla salute delle persone. Da qui la scelta quasi deontologica di badare alla qualità delle materie prime utilizzate e alla loro valorizzazione.


 


I nuovi Maestri di Cucina
(cuochi con adeguato curriculum e attività ai fornelli da almeno 25 anni)

Khemiri Abdessattar - Castelnuovo Berardenga (Siena)
Antonio Accoto - Andrano (Lecce)
Arena Alessandro - Budapest (Ungheria)
Antonio Arfè - Napoli
Giuseppe Arpaia - Casola di Napoli
Audia Francesco - S. Giovanni in Fiore (Cosenza)
Barbieri Luca - Brescia
Belvedere Josè Louis - Ventimiglia (Imperia)
Cannatà Vincenzo - Cittanova (Reggio Calabria)
Careddu Salvatore - Cabras (Oristano)
Casaglia Luigi - Concordia (Modena)
Casonato Roberto - Mestre (Venezia)
Cervini Vincenzo - Ripi (Frosinone)
Checchia Rodolfo - San Giovanni Teatino (Chieti)
Chiappini Tiziano (Collare Blu ad honorem) - Montecatini Terme (Pistoia)
Colasuonno Carmine - Palo del Colle (Bari)
D'Addessio Mario - Montesano (Salerno)
D'Angelo Giuseppe - Gravina di Catania
Emmi Robert - Mascalucia (Catania)
La Rocca Romeo - Piscinola (Napoli)
Marras Domenico - Oristano
Netti Tommaso - Conversano (Bari)
Pandolfo Giovanni - Gela (Caltanissetta)
Pasi Devis - Carpi (Modena)
Pierangeli Alessandro - Roma
Revello Livio - San Remo (Imperia)
Rodoti Antonio - Gela (Caltanissetta)
Romagnino Giuseppe - Gimigliano (Catanzaro)
Sagona Giovanni - Catania
Saponaro Donato - Polignano a Mare (Bari)
Sartogo Pietro - Okinawa (Giappone)
Scibilia Matteo - Ornago (Monza e Brianza)
Scola Giampiero - Casal Velino (Salerno)
Scoppetta Marco - Napoli
Sorrentino Federico - Brusciano (Napoli)
Spina Giuseppe - S. Giorgio a Cremano (Napoli)
Tommasi Dario - Campolongo Maggiore (Venezia)
Viti Sergio - Budapest (Ungheria)


Le nuove Coccarde dorate al valore
(cuochi di valore già Maestri di Cucina)

Ugolini Luigi - Pistoia
Audia Antonio - San Giovanni in Fiore (Cosenza)
Barin Umberto - Padova
Bedini Antonio - Pesaro
Belloli Gianfermo - Masanti (Parma)
Bevilacqua Andrea - Milano
Carcangiu Roberto - Vignola (Modena)
Carotti Bruno - Biandrate (Novara)
Casu Maurizio - Pianfei (Cuneo)
Cau Graziano - Cabras (Oristano)
Ceresoli Duilio - Roncadelle (Brescia)
Colace Antonio - Rapallo (Genova)
D'Alessandro Alberto - Rimini
D'Orso Ugo - Napoli
Estatico Eduardo - Napoli
Ferrarini Sergio - Cesena
Ferro Giuseppe - San Giorgio a Cremano (Napoli)
Folcia Roberto - Limone sul Garda (Brescia)
Grasso Renato - Varazze (Savona)
Lai Roberto - Prato
Laudani Costantino - Catania
Mancinelli Nicola - Crecchio (Chieti)
Melchiorre Antonio - Cura di Vetralla (Viterbo)
Meloni Renzo - Sili (Oristano)
Nobbio Sandro - Diano Marina (Imperia)
Pellegrino Cosimo - Andria (Bari)
Pennino Patrick - Venturina (Livorno)
Pennisi Gemma - Genova
Perin Giorgio - Paruzzaro (Verbania)
Pizzo Salvatore - Gela (Caltanissetta)
Principi Mario - Villa Marina di Cesenatico (Forlì)
Ranedda Salvatore - Otranto (Lecce)
Sgrò Giuseppe - Palmi (Reggio Calabria)
Vettraino Virgilio - Latina
Zanni Bruno - Bologna
Zattini Maria Pia - Bologna
Zuccolo Andrea - Bareggio (Milano)


Articoli correlati:
I guidaioli versus la ristorazione italiana?
Testa a testa fra Vissani e Bottura Sarà la Rossa a decidere la gara
Non cambia nulla al vertice per i ristoranti de L'Espresso
Gambero rosso, Vissani da solo è il miglior ristoratore d'Italia
Ristorante chiude nel 2007 E il Gambero Rosso 2010 lo recensisce
Guida ai ristoranti de Il Sole 24 Ore Niente punteggi, solo simboli "originali"

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       

10/11/2009 10:38:00
5) Parole sante
PAROLE SANTE!!!


10/11/2009 10:38:00
4) Bravo Aimo
Bravo Aimo sei tutti noi


10/11/2009 10:38:00
3) Torniano alla nostra tradizione e lasciamo perdere le guide
Sono d'accordo su tutta la linea con il collega Aimo, troppe scimiottature, troppe decorazioni e poca, pochissima sostanza e genuinità nel piatto, quasi che la storia della cucina italiana non esiste, non è mai esistita! La nostra cucina viene dalla povertà e dall'ingegno delle nostre nonne che si industriavano a mettere insieme pranzo e cena con quel poco che avevano in casa. Perciò sono d'accordo: torniamo alle tradizioni, agli antichi sapori, alla genuinità e semplicità dei nostri piatti, le guide.....lasciamo perdere và!


10/11/2009 10:38:00
2) Finalmente, basta esterofilia....
Finalmente! E' ora di finirla di farci del male da noi stessi. L'esterofilia non è un valore. è solo una curiosità passeggera che spesso nasconde una profonda ignoranza dei nostri usi e costumi!! Ben lo sanno gli stranieri che quando vanno in un ristorante italiano ( vero!!!) cercano una "italianita'" ben riconoscibile.


10/11/2009 10:38:00
1) Parole sante
PAROLE SANTE!!!




Siggi
Consorzio Barbera Asti
Molino Pavoni
Debic

Siggi
Consorzio Barbera Asti
Molino Pavoni

Debic
Valverde