Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 12 agosto 2022 | aggiornato alle 01:37 | 86899 articoli in archivio

Aprire ristoranti e teatri ai vaccinati. Servono nuove regole per locali covid-free

Far ripartire il settore del turismo, come quello della cultura, si può. Ne va della tenuta economica e sociale del Paese. Ciò che serve è il green pass e regole che garantiscano la sicurezza. È tempo quindi di pensare che, dopo sanità e pubblica sicurezza, il mondo dell’accoglienza abbia una corsia prioritaria per i vaccini

di Alberto Lupini
direttore
 
16 marzo 2021 | 15:13

Aprire ristoranti e teatri ai vaccinati. Servono nuove regole per locali covid-free

Far ripartire il settore del turismo, come quello della cultura, si può. Ne va della tenuta economica e sociale del Paese. Ciò che serve è il green pass e regole che garantiscano la sicurezza. È tempo quindi di pensare che, dopo sanità e pubblica sicurezza, il mondo dell’accoglienza abbia una corsia prioritaria per i vaccini

di Alberto Lupini
direttore
16 marzo 2021 | 15:13
 

Non solo la Grecia con le sue isole covid-free. Grazie alla vaccinazione di massa fatta in tempi record, anche Israele sta diventando una delle mete più interessanti per un turismo che più che mai vuole puntare sulla sicurezza. Sono pronte quindi campagne promozionali per aggiungere nuovi viaggiatori rispetto ai flussi tradizionali di tipo religioso, o più innovativi come quelli sportivi o gay-friendly. Ma più in generale è tutta la mappa europea e mediterranea del turismo a prepararsi allo sconvolgimento generato dalla pandemia.

Un dato per tutti: la Germania che ha sorpassato l’anno scorso l’Italia, classificandosi come la principale destinazione turistica del vecchio continente. Noi siamo scesi ad appena 203 milioni di pernottamenti per effetto del crollo del 53%, mentre le notti in Germania sono state 261 milioni (-40%) e 144 milioni di Spagna che con un -69% si è piazzata al terzo posto.

Aprire ristoranti e teatri ai vaccinati Nuove regole per locali covid-free


Turismo in sofferenza, ricadute su tutto il sistema economico
A pesare sul drammatico crollo delle presenze in Italia è stata ovviamente la mancanza di turisti stranieri, con un calo del 70% dei pernottamenti dei non residenti, a fronte di un calo del turismo domestico del 36%. Un’assenza che ha determinato la crisi da profondo rosso di tutto il sistema turistico anche perché ha riguardato la fascia di clientela a più alta capacità di spesa. Con ricadute su tutto il sistema economico, visto che ad andare in default, oltre ad hotel e ristoranti, è stata tutta la fascia del commercio di lusso, concentrato in particolare nelle città d’arte che sono state le più colpite. Alberghi e ristoranti hanno avuto un calo in media del 40%, mentre le spese per ricreazione e cultura sono scese del 23%.

Ora neanche Pasqua potrà dare una boccata d’ossigeno e ogni speranza è più che mai rimandata all’estate, sempre che la campagna vaccinale prosegua nonostante il “caso” AstraZeneca. Ma è evidente che una qualche ripresa potrà esserci solo se ci saranno condizioni minime di sicurezza. Da tempo insistiamo sulla necessità che l’Europa vari al più presto un green pass, un passaporto vaccinale, per salvare le vacanze degli italiani e quelle degli stranieri in Italia. Bisogna che con urgenza si consenta agli europei di muoversi in sicurezza all’interno o all’esterno dell’Ue, per lavoro o turismo. Ne va anche della tenuta del sistema agroalimentare nel suo complesso visto che un terzo delle spese durante le ferie riguardano proprio il cibo, soprattutto pranzi e cene al ristorante.

Garantire più libertà a chi è già vaccinato
Ma in attesa dell’estate, e magari approfittando di questo lockdown che di fatto ci blocca in casa o nei luoghi di lavoro, è assolutamente necessario porre mano a norme che regolino da un lato i luoghi “covid-free” (evitando magari il classico fai da te regionale, come nel caso della Sardegna) e dall’altro possano garantire un minimo di libertà in più - anche di spesa - a chi, fortunatamente, è già vaccinato. Parliamo di almeno 7 milioni di persone a cui, dosi, permettendo, se ne potrebbero aggiungere 2-3 milioni a settimana. Perché il Cts non ha ancora indicato come si possono e devono comportare queste persone? Negli Stati Uniti sono già state date indicazioni per cui i vaccinati possono anche riunirsi fra loro al chiuso e, fatte salve le procedure di sicurezza, possono quindi anche andare al ristorante o a teatro. E per l’estate in tutti gli States le attività e il turismo saranno di nuovo in piedi.

Aprire ristoranti e teatri ai vaccinati Nuove regole per locali covid-free


Perché noi restiamo in silenzio? Il comparto più martoriato da questa pandemia potrebbe con gradualità ripartire offrendo servizi a chi può accedervi. Non si tratterebbe di una discriminazione verso chi si deve ancora vaccinare, ma un modo per rimettere lentamente in moto una macchina che necessita anche di controlli. Già perché il silenzio di Governo e Regioni su questo tema è dovuto forse al fatto che hanno paura di non sapere fare con rigore i controlli nei locali, come purtroppo attestano i casi della movida selvaggia dei giorni scorsi.

Vacciniamo cuochi e camerieri
C’è ovviamente anche la questione centrale della messa in sicurezza del personale dei ristoranti, ad esempio. Ma anche su questo tema serve chiarezza. Al di là dell’obbligatorietà o meno, c’è una questione di opportunità: vogliamo salvare l’economia italiana e quindi, prioritariamente, il turismo oppure no? Se lo vogliamo fare è tempo di pensare che, dopo sanità e pubblica sicurezza, il mondo dell’accoglienza abbia una corsia prioritaria per i vaccini. Per garantire le ferie di tutti gli italiani (e poter ospitare gli stranieri) è meglio vaccinare prima camerieri e cuochi, piuttosto che gli avvocati o i giornalisti.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       

17/03/2021 16:18:45
1) Ristori o sostegni
Mi chiedo che senso abbia comparare tutto il 2020 rispetto al 2019 e cercare chi ha fatturato il 33% in meno quando la maggior parte di queste aziende ha già avuto i ristori uno bis ter e quater. Non sarebbe meglio suggerire di prendere come lasso temporale la seconda parte della pandemia, per essere chiaro quel lasso di tempo che va dal 24 ottobre (chiusura serale dei ristoranti) ad oggi? Ovviamente sono un ristoratore che ad oggi non ha avuto neanche un centesimo di aiuti nonostante le chiusure forzate. Ho paura che l'immagine di quella chef seduta con la testa fra le mani in segno di rassegnazione- disperazione sarà un'immagine alla quale dovremo fare abitudine. Cordiali saluti
MAURO GOBBI