Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 17 ottobre 2021 | aggiornato alle 03:29 | 78726 articoli in archivio

Tamponi gratis almeno per i giovani: così il turismo in Italia può ripartire

Per l'estate al mondo del turismo e dell'ospitalità serve una strategia forte per cercare di rimettersi in moto, ma i politici straparlano su riaperture e vaccini. Se i giovani saranno tra gli ultimi a potersi vaccinare, garantire loro almeno la gratuità dei tamponi consentirebbe la possibilità di riprendere a viaggiare

di Alberto Lupini
direttore
30 marzo 2021 | 18:59

Tamponi gratis almeno per i giovani: così il turismo in Italia può ripartire

Per l'estate al mondo del turismo e dell'ospitalità serve una strategia forte per cercare di rimettersi in moto, ma i politici straparlano su riaperture e vaccini. Se i giovani saranno tra gli ultimi a potersi vaccinare, garantire loro almeno la gratuità dei tamponi consentirebbe la possibilità di riprendere a viaggiare

di Alberto Lupini
direttore
30 marzo 2021 | 18:59

Come non essere d’accordo col Governatore siciliano che aveva accusato i magistrati di avere ricattato tutta Italia minacciando lo stop ai processi se non fossero stati vaccinati prima di tutti… Per fortuna, le toghe si sono poi scusate e la polemica è rientrata, ma fino a quando? E Musumeci può davvero parlare dopo che la sua Regione ha imbrogliato sui dati di contagiati per non esser messa in zona rossa? Dal fronte opposto ci sono invece i cardiologi di un ospedale in Puglia che non vogliono vaccinarsi e il personale no-vax di una Rsa in Lazio che ha infettato tutti gli anziani assistiti. E intanto, in questo Paese schizofrenico chi vuole essere corretto e magari si fa un tampone per poter prendere un aereo “in sicurezza” per tutelare gli altri, deve spendere fino a 100 euro. Credo ce ne sia abbastanza per porci il dubbio di come si possa pensare ad una vita quasi normale, riaprire i ristoranti o fare ripartire quanto prima il turismo.

Ci sono obiettivamente troppe cose che non vanno e non è che il perdurare delle polemiche fra Regioni e Governo, o fra i partiti, su divieti o zone colorate possa offrire agli italiani motivi di ottimismo. E meno male che un bel segnale lo ha dato il premier Draghi, vaccinandosi (era il suo turno) con AstraZeneca e chiudendo così tante altre inutili e strumentali polemiche.

Tamponi gratis almeno per i giovani Così il [turismo in Italia] può ripartire
Non serve la bacchetta magica di Merlino: alcune cose si potrebbero risolvere facilmente con un po’ di buon senso


I politici fanno a gara per riaprire, ma alla fine si può andare solo all’estero (!)

La verità è che tutti vorrebbero riaprire. A parte forse gli oltranzisti di Leu schierati per ragioni di partito col Ministro Speranza. In Italia c’è una gara a chi grida più forte: in pochi hanno idee precise su come fare, ma straparlano (un vizio dei populisti e dei sovranisti che si sentono dotati di poteri magici), mentre i più “rinviano” sperando nel caldo estivo. E intanto però, mentre pubblici esercizi e hotel restano chiusi o vuoti, abbassiamo le difese e concediamo di andare all’estero, nonostante in Italia anche dopo il 6 aprile sarà vietato spostarsi fra le Regioni. Ovvio che in questa situazione il settore del turismo e dell’ospitalità, fermo da mesi, sia insorto con parole di fuoco, giustamente, contro la classe politica, ottenendo il tardivo risultato di obbligare, giustamente, chi rientra a farsi un tampone.

Non c’è turismo senza i giovani: i tamponi sono carissimi

Già, quasi che i tamponi siano la risoluzione di tutto. Non abbiamo certo neanche noi la bacchetta magica di Merlino o di Harry Potter, ma alcune cose potrebbero essere facilmente risolvibili usando un po’ di buon senso. Se vogliamo far ripartire il turismo bisogna ad esempio che “tutti” si sentano sicuri. In attesa che le vaccinazioni partano sul serio per tutti (con magistrati, politici e giornalisti ovviamente in fila come tutti in base all’età o alle eventuali patologie), ogni speranza è riposta sul passaporto vaccinale europeo che si spera entri in vigore da metà giugno. Una soluzione che per primi abbiamo lanciato in Italia. Ma ai tanti, soprattutto giovani, che non potranno aver fatto ancora il vaccino, chi ci pensa?

Se uno non sarà vaccinato, per utilizzare la green card dovrebbe avere almeno test negativi recenti. Ma siamo sicuri che questo si possa fare? Già oggi, se devi prendere un aereo, il medico in genere non ti prescrive un tampone e, in base alla regione (chissà perché?), si paga dai 70 ai 100 euro. Se poi hai la sfiga di essere asintomatico, ma di risultare positivo, non puoi partire e la compagnia aerea (che richiede tampone fatto entro 48 ore) ti dice che non rimborsa il biglietto aereo (Ryanair su tutte) perché non lo hai chiesto entro 48 dalla partenza.

Test più facili per chi non è vaccinato anche per poter andare al ristorante e in albergo

Possiamo dire che è uno schifo? Possiamo dire che così chi è corretto è portato a cercare scappatoie, come magari fare un test rapido se dovesse atterrare in Sardegna, salvo avere nel frattempo sicuramente infettato qualcuno in aereo e a terra? E che dire di chi prende il treno o un bus? E se la persona in questione è un giovane che ha magari pochi soldi? Non è il caso di investire in un sistema di tamponi magari gratuiti per chi viaggia in Italia finché non saremo tutti vaccinati? In fondo è anche quello che chiedono molti ristoratori per poter riaprire in sicurezza… E gli albergatori italiani lanciano intanto l'offerta di test rapidi per tutti gli ospiti. Una proposta pratica che, speriamo, il Governo possa considerare per alleggerire le misure restrittive.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali