Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 05 agosto 2020 | aggiornato alle 09:42| 67076 articoli in archivio
Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Asse Brambilla-Romano Ma funzionerà davvero?

Asse Brambilla-Romano Ma funzionerà davvero?
Asse Brambilla-Romano Ma funzionerà davvero?
Pubblicato il 12 aprile 2011 | 16:37
Le premesse positive ci sono tutte: fare squadra e utilizzare al meglio mezzi e risorse disponibili è da sempre l'obiettivo che 'Italia a Tavola” indica come prioritario. Non può quindi che farci piacere l'annuncio di una collaborazione fra i ministri delle Politiche agricole e del Turismo per la promozione del turismo enogastronomico. L'asse annunciato fra Saverio Romano e Michela Vittoria Brambilla è di quelli che potrebbero davvero cambiare il settore e garantire quel salto di qualità che da troppo tempo ci aspettiamo. E capace di colmare, almeno in parte, quel senso di vuoto del mai concretizzato piano di rilancio economico annunciato dal Governo ormai più di due mesi fa e rimasto finora lettera morta. Senza alcun pregiudizio (o pessimismo della ragione...) aspettiamo quindi di vedere cosa succederà, cercando anzi di favorire una strategia (che è ancora tutta da costruire) dando un modesto contributo di idee ed esperienze.

La prima considerazione che ci sentiamo di fare è che, pur nella vaghezza dei finanziamenti effettivamente disponibili, si mettano sul tavolo anche pochi soldi, ma certi, e si individui con precisione chi li dovrà gestire. Un conto è rifarsi, come fa l'on. Brambilla, a investimenti previsti per altri interventi (e quindi si presume già promessi a qualcuno) o a soldi non spesi dalle Regioni (per mancanza di progetti...) come fa l'on. Romano. Un altro conto è invece averli in cassa e pronti da spendere. Di promesse ne abbiamo sentite troppe finora.

Un altro punto non secondario è il coinvolgimento di tutti gli operatori in una sorta di stati generali e al tempo stesso cabina di regia del settore. Il ministro del Turismo aveva fatto una mossa intelligente in questa direzione istituendo a suo tempo un mega comitato per il turismo enogastronomico, ma alla fine non sembra che la montagna abbia partorito almeno un topolino... Anzi, la sensazione è che si sia tirato un po' a campare. L'importante è che non si faccia un'ennesima commissione e tutto resti come prima.

Fra gli obiettivi di una nuova politica del turismo enogastronomico, oltre ad una messa in rete di quanti più produttori possibili, ci deve essere un indispensabile raccordo con i ristoratori per iniziative di valorizzazione del territorio che mettano in rete tutti i protagonisti della filiera. Lo spartiacque di questa strategia è però la messa al bando di tutte quelle feste commerciali inutili e tarocche che troppo spesso vengono contrabbandate per sagre. Su questo è indispensabile una presa di posizione netta dei ministri rispetto al Manifesto che abbiamo lanciato nel settembre scorso insieme alle organizzazioni di categoria. Il ministro Romano ha una giustificazione per il suo silenzio visto che è da pochi giorni in carica, ma per il ministro Brambilla pesano come macigni i suoi silenzi su questo tema... Va bene occuparsi dei maltrattamenti agli animali nei palii, ma al turismo enogastronomico fanno malissimo le finte sagre. Se lo ricordi!

Come ultima considerazione (che non esaurisce però l'elenco) ricordiamo la necessità di rivedere a fondo le norme che riguardano l'offerta del 'fuori casa” equiparando da un punto di vista normativo e di controllo igienico sanitario gli agriturismi e i ristoranti e separando invece meglio questi ultimi dai bar. In troppi oggi permettono ai turisti di mangiare, ma solo sui ristoratori pesano i vincoli maggiori.

Alberto Lupini
alberto.lupini@italiaatavola.net




Articoli correlati:
Asse Romano-Brambilla per il turismo del gusto
Palio di Siena fuori dall'Unesco Escluso dalle candidature
Nuove strategie per il turismo italiano Berlusconi ci mette la faccia
Ministro Brambilla, nessun palio rovina il turismo italiano
Il Codice del turismo fa un passo avanti Soddisfazione del ministro Brambilla
L'Italia della Brambilla a capo del Turismo mondiale
Basta con le sagre "tarocche" Ecco le regole per quelle vere
Basta disparità tra agriturismo e ristorante

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


brambilla romano turismo agroalimentare enoturismo vinitaly 2011 politiche agricole sagre cibo Italia a tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

14/04/2011 11:46:00
2) Sempre di più mi piace questo Direttore Lupini!
Sempre di più mi piace questo Direttore Lupini! Sicuramente ha qualche avo non italiano perché, contrariamente agli "usi e costumi" dei miei connazionali, prima concede fiducia e poi giudicherà. L'asse che deve però, una volta rodato, essere più ampio dei soli Dicasteri dell'Agricoltura e del Turismo, dipende, per ben funzionare ed essere efficace, dagli uomini che i Ministri designeranno all'operatività. Nota bene non parlo di "delega" perchè i responsabili sono i Ministri che dovranno seguire e sostenere costantemente i provvedimenti.


14/04/2011 11:43:00
1) Vince chi possiede denaro
Il vero problema della società italiana non esiste nel nome di chi è ministro nel settore, ma sostanzialmente è come vengono distribuiti i denari specie nel settore agro-turistico. Penso che sia la fonte economica del Paese, se è fatta da gente competente, ma haimè... Vedo un futuro super globalizzato dove passa la mediocrità vedo molto materialismo, multinazionali, e poca conoscenza nel settore agro-turismo, noto delle vere barbarie nel consumo dei prodotti a basso costo, e viceversa molto consumo sulle marche griffate delle multinazionali. è naturale che vinca chi possiede i denari.



ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®