Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 23 maggio 2024  | aggiornato alle 11:38 | 105353 articoli pubblicati

Roero
Salomon FoodWorld
Roero

Tre stelle ai Cerea La Michelin apre alla Cucina italiana?

di Alberto Lupini
direttore
 
24 novembre 2009 | 11:37

Tre stelle ai Cerea La Michelin apre alla Cucina italiana?

di Alberto Lupini
direttore
24 novembre 2009 | 11:37
 

Recuperato il bon ton che da sempre la caratterizza (salvo la vicenda dello scorso anno, dopo le parole inutili sulla rinuncia alle stelle da parte di Gualtiero Marchesi), la 'rossa” ha dato un'altra lezione di stile ai concorrenti italiani. Incurante delle sovraesposizioni mediatiche o del tifo di troppa stampa amica per alcuni ristoratori, ha tirato fuori dal suo cilindro (confermando peraltro le anticipazioni che avevamo dato nei giorni scorsi) un nuovo ristorante a tre stelle, portando così a sei il numero dei migliori locali italiani che piacciono alla guida francese. Ancora troppo pochi per rappresentare al meglio la realtà della Cucina oggi più importante al mondo, che supera nelle preferenze internazionali quella francese e che non ha di fatto rivali con quelle spagnole o asiatiche, anzi perde solo punti quando tende a scimmiottarle. Ma le tre stelle al bergamasco Da Vittorio della famiglia Cerea rappresentano certamente un riconoscimento a tutta la ristorazione italiana vera e di questo va dato atto alla Michelin che, nel cominciare ad allargare i cordoni della sua stringatissima borsa (almeno per le tre stelle), ha scelto il meglio. Con interessanti segnali anche per le altre stelle assegnate, due o una che siano.

Una scelta condivisibile al 100% e che piace a molti ristoratori italiani perché i Cerea sono una famiglia vera e autentica. Sono gente seria, dediti come pochi a un lavoro faticoso, ma stimolante e capace di entusiasmare, uniti e in gara positiva fra di loro a chi lavora meglio per il bene del ristorante. E, soprattutto, riservati, modesti e lontani da ogni luce della ribalta, con l'unico obiettivo di migliorarsi e rendere omaggio a Vittorio, il fondatore, che da garzone di bottega ha creato dal nulla un ristorante che oggi figura fra i primi al mondo grazie al lavoro che hanno proseguito la moglie e i figli, che non a caso dedicano a lui le meritatissime tre stelle.

Ma Da Vittorio non è solo un ristorante importante e simbolo della buona Cucina italiana. Le tre stelle conquistate superando concorrenti ben più pretenziosi e sponsorizzati come pochi, rappresentano in qualche misura quella sorta di scarto che la Michelin ha voluto dare alle altre guide italiane che non hanno il coraggio di osare. Chicco e Bobo Cerea (al pari di tanti altri colleghi in tutta Italia) avrebbero meritato da tempo di essere ai primi posti nei giudizi, ma così non è. Con questa scelta la 'rossa” mette allo scoperto l'incapacità delle guide italiane di leggere nel concreto la realtà dell'alta ristorazione italiana, fatta sì di ricerca e innovazione, ma senza eccessi e con i piedi ben saldi in quella terra sicura che è la tradizione e l'attenzione alla qualità delle materie prime. Basti pensare che, tolto L'espresso, che gli dà un buon punteggio, i guidaioli italiani lasciano Da Vittorio in zona medaglia d'argento (come succede da anni ad un altro tristellato, Al Sorriso). Al punto che nella classifica virtuale ottenuta interpolando solo i dati delle guide "italiane" Da Vittorio non figurerebbe fra i primi 20 locali più importanti. E aggiungendo ora le tre stelle salirebbe comunque solo alla 15ª posizione. Una conferma in più, se ancora ce ne fosse bisogno, che di molte guide italiane se ne può fare davvero a meno...

Ci resta il rammarico che non ci siano altre tre stelle, che pure sarebbero state meritatissime (Aimo Moroni o Alfonso Iaccarino, solo per fare due nomi di grandi maestri), ma il fatto che la Michelin cominci, sia pure timidamente, a schiodarsi dal blocco che aveva creato negli ultimi anni ci sembra un fatto positivo. Confidiamo che la strada continui, magari più speditamente, nelle prossime edizioni. Solo così sarà possibile superare le riserve che restano ancora tante e che sono in fondo rilanciate anche dal gesto di un altro grande Maestro, Ezio Santin, che sia pure senza alcuna polemnica ha annunciato di voler rinunciare alle stelle. Un esempio che si rifà a quello di Gualtiero Marchesi.

Alberto Lupini
alberto.lupini@italiaatavola.net


Articoli correlati:
Vissani e Bottura non scalzano gli stellati della Guida Michelin
Guida Michelin 2010, novità al vertice Il Da Vittorio conquista le 3 stelle
Se la Michelin darà altre 3 stelle potrebbe toccare a Da Vittorio
Testa a testa fra Vissani e Bottura Sarà la Rossa a decidere la gara
I guidaioli versus la ristorazione italiana?
Basta scimmiottare gli orientali Alt di Aimo alla finta creatività
Guida ai ristoranti de Il Sole 24 Ore Niente punteggi, solo simboli "originali"
Gambero rosso, Vissani da solo è il miglior ristoratore d'Italia
Non cambia nulla al vertice per i ristoranti de L'Espresso

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       

24/11/2009 11:37:00
7) Il giudizio è al gusto personale, non delle guide
Mi chiedo se per sconfiggere il tabu guide (chi a tre stelle r chi a zero stelle, chi è pallone d'oro, chi una star, chi è potente, chi è politicizzato, chi è notaio, chi farmacista,chi è povero, chi è ricco, chi è furbo? ) forse dobbiamom fare qualcosa di concreto. ....... Penso che ognuno di noi contribuisce a migliorare il proprio essere. L'alimentazione è la base della cultura di ognuno di noi. Il gusto rimane soggettivo per la conoscenza dell'alimentazione, ma chi elabora una pietanza è sempre un artista per tutti i commensali, quindi il giudizio rimane soggettivo al gusto e non alle guide.


24/11/2009 11:37:00
6) Mancano altri tre stelle....
Caro Direttore, sono in pieno concorde alla sua analisi, ma come lei giustamente fa notare nel suo articolo, non ci sono altre tre stelle, e come mai? Dopo gli anni di larghi di manica, quest'anno la guida fa il Genovese? Io credo che la crisi economica non permetta ai tanti ristornati di pagarsi una stella in più! Dando ai nomi come Esposito Gennariono, Alfonso Iaccarino tutto il mio rispetto per la loro professionalità dico che avrebbero meritato le tre stelle.


24/11/2009 11:37:00
5) Bravi i Cerea e al rogo le Guide
Caro Direttore, come sempre lei ha la capacità di mettere il dito nella piaga usando garbo e buon senso. è assolutamente condivisibile il plauso che fa per il successo di una famiglia di colleghi che meritano avvero di stare sugli allori. E ugualmente fa bene a criticare le Guide italiane che non sanno distinguere il buono dalle mode. Tanto ben meriterebbero di essere buttate al rogo. Dispiace solo, e sembra che questo lo viva pure lei fra le righe, che a dare una lezione di stile, come ha osservato, sia la Michelin che non è certo stata finora giusta con la ristorazione italiana, che non è seconda a nessuno nel mondo. Grazie per quello che fa per noi ristoratori


24/11/2009 11:37:00
4) La Michelin ristabilisce un po' di meritocrazia nella ristorazione
"Modesti,riservati,concreti" 3 "Pretenziosi e sponsorizzati" 0 Con un bel tre a zero la Guida Michelin ristabilisce un pò di "meritocrazia" nella ristorazione italiana e nel "mondo guide".- Null'altro da aggiungere.... Tanti saluti caro Direttore


24/11/2009 11:37:00
3) Grazie per la preziosa rivista
Se siamo arrivati al punto di dover confrontare un certo Vissani....... ad un Alfonso Iaccarino bhe... tanto di cappello a quel qualcuno che ha insegnato al mondo dei buon gustai ed a noi operatori di settore a mangiare e a far da mangiare a certi livelli, livelli sconosciuti a noi comuni mortali. Ritengo inutile rammentare chi sia quel qualcuno che alle stelle ha preferito le stalle. Grazie direttore per la sua preziosa rivista a noi molto utile ed insostituibile. 


24/11/2009 11:37:00
2) Sono d'accordo, Jaccarino meriterebbe tre stelle
Sono d'accordo con Lei. Jaccarino da tanto si meriterebbe tre stelle, bello l'ambiente, ottima ospitalità, eccelente servizio e buono il cibo: Molti locali sono sottovalutati se Jaccarino fosse stato a Parigi avrebbe le tre stelle da tanto tempo. Su Vittorio è giusto il giudizio: ho mangiato molto bene. I suoi editoriali li leggo spesso Distinti saluti


24/11/2009 11:37:00
1) Il giudizio è al gusto personale, non delle guide
Mi chiedo se per sconfiggere il tabu guide (chi a tre stelle r chi a zero stelle, chi è pallone d'oro, chi una star, chi è potente, chi è politicizzato, chi è notaio, chi farmacista,chi è povero, chi è ricco, chi è furbo? ) forse dobbiamom fare qualcosa di concreto. ....... Penso che ognuno di noi contribuisce a migliorare il proprio essere. L'alimentazione è la base della cultura di ognuno di noi. Il gusto rimane soggettivo per la conoscenza dell'alimentazione, ma chi elabora una pietanza è sempre un artista per tutti i commensali, quindi il giudizio rimane soggettivo al gusto e non alle guide.




Longarone Fiere
Italmill
Elle & Vire
Prugne della California

Longarone Fiere
Italmill
Elle & Vire

Prugne della California
Nomacorc Vinventions
Comavicola