Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 31 luglio 2021 | aggiornato alle 21:39 | 76908 articoli in archivio

Festa dell'enogastronomia A Firenze i Premi Italia a Tavola

Elisa Isoardi, Emanuele Scarello, Sante Bonomo, Giorgio Tommasi, Raffaele Trovato e Luca Gardini: ecco i protagonisti della serata di gala allestita nell'elegante Four Seasons di Firenze

di Lucio Tordini
14 febbraio 2011 | 10:41
Festa dell'enogastronomia A Firenze i Premi Italia a Tavola
Festa dell'enogastronomia A Firenze i Premi Italia a Tavola

Festa dell'enogastronomia A Firenze i Premi Italia a Tavola

Elisa Isoardi, Emanuele Scarello, Sante Bonomo, Giorgio Tommasi, Raffaele Trovato e Luca Gardini: ecco i protagonisti della serata di gala allestita nell'elegante Four Seasons di Firenze

di Lucio Tordini
14 febbraio 2011 | 10:41



FIRENZE - Lunghi applausi e grande entusiasmo hanno riempito il salone Conventino del Four Seasons Hotel di Firenze, gremito di importanti nomi dell'enogastronomia e della ristorazione italiane riunitisi in occasione della consegna del 'Premio Italia a Tavola” Personaggio dell'anno dell'enogastronomia e della ristorazione e degli 'Award Italia a Tavola - Oliovinopeperoncino”.



Un'elegante ed esclusiva cena di gala, quella del 12 febbraio scorso, ma soprattutto una grande festa del mondo dell'enogastronomia, che ha chiamato a raccolta sotto un unico tetto e con obiettivi comuni una folta schiera di oltre 140 persone tra cuochi, giornalisti e produttori.

Emanuele ScarelloLa giovane conduttrice Rai Elisa Isoardi (nella foto sotto, seconda da destra), attualmente impegnata nella trasmissione Linea Verde, e il cuoco friulano Emanuele Scarello (nella foto a sinistra), patron del ristorante Agli Amici di Udine e presidente dei Jeunes restaurateurs d'Europe (Jre), hanno così ricevuto il Premio - una scultura realizzata dall'artista bresciano Roberto Guarnieri - decretato dagli oltre 68mila votanti del sondaggio sul Personaggio dell'anno 2010 dell'enogastronomia e della ristorazione.

Ma non è tutto. Sono stati infatti consegnati anche i premi speciali, gli Award, per riconoscere il ruolo fondamentale di chi ha contribuito alla realizzazione di progetti innovativi per il settore trasformando idee brillanti in iniziative di successo, valorizzando territori e prodotti e garantendo nuove occasioni di sviluppo del settore.

Hanno ritirato i premi - tre sculture in vetro e cristallo riciclato del maestro Carlo Baldessari di Modena - i presidenti dei consorzi Garda Classico e Bardolino, Sante Bonomo e Giorgio Tommasi, per il progetto 'Italia in rosa”, Raffaele Trovato, per il progetto Ifse di Torino, e Luca Gardini (nella foto a fondo pagina, insieme ad Anna Bonacina, direttore marketing Italia a Tavola), miglior sommelier del mondo Wsa nel 2010, che è stato premiato come personaggio under 30 che ha saputo valorizzare la sua professione nel corso dell'anno.

Firenze è stata la prestigiosa cornice dell'evento, che si è articolato in due momenti: l'opening pomeridiano presso il J.K. Place, in piazza Santa Maria Novella, e la cena di gala nel salone Conventino del Four Seasons Hotel. I piatti sono stati preparati dall'executive chef Vito Mollica. Il dessert era invece a cura di Domenico Di Clemente.

Elisabetta Serraiotto (responsabile marketing Grana Padano), Stefano Berni (direttore generale Grana Padano), Elisa Isoardi e Alberto Lupini
Nella foto, da sinistra: Elisabetta Serraiotto (responsabile marketing Grana Padano), Stefano Berni (direttore generale Grana Padano), Elisa Isoardi e Alberto Lupini

La scelta della città non è stata casuale. Firenze è da sempre una delle più importanti capitali artistico-culturali del nostro Paese, e ponendo in posizione di primo piano la buona Cucina e le eccellenze gastronomiche che la caratterizzano è possibile rilanciarla dal punto di vista del turismo. Non c'era luogo migliore di Firenze, che è stata anche Capitale d'Italia, per fare da cornice all'evento e diventare per una sera 'Capitale dell'enogastronomia”, proprio in concomitanza con il 150° anniversario dell'Unità, un'unità che inizia anche e soprattutto a tavola.

Giorgio Tommasi (presidente Consorzio Bardolino) e Sante Bonomo (presidente Consorzio Garda Classico)
Nella foto, da sinistra: Giorgio Tommasi (presidente Consorzio Bardolino) e Sante Bonomo (presidente Consorzio Garda Classico)

A questo proposito il direttore di 'Italia a Tavola” Alberto Lupini ha ricordato, dal palco del Conventino, poco prima di dare il via alle premiazioni, l'importanza di fare quadra nel settore della ristorazione e dell'enogastronomia, costituendo un grande consorzio a livello nazionale sul modello della Sopexa francese.

Raffaele Trovato (direttore generale Ifse) e Mariuccia Passera (amministratore unico Italia a Tavola)Un tema sul quale è tornato anche Raffaele Trovato (nella fotoa sinistra, insieme a Mariuccia Passera, amministratore unico di Italia a Tavola, che gli ha consegnato il premio), che ha parlato del progetto di istituire un'associazione delle più importanti scuole alberghiere: Ifse di Torino, Alma di Colorno (Pr), Boscolo Etoile Academy di Tuscania (Vt), CastAlimenti di Brescia e l'Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo (Cn). Queste due proposte potrebbero costituire due momenti importanti per la tutela e la valorizzazione del Made in Italy a tavola, e il nostro augurio è che iniziative come il Premio Italia a Tavola possano contribuire a tenere accesi i riflettori sul settore e sulle sue problematiche. Il tutto insieme all'informazione quotidiana che resta il nostro maggiore impegno. 

L'evento di Firenze è stato reso possibile grazie all'aiuto degli sponsor, che lo staff di "Italia a Tavola" ringrazia ricordandoli.

Title Sponsor
- Consorzio di Tutela del Formaggio Grana Padano
 
Main Sponsor
Luca Gardini e Anna Bonacina (direttore marketing Italia a Tavola)- Ittica San Giorgio
- Carpenè Malvolti
- Acetificio Mengazzoli
- Molino Quaglia
- Consorzio di Tutela del Vino Soave e Recioto
- MGallery Cerretani
 
Sponsor
- Valrhona
- Grigio Ardesia
- Food Design Studio
- Mepra
- B Ricevimenti
- Longino e Cardenal
- Eatool
- Chs
- Istituto Valorizzazione Salumi Italiani
- Consorzio dell'Olio Toscano Igp
- JK Place Hotel
- OT Wine di Oliviero Toscani
- Parini
- Latini
- Enocultura
- Acqua Filette


Articoli correlati:
Il gotha dell'enogastronomia a Firenze Italia a Tavola premia i migliori
Enogastronomia protagonista a Firenze Premi Italia a Tavola-Oliovinopeperoncino
Un'opera in cristallo e vetro per premiare la qualità a tavola
Emanuele Scarello e Elisa Isoardi Personaggi dell'anno 2010
Sondaggio Personaggio dell'anno Circiello e Romano vincitori 'virtuali”
Oltre 68mila grazie!
Sondaggio alle battute finali Chi sarà Personaggio dell'anno 2010?
Sondaggio, i fan si scatenano Superata quota 55mila votanti
Personaggio dell'anno, 43mila votanti Si riaccende la sfida al titolo
Sondaggio, oltre 38mila votanti Quanto contano le stelle Michelin?
Le stelle le scegliete voi
Cuoco custode delle tradizioni oppure artista che guarda al futuro?
Sondaggio, novità dell'Ultimo Entra in gioco Calabrese
Sondaggio, effetto Unomattina La Marziale riconquista il 5° posto
Sondaggio, quota 32mila voti Isoardi e Scarello saldi in testa
Sondaggio, new entry tra i cuochi Bassi e Monco in 5ª posizione
Sondaggio, oltre 25mila voti Isoardi e Scarello sempre in testa
Italia a Tavola supera i 10mila 'fan” Su Facebook seconda dopo il Gambero
Personaggio dell'anno 2010 In 2 settimane verso i 20mila voti
Sondaggio, 9mila voti in 7 giorni Isoardi e La Mantia in testa
Sondaggio Personaggio dell'anno Al quarto giorno verso i 6mila votanti
Sondaggio Personaggio dell'anno Oltre 1.600 voti in due giorni
Premio Italia a Tavola 2010 Prende il via il sondaggio 
Vinca l'Italia migliore Personaggio dell'anno, la parola ai lettori 
Si chiude il pre-sondaggio Sei new entry per ogni categoria
Personaggio del 2009 Il più votato è Giorgio Calabrese

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       

14/02/2011 14:29:00
1) L'Italia ha bisogno del grande consorzio
Faccio i miei complimenti ai vincitori, con la speranza che dalle parole si passi ai fatti. L'Italia ha bisogno del grande consorzio.