Allegrini
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 10 agosto 2020 | aggiornato alle 08:13| 67145 articoli in archivio
Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
HOME     PROFESSIONI     PIZZAIOLI

Pizza napoletana Stg
Soddisfazione dalle associazioni

Pizza napoletana Stg Soddisfazione dalle associazioni
Pizza napoletana Stg Soddisfazione dalle associazioni
Primo Piano del 09 dicembre 2009 | 15:22

Le associazioni italiane dei pizzaioli, insieme al ministro delle Politiche agricole Luca Zaia e al presidente Fipe Lino Stoppani, esprimono unanime soddisfazione per l'importante traguardo dell'Stg attribuito alla Pizza napoletana: una tutela per i pizzaioli, per la tradizione e per i consumatori

Dal 9 dicembe la "Pizza napoletana" ha il riconoscimento ufficiale di "Specialità tradizionale garantita" (Stg) e la sua ricetta - dagli ingredienti alla forma tondeggiante fino alla cottura e conservazione - sarà protetta dall'Ue contro imitazioni e falsi. Un riconoscimento ufficiale che arriva dopo quasi cinque anni dalla domanda e nell'anno in cui la pizza Margherita ha festeggiato il suo 120° anniversario.

Le associazioni dei pizzaioli italiane esprimono unanime soddisfazione per l'importante traguardo. «In Italia - ha commentato per 'Italia a Tavola” Emilio Giacometti, presidente dell'Associazione nazionale pizzaioli e ristoratori (Anpir) - ogni regione dovrebbe avere una sua 'Dop” per la pizza. Non è solo in Campania che si è in grado di realizzare un prodotto di qualità. La forza della pizza napoletana, però, è stata il fatto di essere esportata dappertutto, diventando baluardo della tradizione della pizza nel mondo. Sono ormai quasi due secoli che si fa la pizza, perciò si tratta di un prodotto che necessitava di un riconoscimento e una tutela a livello internazionale».

«La Campania - ha dichiarato, in un'intervista rilasciata alla nostra redazione, Domenico Scola, vicepresidente dell'Anpir e commissario esterno dell'Associazione verace pizza napoletana (Avpn) - ha raggiunto un traguardo che aspettava da molto tempo. All'Associazione verace pizza napoletana spetta la patria potestà del riconoscimento attribuito a livello europeo, un risultato che aspettava dal lontano 1982, quando sono state avanzate le prime richieste di tutela a Bruxelles. Siamo particolarmente felici per questo riconoscimento poiché conferisce identità e nome a un prodotto importante come la pizza. Ora bisogna che dentro e fuori dalle pizzerie ci si attenga al disciplinare, a partire dall'utilizzo del forno a legna».

«Siamo pienamente soddisfatti - ha fatto sapere Sergio Miccù, presidente dell'Associazione pizzaioli napoletani (Apn) - per questo importante riconoscimento. è il secondo prodotto italiano che a livello europeo ottiene il marchio Stg, dopo la Mozzarella di bufala campana. Finalmente è stato messo per iscritto quello che i nostri antenati hanno sempre fatto, osservando regole che venivano tramandate di generazione in generazione. Ma senza il pizzaiolo non può esserci una buona pizza. L'Apn ha già presentato la domanda per il riconoscimento della qualifica di pizzaiolo all'interno delle scuole alberghiere. Personalmente, bandisco le cosiddette 'scuole di pizzaioli”, che non offrono una preparazione adeguata e professionale e per lo più sono volte soltanto guadagnare dei soldi. Quella del pizzaiolo è una professione seria, che richiede tempo, esperienza e cultura, al pari del maitre, del cameriere, dello chef e del sommelier: solo le scuole alberghiere possono garantire una simile preparazione».

Anche Confagricoltura valuta positivamente l'assegnazione del marchio europeo Stg alla Pizza napoletana. Attraverso la Specialità tradizionale garantita - ha dichiarato in una nota - si potranno valorizzare singoli ingredienti di qualità che la compongono, come la mozzarella di bufala campana Dop e la mozzarella Stg. La Commissione aveva pensato all'eliminazione del marchio Stg, che invece il mondo agricolo considera favorevolmente, ritenendo che possa contribuire a rilanciare le filiere alimentari e a valorizzare specialità e prodotti simboli del made in Italy. Confagricoltura ricorda inoltre che nel 2009 ha promosso una campagna informativa volta proprio a fare meglio conoscere le Specialità tradizionali garantite, all'insegna dello slogan: 'Stg, garantisce il territorio”. Dop, Igp e Stg europee rappresentano, ad avviso di Confagricoltura, un patrimonio di tradizione, qualità e sicurezza.

a destra, Luca ZaiaLa Stg si caratterizzata per il cornicione rialzato, di colore dorato, proprio dei prodotti da forno, morbido al tatto e alla degustazione; per la consistenza morbida, elastica, facilmente piegabile; per il sapore particolare, sapido, derivante dal cornicione, che presenta il tipico gusto del pane ben cresciuto e ben cotto, mescolato al sapore acido del pomodoro, all'aroma, rispettivamente, dell'origano, dell'aglio o del basilico, e al sapore della mozzarella cotta; e per l'odore caratteristico, profumato, fragrante.

Gli elementi che definiscono la specificità della Pizza napoletana Stg sono direttamente riconducibili ai tempi ed alle modalità delle operazioni, nonché all'abilità e all'esperienza del pizzaiolo, figura centrale della tecnica napoletana di preparazione della pizza. Il forno a legna, infine, è un elemento di primaria importanza per la cottura e la qualità della Pizza napoletana Stg, e sono proprio le sue caratteristiche tecniche che intervengono in modo assoluto sulla riuscita della classica Pizza napoletana.

«L'Europa - ha dichiarato il ministro delle Politiche agricole Luca Zaia (nella foto sopra, a destra, nelle vesti di piazzaiolo) - ha premiato il lavoro e la tenacia dei produttori napoletani che finalmente vedono raggiunto il loro traguardo: il marchio Stg a tutela di un prodotto simbolo della tradizione napoletana che troppo spesso e da troppo tempo è stato oggetto di pessime imitazioni che niente hanno da spartire con la vera ed unica Pizza napoletana. è una grande battaglia vinta per l'Italia. Nonostante li ostacoli posti da alcuni Paesi membri».

«La nostra pizza sarà Stg, specialità tradizionale garantita, a tutela in tutta Europa dei nostri pizzaioli, della nostra tradizione gastronomica e ovviamente della produzione agricola italiana. è un passo ulteriore nella direzione della tracciabilità e della etichettatura per l'agroalimentare. Questo Governo - ha concluso il Ministro - ne ha fatto una bandiera e questi sono i risultati, che dopo un anno e mezzo di attività governativa portiamo a casa».

Enrico StoppaniAl ministro Zaia fa eco la Fipe-Confcommercio, la federazione dei pubblici esercizi, che rivendica l'importanza della preparazione della pietanza e la qualità del servizio nell'assegnazione del marchio di garanzia. «Il riconoscimento da parte dell'Unione europea del marchio Stg per la pizza napoletana - ha detto Lino Enrico Stoppani (nella foto a sinistra), presidente Fipe-Confcommercio imprese per l'Italia - è un'ottima notizia per tutti gli italiani. è un premio alla capacità degli esercenti che la servono tutti i giorni, anche a mezzogiorno, a tavola. Il vero valore aggiunto nella pizza consiste infatti nella sua preparazione e nel servizio al cliente».

Il nuovo riconoscimento della pizza interesserà ben 25mila esercizi con servizio al tavolo che trovano in Fipe la rappresentanza del settore. Secondo i dati del centro studi Fipe, le pizzerie danno lavoro a 150mila addetti e sono in grado di produrre un volume d'affari pari a 5,3 miliardi di euro l'anno per una media annua di 280 giornate di apertura con circa 75 coperti al giorno. La pizza è ritenuta molto economica come dimostrano sempre i dati del centro studi Fipe che stimano anche in 10 euro lo scontrino medio per un pasto.

«Siamo certi che la certificazione Stg della pizza – conclude Stoppani – serva da incentivo per continuare a migliorare il servizio e a conservare la tradizione di un piatto storico. Un ringraziamento particolare va rivolto al ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Luca Zaia, che si è battuto molto per il riconoscimento in sede europea del marchio Stg per la pizza napoletana e che tanti benefici porterà anche ai ristoratori che rappresentiamo».

E per sottolineare questo importante traguardo il ministro Zaia festeggerà a Napoli insieme a tutti i protagonisti di questa battaglia e in particolare con le due associazioni proponenti, l'Associazione verace pizza napoletana e l'Associazione pizzaioli napoletani: «La pizza, simbolo del Made in Italy in tutto il mondo, è l'oro di Napoli. Col riconoscimento ufficiale abbiamo messo il sigillo a secoli di storia, prelibatezza della cucina planetaria, tanto da essere anche uno dei prodotti più imitati la pizza ha finalmente sua carta di identità».


Articoli correlati:
Tutti i numeri della pizza In Italia se ne sfornano 900milioni
Metà delle pizze italiane preparate con ingredienti stranieri
Vittoria della pizza napoletana Sarà tutelata dall'Europa
Sulla pizza è scontro aperto fra la Fipe e la Coldiretti
Arriva la pizza 'Doc” firmata dagli agricoltori italiani

Il decalogo della buona pizza

No alle "pizze di latta" I pizzaioli protestano su Facebook

I pizzaioli vogliono le scuse del Tg1

Altro che Dieta Mediterranea Il Tg1 calpesta anche la Pizza

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


pizza napoli luca zaia lino stoppani fipe stg specialità tradizionale garantita cibo gastronomia Italia a tavola tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

09/12/2009 15:22:00
2) Bane, ora occorre fare controlli e verificare il disciplinare
In qualità di associato alla ”ACCADEMIA ITALIANA DELLA PIZZA” la quale per altro, ho l'onore di rappresentare in Bergamo e provincia. Ma soprattutto data la mia totale fedeltà all'antico rito della 'pizza tradizionale napoletana” non posso che salutare con felicità, la notizia che ieri ci arrivava da Bruxelles. Finalmente sarà possibile porre fine allo scempio che si consuma sugli scaffali e i freezer dei supermercati e negozi in giro per il mondo, i quali spacciano quelle che io chiamo 'OLTRETOMBA” per pizza napoletana. Ma questo sarà possibile solo si faranno i dovuti controlli. Relativamente al disciplinare di produzione, avendo avuto le prime notizie attraverso la radio, nella circostanza RADIO UNO, ci sarebbe da verificare se realmente si parla di AGLIO DA INSERIRE COME INGREDIENTE, spero sia strettamente legato alla preparazione della PIZZA MARINARA.


09/12/2009 15:22:00
1) Le pizzerie possono esporre un logo per la pizza Stg?
Evviva! Finalmente ci siamo riusciti. Ora mi chiedo: come contaddistinquerci da altre pseudo pizzerie napoletane (che di napoletano hanno solo l'insegna)? Esiste la possibilità di esporre un logo? Se sì, come fare? In attesa di un gradito cenno di riscontro invio distinti saluti.



ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®