Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 08 agosto 2020 | aggiornato alle 03:04| 67135 articoli in archivio
Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
HOME     PROFESSIONI     PIZZAIOLI

La Pizza napoletana Stg
rischia di scomparire nel 2017

La Pizza napoletana Stg rischia di scomparire nel 2017
La Pizza napoletana Stg rischia di scomparire nel 2017
Primo Piano del 13 dicembre 2010 | 17:49

La Commissione europea ha approvato una proposta che prevede di sopprimere quelle Stg che non hanno protetto il loro nome, come la Pizza napoletana, ma solo la ricetta. Rosario Lopa, esponente della Consulta nazionale dell’Agricoltura: «Allarme ingiustificato, deciderà il Parlamento europeo»

La pizza napoletana, che solo nel 2009 ha ottenuto dall'Ue il riconoscimento europeo di Specialità tradizionale garantita (Stg), rischia di avere vita breve. La Commissione europea ha approvato una proposta che prevede di sopprimere quelle "Stg" che non hanno protetto il loro nome, come appunto la "Pizza Napoletana", ma solo la ricetta. Se il Consiglio Ue accoglierà la norma, la Pizza Napoletana Stg potrebbe sopravvivere al massimo fino al 2017.

Per salvare il marchio Sgt, l'Italia dovrebbe presentare una nuova domanda di Registrazione all'Ue con l'aggiunta di un termine all'attuale denominazione: ad esempio 'Pizza Napoletana Verace” o 'Pizza Napoletana Tradizionale”.



Non è però ancora detta l'ultima parola. Il dibattito nell'Ue iniziato oggi, lunedì 13 dicembre, al Consiglio dei ministri dell'agricoltura impiegherà mesi prima di concludersi. Inoltre la proposta dovrà fare i conti con il parere dell'Europarlamento. Tuttavia, se si esclude il caso della "Pizza Napoletana Stg", il "pacchetto qualità" voluto con forza dal commissario Ciolos, rappresenta un passo in avanti per «garantire la qualità ai consumatore ed un prezzo equo ai produttori». Nel documento infatti, il regime delle Dop e Igp viene semplificato, i tempi d'attesa per le domande di registrazione dimezzati, e previsto un fondo Ue per la protezione del logo in sede giudiziaria. Per alcuni però c'è ancora molto lavoro da fare. Così l'Associazione italiana dei Consorzi per Dop e Igp, «rileva l'assenza - considerata fondamentale - legata alla possibilità di regolamentare i volumi produzione», anche se riconosce che Bruxelles dà un nuovo imput al loro ruolo. Ciolos riconosce che la proposta «è solo il primo passo che sarà seguito da altre iniziative».

Per Rosario Lopa esponente della Consulta nazionale dell'Agricoltura e già presidente del Comitato per la tutela e valorizzazione della Pizza Napoletana questo è stato solo un procurato allarme ingiustificato, quello sbandierato in questi giorni dalle colonne di alcuni quotidiani, in cui si paventava la cancellazione del riconoscimento di qualità alla pizza napoletana, niente di più ingiustificato. Le cose stanno diversamente, ci ha tenuto a precisare Lopa. Il giorno 10 dicembre la Commissione europea si è riunita per presentare il nuovo pacchetto di norme sulla qualità, per rimodulare il regolamento 510 sull'attribuzione dei marchi di qualità e l'etichettatura dei prodotti agricoli.

Dunque la presentazione non significa che il pacchetto sia già norma anzi, non solo deve essere ancora vagliato, ma in più ora a decidere non potrà essere solo la Commissione ma in accordo congiunto con il Parlamento europeo. «In più - continua l'esponente dell'Agricoltura - tra le varie proposte che riguardano i prodotti Stg come la pizza napoletana, oltre a pensare di rimodulare eventualmente la dicitura, ci sarebbe l'alternativa di legare l'acronimo ad uno o più prodotti Dop, e in questo caso la decisione andrebbe decisamente a nostro favore in quanto tra le Dop, nel disciplinare di produzione, spicca tra gli altri la Mozzarella di Bufala Campana. Del resto pensare ad una totale abolizione degli Stg, mi sembra improponibile e svantaggioso per molti paesi Ue, tra cui la Polonia, che scomparirebbe dalla commissione in quanto produttrice esclusivamente di prodotti Stg».

«Il disciplinare di produzione del marchio Stg della pizza napoletana, aveva proprio come novità assoluta, la tutela della ricetta e le metodiche di preparazione di riflesso la figura dei pizzaiolo, così come fu approvato nel 2005, con pubblicazione della fase transitoria in gazzetta ufficiale, della prima stesura fortemente voluto dall'allora ministro Alemanno. L'unica debolezza, infatti, potrebbe essere la tutela del nome, ma sarebbe del resto stato impossibile dare l'esclusiva, visto che la pizza Napoletana si produce in tutto il mondo e nessun paese avrebbe mai voluto approvare un disciplinare che circoscriveva l'utilizzo della dicitura solo a Napoli e in Campania ma con le norme approvate in Commissione Ue e pubblicate nella Gazzetta Ufficiale Europea nel febbraio 2009, chi vorrà aggiungere l'acronimo Stg (specialità tradizionale garantita) dovrà necessariamente utilizzare le metodiche di preparazione e la ricetta del disciplinare. Naturalmente sarebbe necessario che le associazioni di riferimento, quanto prima diano vita all'organismo consortile di tutela, promozione e valorizzazione per poter controllare tutte le dinamiche legate al prodotto pizza. Comunque in settimana gli organismi governativi competenti hanno già convocato le parti per dare le giuste informazioni e studiare le eventuali iniziative da intraprendere».


Articoli correlati:
Pizza napoletana Stg, per la Fipe è un segno per distinguersi sul mercato
Pizza napoletana, il marchio Stg non mette al riparo dai falsi
Una serata per scoprire la Pizza Stg al Galletto d'oro di Mozzo
Specialità tradizionale garantita (Stg)
Pizza napoletana Stg - SCHEDA
Pizza napoletana Stg Soddisfazione dalle associazioni
Vittoria della pizza napoletana Sarà tutelata dall'Europa

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


pizza stg napoletana cibo Italia a tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®