Molino Quaglia
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 06 giugno 2020 | aggiornato alle 22:20| 66000 articoli in archivio

Fiepet Brescia: Necessario distinguere
tra sagre vere e feste a scopo di lucro

Fiepet Brescia: Necessario distinguere 
tra sagre vere e feste a scopo di lucro
Fiepet Brescia: Necessario distinguere tra sagre vere e feste a scopo di lucro
Pubblicato il 23 luglio 2010 | 12:36

La Fiepet-Confesercenti di Brescia torna sul tema delle sagre e feste di piazza, sottolineando l’urgenza di uno strumento normativo che consenta di distinguere tra le iniziative realizzate da Onlus e partiti politici e quelle (ormai il 65%) che fanno solo concorrenza sleale alla ristorazione

BRESCIA - Fiepet-Confesercenti interviene nuovamente sul tema delle sagre e feste popolari estive ribadendo la necessità di un sistema regionale di regolamentazione di questa tipologia di eventi, che assicuri maggiore sicurezza nei confronti dei consumatori e pari condizioni operative per tutti coloro che somministrano alimenti e bevande, anche in termini di controlli amministrativi, igienico-sanitari e in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. Si avverte sempre più l'esigenza di uno strumento normativo che consenta di distinguere tra quelle che sono le attività realizzate da Onlus e partiti politici e quelle iniziative, ormai il 65% delle sagre e feste popolari, che hanno tutt'altro che natura benefica e rappresentano di fatto vere e proprie 'aziende” della ristorazione.

Siamo alla nuova tappa di un percorso avviato alcuni mesi fa dalla Confesercenti di Brescia con la stesura di una proposta di regolamento, una raccolta di firme tra gli operatori del settore e l'invito formale a tutti i sindaci bresciani a una maggiore attenzione in questo ambito. L'iniziativa, che risponde all'esigenza di chiarezza avvertita da tutti i pubblici esercizi, ha presto riscosso successo in tutte le province lombarde con l'adesione di migliaia di operatori, raggiungendo il livello regionale. Lo scorso 14 luglio Fiepet-Confesercenti ha inoltre presentato ufficialmente all'Assessore regionale al Commercio, turismo e servizi Stefano Maullu la proposta di regolamentazione delle manifestazioni denominate 'sagre e feste popolari”.



«Le manifestazioni in oggetto - afferma il presidente di Confesercenti Brescia, Pier Giorgio Piccioli - hanno ormai assunto il carattere di permanente offerta commerciale, in aperta e sleale concorrenza con le regolari attività di somministrazione alimenti e bevande, arrivando a rendere precario, soprattutto nel periodo estivo e nei fine settimana, l'attività delle aziende della ristorazione lombarda».

«L'istanza di Fiepet-Confesercenti - osserva il direttore Alessio Merigo - è rivolta a ottenere un Provvedimento regionale che si integri alla normativa vigente. Si tratta di regolamentare quel coacervo di eventi, che per semplicità abbiamo chiamato 'sagre e feste popolari”, che hanno raggiunto nella nostra provincia la considerevole quantità di 1.600, occupando messi in fila l'uno con l'altro ben 5.800 giorni, vale a dire 16 anni ogni anno».

In particolare, Confesercenti:
  • sottolinea la necessità di programmare gli eventi nell'ambito di una politica territoriale attuata dal Comune di pertinenza, che tenga conto di tempi, modalità e frequenza nell'organizzazione delle cosiddette sagre e feste popolari. La programmazione va effettuata di concerto con le associazioni di categoria, consultando sia gli operatori dei pubblici esercizi sia i consumatori;
  • ritiene che gli enti locali debbano assegnare una corsia privilegiata, nella realizzazione delle manifestazioni, a quei soggetti che perseguono chiaramente finalità benefiche o comunque non commerciali, come organizzazioni Onlus (o anche partiti politici), riconoscendo una priorità per coloro che si impegnano realmente a favore della comunità, documentando la propria attività in modo serio e concreto.

Tutti gli altri soggetti rinuncino ai privilegi ed esercitino, al pari di tutti i pubblici esercizi autorizzati e nel rispetto delle normative vigenti, una regolare attività di impresa. Ovviamente resta indispensabile, affinché si realizzi uno svolgimento trasparente e corretto di tutte le manifestazioni, che la Regione adotti una specifica normativa in materia.


Articoli correlati:
Festa della Bresaola a Chiuro Più che una sagra, solo uno spot
Sagre, in Toscana e Lombardia i ristoratori in prima linea
No alle feste in piazza a Brescia L'Arthob lancia una petizione
Confesercenti Lombardia vs sagre Proposto un nuovo regolamento
Sagre, precursori, Cavalieri Troppi i volti della politica
Pace fatta tra ristoranti e sagre Collaborazione per il territorio
Fipe e Pro loco uniscono le forze Protocollo per le sagre autentiche
Sagre, una "piaga" per la ristorazione La Fipe chiede nuove regole
Feste e sagre selvagge Da Brescia 10 regole chiare
Ristoranti di Padova vs sagre Serve un 'moralizzatore”
Sono davvero troppe le false sagre. Ora deve intervenire il Governo
Sagre, sono tarocche 2 su 3 Servono regole per quelle buone
Caro sindaco... troppe feste di piazza Nel cremonese appelli senza risposta
Polemiche su sagre e feste di piazza Pace fatta tra Fipe e pro loco italiane?
Scibilia su sagre e ristorazione Lettera aperta al presidente Fipe
Basta sagre o feste di piazza In campo anche la Fiepet-Ferrara
Sagre all'italiana: il vizio ...di non fare il proprio mestiere
Fipe: Sì alle sagre, no alla concorrenza sleale
Paolini da 'Il Gastronauta” «No alle grandi grigliate»
Troppe sagre e tavolate Il caso si fa nazionale
Ora è davvero tempo di regolare le sagre Da Governo e Regioni servono atti concreti
La Fipe scende in campo: Ristoratori penalizzati dalle sagre
Ora i ristoratori alzano la testa Anche da Bergamo 'no” alle sagre
Ristorazione vs sagre di piazza Da Brescia un primo spiraglio
Troppe sagre nelle piazze italiane Solo nel bresciano oltre 1500 nel 2008
Feste popolari e di piazza I ristoratori bresciani dicono "no"

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


sagre feste di piazza fiepet confesercenti regole politica ministero Albergo cibo Italia a tavola tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®