Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 10 luglio 2020 | aggiornato alle 05:04| 66643 articoli in archivio
Allegrini
Molino Quaglia
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI

In vigore il Codice del turismo La Fipe sospende il giudizio

In vigore il Codice del turismo La Fipe sospende il giudizio
In vigore il Codice del turismo La Fipe sospende il giudizio
Primo Piano del 21 giugno 2011 | 17:41

Il Codice è entrato in vigore, tra le polemiche e il malcontento delle associazioni. Il Ministro Brambilla si è impegnato a diramare una circolare interpretativa per chiarire l’effettiva portata del provvedimento. Per il momento nessuno scontro con Fipe, ma si attende il testo della circolare



Il ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla (nella foto) prende tempo e cerca di allontanare la protesta dei ristoratori italiani nell'incontro di oggi, 21 giugno, con la Federazione italiana pubblici esercizi (Fipe) che è coinciso con l'entrata in vigore del Codice del turismo, duramente contestato da diverse associazioni di categoria (dai cuochi fino alle imprese balneari, passando dalle agenzie di viaggi).

Il Ministro - che solo pochi giorni fa aveva cercato di raggiungere una tregua con le associazioni di categoria lanciando l'iniziativa delle 'Medaglie d'oro al merito del turismo” per i cuochi italiani che lavorano in patria e all'estero - si è impegnato a diramare una circolare interpretativa per chiarire l'effettiva portata del provvedimento, che, come evidenziato più volte da 'Italia a Tavola”, allargava eccessivamente le maglie di chi può somministrare pasti anche senza i vincoli e le regole che valgono per chi ha una licenza di ristorante o pizzeria.

Soprattutto per quanto riguarda gli alberghi e i campeggi - punto maggiormente al centro di tensioni - tale circolare dovrebbe limitare la possibilità di aprire, a chi non è già cliente, i ristoranti presenti all'interno della struttura solo in presenza di licenze già in essere.

Altro punto su cui si intende vedere le carte è l'affermazione del Ministro secondo cui i ristoranti sarebbero già imprese turistiche, anche se non sono operanti nei distretti turistici. Se la cosa sarà confermata potrebbe essere una novità interessante per il settore, soprattutto per la possibilità di aiuti e sostegni strutturali.

La Fipe al momento appare soddisfatta, ma si riserva di valutare ulteriormente la situazione dopo aver letto nel dettaglio il testo della circolare. Esplicite in tal senso le parole del vicepresidente nazonale Alfredo Zini (nella foto a destra): « Bene le parole del Ministro, sia sulla norma chiarificatrice che tutti i ristoranti sono imprese turistiche e che non tutte le Alfredo Ziniimprese ricettive possano somministrare. Con questa norma che forse è stata mal interpretata, lavoreremo insieme a Fipe per riportare la norma alla giusta interpretazione. Infine il MInistro ha chiesto la piena condivisione di Fipe nell'organizzazione di Milano». Zini ricorda che «quando ci si incontra e ci si parla si trovano strade comuni da percorrere insieme. Ringrazio il Ministro Brambilla per le sua disponibilità e collaborazione , ma per il momento i nostri associati aspettano i chiarimenti, se non arrivassero ci troveremo costretti ad intraprendere azioni di protesta». Quello che poteva essere uno scontro è dunque per il momento rimandato, almeno fino a quando non verrà reso noto il testo della circolare ministeriale.

L'entrata in vigore del Codice
Dopo che ieri era saltato il maxi emendamento che avrebbe dovuto "limitare i danni" applicando la normativa solo ai distretti turistici, oggi, 21 giugno, è entrato in vigore il Codice del turismo realizzato, secondo il ministro Brambilla, per garantire maggiore efficienza ed elevata qualità dei servizi al consumatore e per permettere una crescita delle imprese turistiche nazionali.

La posizione di Assoturismo-Confesercenti
Claudio AlbonettiNegativo il giudizio di Assoturismo-Confesercenti: «L'avvio del Codice del turismo - ha commentato il presidente Claudio Albonetti (nella foto a sinistra) - non può essere salutato con soddisfazione dalle imprese. Se, infatti, registriamo qualche ragionevole attenzione in più per il turista consumatore, queste disposizioni renderanno più complicata la vita alle nostre aziende per la liberalizzazione selvaggia che sta alla base di questo Codice. Una deregulation che finirà per legittimare forme di concorrenza abusiva, non sorrette cioè da una giusta professionalità e da un minimo di regole in grado di garantire ordine e correttezza, portando caos e cannibalismo tra le imprese turistiche italiane. In tal modo si fa, dunque, un cattivo favore anche ai turisti: con meno qualità e più confusione certamente si rischia di accentuare solo gli elementi di crisi e di sofferenza del settore, proprio a danno dei servizi che vanno dedicati agli ospiti. Abbiamo con tenacia cercato di far comprendere che il turismo è una medaglia a doppia faccia: i turisti e le imprese. Ed il suo valore cresce se entrambi possono contare su risposte convincenti alle loro esigenze. Ma, purtroppo, per ora questo non è il caso del Codice che, al contrario, necessita di immediate correzioni e di aggiustamenti profondi, soprattutto se si vuole che eserciti una funzione positiva già nelle ormai prossime vacanze estive».


Articoli correlati:
Codice turismo, sarà modificato? Fipe attende la Brambilla al varco
Cuochi e turismo enogastronomico La Brambilla cerca l'intesa
Ristorazione e rappresentatività, qualcosa si muove
Ristorazione sull'orlo del baratro Serve coesione per risalire
Cucina italiana nel mondo Il progetto di Academia Barilla e Gvci
Cuochi troppo divisi Serve un'unica associazione
La Ristorazione urla Ma il Governo non sente
Cuochi troppo divisi Serve un'unica associazione
Turismo, troppa crisi e contrasti intorno alla Brambilla
Balneari sul piede di guerra Petizione della Fiba al Capo di stato
Il Codice del turismo fa acqua A rischio anche le agenzie di viaggi
Sul Codice del turismo la Brambilla fa retromarcia
Ristoratori figli di un dio minore Come un Ministro danneggia la Cucina
Nuova ristorazione senza regole? La Fipe chiede la testa della Brambilla
Ristorazione e turismo, la guerra della Fipe alla Brambilla
Errori e strafalcioni da Ministro Bocciato il sito della Brambilla
La Brambilla danneggia il turismo con il Codice e il sito Italia.it

Nuovo Codice del turismo Federalberghi lo accoglie con favore

No di Fipe al Codice del turismo «Ucciderà la Ristorazione»
Ristoratori vs ministro Brambilla Fipe si oppone al Codice del turismo
Il Codice del turismo fa un passo avanti Soddisfazione del ministro Brambilla
Tutela del turista, sostegno alle imprese La Brambilla vara il Codice del turismo

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


codice turismo turisti michela vittoria brambilla fipe Italia a Tavola turismo Tendenze servizi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

22/06/2011 10:25:00
1) C'è bisogno di partecipazione, non di imposizioni
Detto fatto; le nostre associazioni incominciano il carosello dello scaricabarile, vedrete che alla fine è colpa del sig. Walter, ristoratore a Bedizzole, o di chiunque lavori nel settore turistico. Loro non hanno colpa (Ponzio Pilato è risorto...); almeno ci fasse stata una, dico una, riunione informativa a livello territoriale su questa legge, sarebbe stato poco ma almeno un minimo di confronto, di dibattito, di conoscenza dei problemi. Quanto purtroppo siamo distanti... Non lamentiamoci della non partecipazione, non diamo colpa alla crisi, stiamo costruendo un muro tra le aziende e gli organi dirigenti di incomunicabilità che ritengo non giusto. Spero che la mia organizzazione Fiepet Confesercenti accolga questo grido di aiuto che viene dalla base della sua associazione: abbiamo bisogno di partecipazione, non di imposizioni.



ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®