Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 21 febbraio 2024  | aggiornato alle 03:28 | 103277 articoli pubblicati

Ristoranti di Padova vs sagre Serve un “moralizzatore”

L’Associazione provinciale pubblici esercizi di Padova si unisce a Italia a Tavola nella battaglia alla false sagre. In vista del periodo primaverile ed estivo l'Appe chiede ai 104 sindaci della provincia un regolamento comunale che stabilisca criteri più rigidi per l’autorizzazione

12 marzo 2010 | 16:29
Ristoranti di Padova <font color='red'>vs</font> sagre 
Serve un “moralizzatore”
Ristoranti di Padova <font color='red'>vs</font> sagre 
Serve un “moralizzatore”

Ristoranti di Padova vs sagre Serve un “moralizzatore”

L’Associazione provinciale pubblici esercizi di Padova si unisce a Italia a Tavola nella battaglia alla false sagre. In vista del periodo primaverile ed estivo l'Appe chiede ai 104 sindaci della provincia un regolamento comunale che stabilisca criteri più rigidi per l’autorizzazione

12 marzo 2010 | 16:29
 



PADOVA – Si sta avvicinando la stagione primaverile-estiva che, oltre al bel tempo, porta con sé il problema delle false sagre. Alle battaglie di Italia a Tavola per tutelare le sagre oneste, da un lato, e i ristoratori dall'altro, si unisce anche l'Appe, l'Associazione provinciale pubblici esercizi di Padova che chiede un Regolamento comunale che stabilisca criteri più rigidi per l'autorizzazione.

Erminio AlajmoNegli anni passati sono state svolte, nella provincia di Padova, centinaia di feste e sagre, non sempre collegate alla tradizione comunale, politica o parrocchiale, con offerta di somministrazione di alimenti e bevande della durata di diverse settimane e con proventi di cui non è chiara la finalità o il beneficiario.

L'Appe, nelle persone del presidente Erminio Alajmo (nella foto) e del segretario Angelo Luni, ha così deciso di scrivere a tutti i 104 Sindaci dei Comuni della provincia di Padova, per chiedere il loro intervento moralizzatore, con l'obiettivo anche di limitare la forte concorrenza sleale verso i pubblici esercizi.

Riportiamo di seguito il testo integrale della lettera inviata qualche giorno fa:

'
Egregio signor Sindaco, ci rivolgiamo alla sua cortese attenzione per sottoporle la delicata questione delle sagre che sono proliferate e che continuano a crescere a dismisura sul territorio provinciale.

Autorizzabili in modo 'temporaneo” (fino a 30 giorni, come prevede l'art. 11 della legge regionale n. 29/2007) alla somministrazione di alimenti e bevande, queste feste, fiere e sagre sono spesso organizzate da 'enti sociali” non meglio identificati e, allo stesso modo, non si può sapere dove finiscano i cospicui proventi delle manifestazioni, che vengono incassati praticamente esentasse.

L'Appe (e gli esercenti ad essa aderenti) non è assolutamente contraria alle feste e sagre tradizionali, quelle organizzate dalla parrocchia o dalla Pro loco, che di solito durano uno o al massimo due fine settimana e, anzi, in più di qualche occasione richiamano cittadini dai paesi vicini, incrementando il lavoro dei pubblici esercizi.

La contrarietà è, invece, nei confronti degli eventi che nulla hanno di tradizionale ma, al contrario, hanno molto di commerciale: le varie feste 'della birra”, 'della pappardella”, del 'gnocco”, 'del baccalà”, ecc.

Il settore dei pubblici esercizi, il più esposto dalla concorrenza di questi eventi, denuncia una situazione ormai non più sostenibile e resa ancor più pesante dalla crisi economica in atto.  I bar, le pizzerie, le trattorie, i ristoranti e le sale da ballo gestiscono imprese che stanno sul mercato tutto l'anno e che per ugual periodo sostengono costi, imposte e tributi anche locali. Devono inoltre affrontare tutta una serie di adempimenti amministrativi, fiscali, igienico-sanitari e tanto altro ancora, ai quali non sottostanno le manifestazioni in parola.

Chiediamo, pertanto, che la sua amministrazione prenda in considerazione le legittime aspettative degli esercenti e dia forma a un regolamento che stabilisca i criteri cui si devono informare questi eventi, criteri che devono, a nostro avviso, basarsi sulla tradizione locale.

In caso contrario, continueremo ad assistere ad attività che nulla hanno a che fare con la storia del territorio, ma tanto con l'affare, a danno delle imprese che si trovano tutto l'anno, anche nei cosiddetti periodi 'di bassa stagione”, a erogare un servizio, prezioso e socialmente riconosciuto, alla collettività e ai turisti.

Riteniamo che emanare delle linee-guida per il rilascio delle autorizzazioni temporanee alla somministrazione possa portare a un miglioramento dell'immagine turistica, economica e sociale del territorio e a un miglior equilibrio dell'offerta a livello comunale.

Confidiamo che lei saprà cogliere questa opportunità e, nel rimanere a disposizione per eventuali approfondimenti, Le inviamo i più distinti saluti.

Articoli correlati:
Sono davvero troppe le false sagre. Ora deve intervenire il Governo
Sagre, sono tarocche 2 su 3 Servono regole per quelle buone
Caro sindaco... troppe feste di piazza Nel cremonese appelli senza risposta
'Polemiche” su sagre e feste di piazza Pace fatta tra Fipe e Pro Loco italiane?
Basta sagre o feste di piazza In campo anche la Fiepet-Ferrara
Sagre e alcol ai minori Sono molte le cose da cambiare
Sagre all'italiana: il vizio ...di non fare il proprio mestiere
Troppe sagre e tavolate Il caso si fa nazionale
Sagre e ristoratori, anche nelle Marche si attende un cambiamento
Sagre e feste popolari di piazza Vi partecipano 3 italiani su 4
Ora è davvero tempo di regolare le sagre Da Governo e Regioni servono atti concreti
La Fipe scende in campo: Ristoratori penalizzati dalle sagre

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Notte Rossa
Delyce

Notte Rossa
Delyce

Siggi
Roner