Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 03 dicembre 2021 | aggiornato alle 08:09 | 79956 articoli in archivio

Il green pass si arena per la privacy. Il Garante uccide Italia e ristoranti

Il Garante della Privacy spiega che il certificato deve valere solo per gli spostamenti e non per entrare in luoghi chiusi, come i locali pubblici. Un atto burocratico che non aiuta nessuno. Fipe invita a trovare soluzioni d'emergenza. A Bolzano il Coronapass zoppica. Lo strumento per la rinascita sta già perdendo la sua forza?

di Federico Biffignandi
07 maggio 2021 | 12:25

Il green pass si arena per la privacy. Il Garante uccide Italia e ristoranti

Il Garante della Privacy spiega che il certificato deve valere solo per gli spostamenti e non per entrare in luoghi chiusi, come i locali pubblici. Un atto burocratico che non aiuta nessuno. Fipe invita a trovare soluzioni d'emergenza. A Bolzano il Coronapass zoppica. Lo strumento per la rinascita sta già perdendo la sua forza?

di Federico Biffignandi
07 maggio 2021 | 12:25

Siamo un Paese malato di normative, un Paese che più le situazioni sono delicate e urgenti e più si dà da fare per complicarsi la vita e complicare la vita a cittadini e lavoratori. Come sempre di mezzo c'è la burocrazia e tutte quelle presunte autorità miopi incapaci di allargare gli orizzonti e utilizzare un po' di buonsenso. Stavolta di mezzo c'è il Garante della Privacy che ha stoppato il green pass come strumento utile per accedere in bar, ristoranti, cinema, stadi ritenendo che violi dati personali dei cittadini e ammettendolo solo per gli spostamenti come da decreto.

Il Garante della Privacy uccide i ristoratori Il green pass si arena per la privacy Il Garante uccide Italia e ristoranti

Il Garante della Privacy uccide i ristoratori


Ci mancava solo il Garante...

Un assurdo già ipotizzato qualche settimana fa, un modo per inceppare ogni tipo di possibilità di ripresa di attività che da oltre un anno zoppicano pretestuoso e infettato da un eccesso di zelo che sta diventando sempre più sinonimo di inadeguatezza, professionale e civica. Come si può pensare che dare nome, cognome e una spunta verde che indichi l'essere stato vaccinato, l'essere guarito o l'aver fatto un tampone (negativo) al ristoratore di turno possa essere ritenuta un violazione della privacy? Ci pensiamo mai a tutto quello che facciamo utilizzando ogni minuto uno smartphone, un i-pad un Pc? Ci pensiamo che possiamo anche non utilizzarli, ma che se li abbiamo nelle vicinanze sentono comunque i nostri discorsi e ci bersagliano nei giorni successivi di pubblicità inerenti - magicamente - a ciò ci cui abbiamo parlato un attimo prima? E lì, dove sta la privacy? Perchè il Garante, oltre a pensare di tutelare i lavoratori prima che la presunta privacy non si impegna a lavorare su quei temi?

Fipe: Tutelare la privacy o migliaia di posti di lavoro?

Il commento della Federazione italiana pubblici esercizi a questo proposito è duro e passa attraverso le parole di Roberto Calugi, amministratore delegato, che deve contare un po' più a lungo del proverbiale "dieci" per esprimere un parere ragionato. «Ci mancava solo il Garante della Privacy - spiega - nelle situazioni di emergenza servono rimedi di emergenza. Appellarsi a modalità che andavano bene prima del Covid è difficile. Chiediamo al Garante della Privacy di chiedersi se voglia tutelare la presunta privacy dei cittadini o se voglia tutelare migliaia di posti di lavoro che stanno andando in fumo nel mondo della ristorazione da febbraio 2020. Ne sono stati già persi 250mila a causa della chiusura già avvenuta o prossima di 50mila attività. Non ne possiamo più».

A Bolzano il Coronapass zoppica

Anche dal punto di vista dei ristoratori quella del green pass è una questione intricata, che non convince per tutto il trambusto che le sta nascendo attorno. La Provincia autonoma di Bolzano il green pass per accedere ai ristoranti lo ha già introdotto (con il nome di Coronapass) lunedì 26 aprile per permettere ai cittadini di mangiare anche al chiuso. Ma come è andata? «Stiamo lavorando pochissimo - ha risposto Luca Giacomel, presidente dell'Unione regionale cuochi Alto Adige - perchè la gente ha assimilato così tanto il concetto (sbagliato) per cui i ristoranti sono luoghi di contagio che ora stentano a venire a mangiare da noi. Il Coronapass inoltre è uno strumento che sta zoppicando. In pochi lo stanno sfruttando perchè il meccanismo è ancora da oliare. Chi non ce l'ha è costretto a mangiare all'esterno, ma in questa stagione a Bolzano è complicato e infatti i clienti scappano subito. La questione privacy? Fa sorridere... quando il cliente mostra il Qr Code noi lo scannerizziamo e ci compare su uno schermo nome, cognome e una spunta verde che indica la certificazione avvenuta. Non saprei nemmeno dire se compare una voce che indica l'avvenuta vaccinazione, guarigione o test. Stiamo scivolando su una buccia di banana».


Roberto Calugi e Luca Giacomel Il green pass si arena per la privacy Il Garante uccide Italia e ristoranti
Roberto Calugi e Luca Giacomel

La posizione del Garante, Pasquale Stanzione

Ma in particolare, perchè il Garante della Privacy, Pasquale Stanzione vuole mettere mano al green pass? In audizione nelle Commissioni riunite Affari costituzionali, Giustizia e Affari sociali, ha spiegato che bisogna escludere esplicitamente usi diversi da quelli previsti dal decreto e individuare il titolare del trattamento dei dati. Non solo: «È superflua l’indicazione del numero di dosi di vaccino o del tipo di vaccino, ma anche la previsione di modelli di certificazioni verdi diversi a seconda della condizione (vaccinazione, guarigione, test negativo) in virtù della quale esse sono rilasciate». Palazzo Chigi, con il sottosegretario Roberto Garofoli, sta lavorando per adeguare le norme.

Il dibattito è anche scientifico

Il dibattito però è anche scientifico e come di consueto vira da parti diverse, anzi opposte. La critica scientifica più pesante era arrivata da un tweet di Roberto Burioni, secondo il quale il tampone recente per avere il pass è «un pericolosissimo controsenso». Ma anche il viceministro Piergiorgio Sileri è critico, anche se in un altro senso. Ieri ha incontrato il portavoce del Cts e presidente dell’Iss Silvio Brusaferro per esporgli le sue idee. Vorrebbe estendere a un anno il tempo dalla vaccinazione; includere anche chi non sa quando è guarito ma risulta avere gli anticorpi alti da un test quantitativo; usare il pass come condizione per entrare nelle Rsa, per accedere a treni e aerei Covid free e per eventi sportivi con pubblico limitato. Ancora una volta dunque Sileri si dimostra il più vicino al "compromesso" necessario per far ripartire l'economia senza dimenticarsi che la priorità è la salute dei cittadini. Le sue precisazioni derivano dal fatto che i requisiti perchè il green pass sia valido sono: l’essere stati vaccinati (con seconda dose) entro i sei mesi precedenti; essere guariti dal Covid entro i 6 mesi; avere fatto un tampone molecolare o test rapido negativo non più di 48 ore prima.

La confusione dell'Ue (e delle Regioni...)

Va detto che anche a livello europeo e quindi politico si sta facendo molta confusione. L'Unione europea nei giorni scorsi ha confermato la volontà di investire nel green pass, ma facendo slittare la sua entrata in vigore totale a fine giugno (a estate solitamente già iniziata) e spiegando che, comunque, il certificato non sarà un documento di viaggio e che quindi non discriminerà gli spostamenti. Ci siamo dunque chiesti, a quel punto, quale peso possa avere questo green pass e quanto davvero la politica ci creda. Già il fatto di avergli cambiato, ancora, il nome in Certificato digitale Covid Ue allungandolo rappresenta la cifra di come non si stia scegliendo la strada più veloce. E poi c'è la questione dei costi da sostenere per attuarlo che secondo indiscrezioni non sarebbero indifferenti. Non minore confusione regna in Italia dove il pass esiste già dal 26 aprile (e dal 10 maggio inizierà ad essere sperimentato con Draghi che ha invitato i turisti esteri a prenotare vacanza nel Belpaese) e serve solo per entrare in regioni arancioni o rosse; è solo virtuale, di reale non esiste nulla e ogni regione sta agendo un po' a sè. Detto di Bolzano, anche la Liguria ha iniziato ad introdurlo recependo le Faq del Governo alla lettera mentre la Campania ha abilitato il pass regionale per «facilitazioni all’accesso dei servizi e/o deroghe alle misure di sicurezza più restrittive».

Insomma, al di là di ogni ragionamento arzigogolato la priorità deve essere riparare il buco da 53 miliardi che si è creato nei bilanci del turismo ed evitare che si abbassino altre "...mila" saracineschi di pubblici esercizi. Senza calpestare diritti e doveri, semplicemente semplificando.



© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali