Sofidel Papernet
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 06 luglio 2020 | aggiornato alle 07:54| 66554 articoli in archivio
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO

Da McDonald’s al ristorante cinese
Altro autogol del Governatore Zaia

Da McDonald’s al ristorante cinese 
Altro autogol del Governatore Zaia
Da McDonald’s al ristorante cinese Altro autogol del Governatore Zaia
Pubblicato il 07 gennaio 2011 | 12:48

Come si fa a difendere e valorizzare il Made in Italy quando si sta in mezzo a due colossi della ristorazione globalizzata come McDonald's e la cucina cinese? È quel che ci si chiede dopo che il Governatore leghista Luca Zaia ha consumato la cena di Capodanno in un ristorante cinese nel Padovano

è difficile riuscire a valorizzare in maniera efficace e coerente l'eccellenza agroalimentare made in Italy se ci si barcamena tra il colosso del 'fast food” McDonald's e la cucina cinese, se ci si trova, cioè, in mezzo ai due maggiori poli della globalizzazione alimentare nell'ambito della ristorazione. L'ex ministro delle Politiche agricole Luca Zaia (nella foto, a destra), oggi governatore della Regione Veneto, si è fatto pizzicare alla cena di Capodanno in un ristorante cinese nel Padovano, il 'Wok-Sushi” - 420 posti a sedere, sulla statale del Santo a Cadoneghe (Pd) - proprio lui che da sempre grida 'viva lo spumante e abbasso lo champagne”, paladino del Prosecco Docg e del radicchio trevigiano.

A destra Luca Zaia, con la moglie e Marco Hu Lishuang (foto Il Mattino di Padova)Ma i ristoratori padovani, oltretutto penalizzati spesso dalla concorrenza dei bassi prezzi della cucina cinese, non glie l'hanno fatta passare liscia. Hanno scritto a Il Mattino di Padova una lettera di protesta firmata dall'Appe (Associazione provinciale pubblici esercizi), che è l'Istituzione del cappone, la Borsa dei tortellini, la Wall Street del coeghin col puré, il Sancta sanctorum del Valpolicella.

«Con perplessità e discutibilità - affermano - abbiamo mal digerito la foto che ritrae il governatore Zaia con l'amico Marco Hu Lishuang (nella foto, al centro) nella serata di Capodanno al ristorante Wok-Sushi. Con quale soddisfazione il governatore si batte in difesa dei saporiti prodotti veneti?». «Le nostre trattorie - proseguono - non sono mai state oggetto di provvedimenti restrittivi, i giornali non hanno mai citato casi di intossicazione registrati per i nostri menu avariati e i prezzi che pratichiamo sono lo specchio dell'onestà e dell'equità. Il nostro lavoro inizia di buon'ora e finisce a notte fonda e il nostro abbigliamento è perfettamente in regola con le disposizione igienico sanitarie. I colleghi ristoratori che propongono invece menù a prezzi concorrenziali, cioè al ribasso, si orientano su alimenti diversi dai nostri che, certamente, il mercato propone».

«Il messaggio al pubblico che il Governatore lancia - recita una nota dell'Appe - è fin troppo chiaro: preferisce i ristoranti orientali, mentre quelli veneti o padovani, che cercano di proporre la cucina tradizionale veneta, sia nelle ricette che negli ingredienti, seguendo un continuo richiamo proveniente in tal senso dalla Regione, vengono snobbati. A tal proposito, non possiamo che dare ragione agli esercenti della ristorazione padovana, che si lamentano della incoerenza regionale verso i propri valori e suggerimenti commerciali di cui si fa bandiera. Pur non volendo insegnare a nessuno riteniamo che il signor Zaia dottor Luca sia libero di andare e comportarsi come crede; mentre, il Governatore del Veneto crediamo abbia delle responsabilità e delle rappresentatività ben precise alle quali rivolgere, con coerenza, le più accurate attenzioni».

La prima reazione di Zaia alla presa di posizione dei ristoratori è di sorpresa: «è vero sono andato a mangiare là, spendendo 19 euro e 50 centesimi, ma non mi sento parte in causa in questa vicenda - dice - non sono un frequentatore dei ristoranti cinesi e resto il Governatore della tolleranza zero. Predico bene e razzolo altrettanto bene. E l'ultima volta sono andato al Wok è stata 5 anni fa». Dopo, tuttavia, il presidente tenta una riflessione più articolata. «Marco - afferma - è un imprenditore serio, che vive in Italia da 24 anni. Con i suoi ristoranti dà lavoro a 60 persone e per i piatti utilizza cibo veneto. Il gelato, giusto per fare un esempio, glielo fa un artigiano di Villorba».

Zaia quindi si rivolge ai ristoratori: «Sono con loro e ho già deciso che ci troveremo insieme a mangiare, sarà il 'patto del musetto”. Però sia chiara una cosa: io non posso diventare il capro espiatorio di nessuno. Insomma, so come vanno le cose: ci sono ristoranti pieni e ristoranti vuoti, ma non può essere sempre colpa del 'governo ladro”». Pieno di sicuro era il 1° gennaio il Wok del cinese Hu Lishuang, lo stesso che in campagna elettorale aveva appoggiato Zaia con l'acquisto di alcune pagine pubblicitarie sui quotidiani. Forse, non è che alla fine la visita del Governatore sia stata solo una questione di riconoscenza? «No - chiude il presidente - cinque anni fa andai a inaugurare il Wok e da allora ho la stima di Marco: è una questione di cultura».


Articoli correlati:
McDonald's... licenzia Zaia Già finita la bufala del McItaly
Altro che panini. L'enogastronomia si promuove con verità e spirito di squadra
Prima autopsia sul McItaly Non piace il panino di Zaia
McItaly, incurante delle critiche Zaia sempre più uomo sandwich
La Romania tassa i fast food Crociata contro il cibo spazzatura
Spugnoso, pallido e asciutto Prova su strada del McItaly
Dopo il panino McItaly di Zaia Alitalia punta sulla qualità
Il Ministro scivola sul panino della discordia
Carne avariata contro McItaly è guerra tra Forza Nuova e Zaia
McItaly, Slow Food rincara la dose: Un pericolo per il Made in Italy
Il Guardian attacca McItaly: è un tradimento nazionale
McDonald's scopre l'Asiago Dop Mille anni di storia nei fast food
Ermete Realacci (Pd) vs Luca Zaia McItaly pubblicità ingannevole
McItaly, Zaia come i Gesuiti converte i panini di McDonald's
Anche il cibo spazzatura tra le cause della depressione

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


zaia mcdonald's agroalimentare globalizzazione ristorazione made in italy lega nord padania cibo

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®