Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 13 agosto 2020 | aggiornato alle 19:50| 67215 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     PROFESSIONI     PIZZAIOLI

Per l'Associazione pizzaioli e similari
l'arte della pizza non è solo di Napoli

Per l'Associazione pizzaioli e similari l'arte della pizza non è solo di Napoli
Per l'Associazione pizzaioli e similari l'arte della pizza non è solo di Napoli
Pubblicato il 11 aprile 2011 | 11:10

Il presidente dell'Apes Associazione Pizzaioli e Similari, fondata con atto notarile a Taormina il 26 gennaio 1981, si oppone alla pizza napoletana Stg, per motivi storici e di produzione, e all'arte napoletana della pizza riconosciuta Unesco, perché la pizza è un patrimonio italiano

Si continua a discutere sulla questione della pizza come Patrimonio Unesco. Sulla questione ha preso la parola il presidente dell'Associazione Pizzaioli e Similari Antonio Primiceri che afferma che la pizza non è solo di Napoli! Di seguito la lettera di Primiceri.

'
Gentilissimi Signori,
chi vi scrive è Antonio Primiceri, Presidente dell'Apes Associazione Pizzaioli e Similari, fondata con atto notarile a Taormina il 26 gennaio 1981.

Quest'anno siamo al trentesimo anno di attività ininterrotta e abbiamo in questi anni sicuramente visto crescere l'interesse verso la pizza prima in Italia, poi nel mondo e infine a Napoli. La sequenza non è un errore, e vi spieghiamo perché.

Dopo una pizza napoletana Specialità Tradizionale Garantita Stg, a cui ci siamo opposti per motivi storici e di produzione, oggi sentiamo parlare di arte napoletana della pizza riconosciuta Unesco?



Con tutta la forza di una lunga esperienza e militanza nel settore, pensiamo sia giusto dire ADESSO BASTA, diciamo le cose come stanno e chiariamoci le idee: di quale arte napoletana stiamo parlando concretamente?

Tutti i testi storici riportano che il primo pane fu fatto a forma di schiacciata: la pizza, le virgiliane 'mensae” di Enea.

La pizza è pasta di pane e con il pane fa la storia: non è un prodotto targato Napoli, ma di tutti noi pizzaioli, in Italia e nel mondo:
1) il grano e la farina hanno origini nella Mesopotamia e Medio Oriente 2
2) il pomodoro viene dal Perù (e oggi molto prodotto è della Cina)
3) il fenomeno della lievitazione è cultura egiziana
4) la bufala è stata portata in Italia dai Longobardi
5) non solo, Pellegrino Artusi, di cui quest'anno ricorre l'anniversario della morte, riportò come pizza alla napoletana un dolce, ed eravamo alla fine del 1800
6) La pizza è stata per Napoli il piatto dei poveri, il cibo che doveva saziare lo stomaco, ovvero essere piuttosto indigesto. è  così ancora per la Stg?
Ed è per questo che la pizza nelle altre Regioni d'Italia è divenuta più bassa, digeribile e croccante.
Comunque, l'interessamento di Napoli verso la pizza è praticamente inesistente sino al 1984 quando al nostro Congresso Apes a Napoli incontriamo l'Associazione Verace Pizza Napoletana fondata nel giugno di quello stesso 1984: a Castel dell'Ovo, con giuria napoletana, quell'anno vince una pizza fantasia alla frutta… il fatto la dice lunga già da solo. Alcuni anni dopo, nel luglio del 1998, da una sua costola è stata fondata l'Associazione Pizzaiuoli Napoletana, a cui il Comune di Napoli fa riferimento per l'iniziativa Unesco. A seguire, nel 2004 (tempi addirittura recentissimi) nasce l'Associazione Pizza Regina Margherita. Gli scopi e finalità sono ovviamente analoghi.

Dal 1981 in Italia abbiamo assistito a un capovolgimento inimmaginabile nella considerazione verso la pizza nella ristorazione, il grande boom è stato al Nord e Centro Italia inserendosi, attraverso le innumerevoli iniziative portate avanti dall'APES e da altre organizzazione analoghe sorte prima, molto prima che Napoli sposasse il concetto 'pizza napoletana” da difendere.

Dobbiamo innanzitutto rilevare che la rappresentatività napoletana della sola Associazione Pizzaiuoli Napoletani (la seconda istituita, per intenderci) è estremamente limitante ma soprattutto, riportando il concetto del disciplinare Specialità Tradizionale Garantita, non ha nemmeno la rappresentatività di 25 anni sul prodotto. Dopodiché possiamo aggiungere che il prodotto pizza napoletana verace STG che oggi viene reclamizzato non ha nulla di tradizionale ma costruito a tavolino sulle necessità dietetiche moderne, su valutazione politiche ed economiche.

Nella mia qualità di Presidente non discuto della bontà e della qualità della pizza, anzi, quanto piuttosto del fatto che Napoli ne abbia fatto una sua bandiera e un marketing del territorio. Sul territorio, però, questa stessa pizza non viene così ottimamente rispettata, anzi, si è dovuto ricorrere alla Stg per tutelarla.

Con il nostro giornale Pizzapress abbiamo fatto un sondaggio sulla Stg in Italia: ai pizzaioli italiani non interessa, i clienti non ne fanno un problema che ci sia e non ci sia, ma in ogni caso, qualunque sia l'impasto, la farina o altro, la napoletana verace con mozzarella di bufala è solo 'a richiesta” del cliente, e molto limitatamente, a detta anche dagli stessi caseifici.

Una Stg, questa, che comunque nella città di Napoli non viene ancora perseguita in sinergia fra le associazioni, mentre si cerca di svilupparla all' estero: questo è solo squisitamente ancora marketing, e
marketing fumoso, perché le problematiche collegate all'utilizzo di prodotti freschi e consumati nei giusti tempi di maturazione, e con i giusti costi, pensiamo non siano problemi da poco.

A Dubai piuttosto che a Tokio il prodotto mozzarella di bufala campana, per esempio, oggi forse può arrivarci in 24 ore dalla produzione ma in altrettante 24 ore deve essere distribuito, acquistato, utilizzato. Vedete voi. I pomodori italiani poi sono più che altro cinesi.

Ci possiamo ritrovare, se qualcuno all'estero la praticherà, ad incorrere nei tanti camuffamenti all'italiana che sono all' ordine del giorno.

Se TUTTI i pizzaioli napoletani seguissero i disciplinari previsti per la STG, o il disciplinare Associazione Verace Pizza Napoletana, non ci troveremmo nella necessità di spendere questo marchio all'estero, proprio perché i caseifici campani esaurirebbero in Italia la loro stessa produzione.

Sappiamo bene che:
a) il pomodoro San Marzano non è più prodotto in Italia, si produce un 'tipo” San Marzano
b) la mozzarella di bufala campana (da Frosinone a Foggia?) viene fatta con solo percentuali di latte in quanto comunque è un prodotto di difficile digestione, al 100% godibile con massimo piacere solo a crudo
c) le farine previste non sono ottimali e ben indicate, si devono usare farine di forza che in Italia non abbiamo
d) che il vero contributo alla diffusione della pizza nel mondo è stato dato da città come Salerno, Benevento, Caserta, Avellino … con emigranti che si spendevano 'napoletani” perché città più conosciuta all'estero
e) il patrimonio immateriale dell'UNESCO prevede tradizionali artigianali, ma in Italia la pizza appare nei settori del Commercio e dell'Artigianato: concetto da chiarire.
Giusto parlare di pizza, parlarne sempre, ma se un poco di vera cultura e rispetto per le tradizioni fosse la base di tante richieste di patrocini e finanziamenti non sarebbe male, invece si distribuiscono confusioni e roboanti concetti di betobe.
Sostanzialmente ci opponiamo, dunque, a questa iniziativa nell'ottica di venire presi in considerazione per la valutazione dei suoi opportuni contenuti, accanto alle eventuali organizzazioni associative che con noi volessero perseguire questa fase di verifica.
In attesa di vostre considerazione, ringraziamo della giusta attenzione.

Cordialmente.
Presidente Apes
Antonio Primiceri


Articoli correlati:
Vera pizza napoletana Troppe mancanze nel tutelarla
Vera pizza napoletana Due albi per tutelarla
La pizza napoletana Stg è salva Parola di Paolo De Castro
Pizza napoletana Patrimonio Unesco? A Napoli la riunione per la candidatura
Bufala campana Dop scende in campo per salvare la Pizza napoletana Stg
Pizza napoletana Patrimonio Unesco? Assessori campani schierati con Galan
Pizza napoletana nell'Unesco? Galan: Napoli non collabora
La Pizza napoletana Stg rischia di scomparire nel 2017
Pizza napoletana Stg, per la Fipe è un segno per distinguersi sul mercato
Pizza napoletana, il marchio Stg non mette al riparo dai falsi
Una serata per scoprire la Pizza Stg al Galletto d'oro di Mozzo
Specialità tradizionale garantita (Stg)
Pizza napoletana Stg - SCHEDA
Pizza napoletana Stg Soddisfazione dalle associazioni
Vittoria della pizza napoletana Sarà tutelata dall'Europa

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


pizza napoli stg cibo Italia a tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®