Ros Forniture Alberghiere
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 16 luglio 2019 | aggiornato alle 04:07| 59990 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rational
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

L’emergenza dopo terremoto tocca il turismo

L’emergenza dopo terremoto tocca il turismo
L’emergenza dopo terremoto tocca il turismo
Pubblicato il 05 giugno 2012 | 12:13
L'attenzione di tutti noi è concentrata sulle difficoltà dei terremotati di Emilia e Lombardia, a sostegno dei quali in tutta Italia ci si sta mobilitando con la consueta gara di solidarietà che non vede divisioni geografiche o politiche. Sono per fortuna smorzate le polemiche sui soccorsi e al momento sembra evitato lo scontro fra istituzioni causa del disastro dell'Aquila, che resta ferita e senza ricostruzione. L'ironia della sorte è che questa situazione sembra il classico 'chiodo schiaccia chiodo” per cercare di dimenticare per qualche giorno la drammatica evoluzione di una crisi economica che annaspa nella palude di un'Europa incapace di fare scelte politiche forti.

Ce le sollecita tutto il mondo, dopo che anche nell'area Bric (le nuove potenze economiche di Brasile, Russia, India e Cina) cominciano ad accusare i colpi delle diminuite esportazioni nel nostro continente. Eppure da Berlino si ostinano a voler dettare regole da ragionieri, quasi che la recessione potesse restare fuori dai confini della Germania. I tedeschi sembrano dimenticare che la loro riunificazione è stata fatta solo grazie al sacrificio di tutti noi europei che sostenemmo il cambio di allora del Marco, premessa dell'Euro che ne ha poi preso il posto.

Ma tant'è. Speriamo solo che il Governo Monti riesca a mantenere la determinazione con cui vuole escludere dal patto di stabilità le spese per la ricostruzione nelle zone del terremoto. Ma una determinazione ancor più grande deve essere presa al più presto per evitare che al dramma dei senza casa e senza lavoro lombardi ed emiliani si aggiungano ora gli sciacalli che cercano di speculare sul terremoto per distrarre verso altri lidi il turismo straniero. I segnali di disdetta sulla riviera Adriatica sono tanti e non sono certo di aiuto le stupidaggini o gli allarmi alla Bruno Vespa su possibili scosse ondivaghe e che potrebbero prendere la strada del Garda o di Rimini.

Occorre mettere in campo una task-force decisa e urgente per spiegare che (salvo l'improbabile fine del mondo da calendario dei Maya) l'epicentro del sisma è localizzato e non è che tutta l'Italia stia tremando. è quasi una vergogna che nessun membro del Governo abbia stigmatizzato la notizia che l'economista americano Jeremy Rifkin non è andato ad un convegno a Venezia, dove era l'invitato principale, per paura dei terremoti... anche se la laguna è al grado più basso di pericolosità sismica in Italia. Perdere altri colpi sul turismo, dopo quelli dello scorso anno, significherebbe davvero allontanare ogni possibilità di ripresa a breve. Tanto più che non stiamo facendo praticamente nulla dopo l'anarchia degli anni passati in cui ogni regione ha cannibalizzato le altre senza che i miliardi investiti in promozioni spesso sballate abbiano prodotto dei risultati positivi.

Certo resta la soddisfazione (a denti stretti) che l'Agenzia delle entrate si appresta a dare nuove stangate agli evasori con i già annunciati blitz estivi in Sardegna, in particolare in Costa Smeralda. Plaudiamo ad ogni iniziativa capace di rimettere in riga chi non rispetta la legge e non paga le tasse (e fra i possessori delle mega barche di Porto Cervo sono in tanti...) ma non vorremmo che, a furia di blitz più o meno annunciati, ad affondare fosse il turismo e non già l'evasione fiscale. Di tutto abbiamo bisogno meno che di altri terremoti economici.

Alberto Lupini
alberto.lupini@italiaatavola.net



Articoli correlati:
Italia a Tavola per i terremotati A Milano un'iniziativa di solidarietà
Terremoto in Emilia Romagna Si specula sul prezzo del latte
Sciacalli su Grana e Parmigiano Danni da 220 milioni di euro
Pasti caldi ai terremotati I cuochi della Fic in Emilia
Food valley italiana in ginocchio 500 milioni i danni del sisma
Solidarietà ai caseifici terremotati Coop e Parmigiano Reggiano in azione
Sisma, colpito l'agroalimentare 200 milioni di euro di danni
In estate Guardia di finanza in Sardegna a caccia di evasori fiscali
Guardia di Finanza e vacanze green Alla scoperta degli agriturismi abusivi
Giustizia fiscale: basta demagogia Servono obiettivi condivisi
Blitz tra gli orafi di Ponte Vecchio Cursano: Non siamo tutti evasori
Blitz nella movida milanese Epam e Fipe: Controllati sempre i soliti
Terremoto, fra crolli e chiusure ingenti danni al patrimonio culturale
Fipe Toscana vs Brambilla Il Codice è «incostituzionale»
La Consulta boccia la Brambilla Salta la riforma del Turismo
Senza la circolare, la Brambilla farà la festa... alla ristorazione

sisma terremoto emilia romagna lombardia emergenza aiuti crisi turismo economia controlli blitz guardia di finanza agenzia delle entrate governo monti Italia a Tavola Editoriale Alberto Lupini

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

12/06/2012 10:54:00
2) ll potere logora chi non ce la
Buongiorno. Leggendo il suo editoriale con una serie di attacchi all'istituzioni, ma nello steso tempo Giustifichi l'istituzioni ? come una sorta di chi sono i buoni! Chi sono i cattivi! In realtà in questo caos chi trae vantaggi sono chi ricicla il denaro sporco, con i speculatori di alta finanza. Guarda un po' il nostro primo Ministro e un vero competente di alta finanza, e vero non e un politico che sono i veri colpevoli dell'economia dell'unione Europea, se in Italia ognuno di noi facesse il proprio mestiere, con onesta intellettuale penso che i problemi sarebbero di meno. Guarda caso spunta la genialità del presidente Obama che ci da degli indirizzi come uscire dalla crisi. Il dilemma di questa Europa è di costituire l'Europa degli stati per fronteggiare la globalizzazione, ripeto sempre che bisogna fare le politiche socio-economiche dei cittadini d'Europa, non chiudersi nei soliti poteri bancari, dove c'è una marea di speculatori finanziari, uomini che pur di conquistare il loro benessere si lenocinio. 'Il potere logora chi non ce la”


06/06/2012 11:12:00
1) Tutto già deciso!
1) Il turismo è gia stato deciso da alte sfere, il capitalismo, a loro interessa far crollare nei minimi storici l'Italia per comperare a poco il tutto, la svendita dell'Italia l'avevamo già vista, nel '80 e poi... nel '90.... e nel 2002 e ora, nel 2012 quindi, di che ci preoccupiamo, mi interesserebbe sapere se le riserve d'oro... son state toccate... e dubito che ne abbiamo, ma, nessuno ne parla, ...questa dovrebbe esser una grande preoccupazione, un pensiero da far male.



ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)