Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 25 luglio 2024  | aggiornato alle 06:17 | 106677 articoli pubblicati

Bufala Campana
Bufala Campana

Peppe Errichiello, il “Pizzagourmiolo” che ha conquistato Tokyo

Peppe Errichiello è il patron di RistoPizza by Napoli sta’ ca’, un tempio culinario devoto all'innovazione italiana nel quartiere di Azabudai: usa ingredienti inusuali e stupisce con creazioni uniche come la pizza a stella

di Luigi D’Antonio
 
11 luglio 2024 | 12:01

Peppe Errichiello, il “Pizzagourmiolo” che ha conquistato Tokyo

Peppe Errichiello è il patron di RistoPizza by Napoli sta’ ca’, un tempio culinario devoto all'innovazione italiana nel quartiere di Azabudai: usa ingredienti inusuali e stupisce con creazioni uniche come la pizza a stella

di Luigi D’Antonio
11 luglio 2024 | 12:01
 

Il suggestivo quartiere di Azabudai, nel cuore pulsante di Tokyo, cela una rara bellezza che mescola l'eleganza senza tempo dei suoi lampioni tradizionali con il brio moderno delle sue torri futuristiche. Un’oasi urbana vibrante e al terzo piano di un edificio avanguardistico, sapientemente orchestrato da Peppe Errichiello, sorge RistoPizza by Napoli sta’ ca’, un tempio culinario devoto alla innovazione italiana.

Peppe Errichiello, il “Pizzagourmiolo” che ha conquistato Tokyo

Il pizzaiolo Peppe Errichiello

Peppe Errichiello un “Pizzagourmiolo” a Tokyo


Peppe possiede un talento di lignaggio regio, non si autodefinisce uno chef ma definirlo pizzaiolo è riduttivo. Per lui, si conia il termine "pizzagourmiolo", una crasi temeraria tra “gourmet" e "guru", fusione di raffinatezza gastronomica e maestria culinaria che riassume perfettamente il suo credo: la pizza è un'esperienza sensoriale e artistica.

Essere accolti in RistoPizza, in sala il veterano Antonio, significa immergersi in un arcobaleno di colori e sapori, dove Peppe propone con delicata sicumera ingredienti inusuali per una pizzeria tradizionale: marmellata cremosa di ananas, nero di seppia, ricci di mare, pregiata carne wagyu e aceto balsamico di Modena sono una dichiarazione di creatività e passione gastronomica che rende omaggio all’estro italico.

Intervistare Peppe è simile a quello che in Giappone chiamano “omakase”, ossia il menu degustazione dove il cliente lascia il suo destino nelle sagaci mani dello chef. La sua energia è travolgente e con una passione sui generis. Un funambolismo gastronomico sul sottile equilibrio tra l’azzardo e lo stupore. Prenotare qui aspettandosi l’archetipo di una margherita è un pò come chiedere una tazza di semplice tè al Cappellaio Matto.

Il nostro dialogo si è trasformato in un'onirica corsa alla ricerca del sapore. Ogni sua parola dipingeva un quadro vivace di ingredienti accuratamente selezionati e combinazioni ardite. Ogni morso di una pizza di Peppe è un tributo alla storia, all'innovazione e alla ricerca della perfezione. Non è raro che Peppe passi ore a calibrare la giusta dose di una base all'aglio, inseguendo l'equilibrio perfetto tra sapori intensi e armonia culinaria.

Peppe è un vero giocoliere dei sapori, ondeggia su trame inedite che sorprendono e deliziano. Come disse Cesare Pavese: «Lo stupore è la molla di ogni scoperta. Infatti, esso è commozione davanti all’irrazionale». Questa citazione riflette l'anima culinaria del “pizzagourmiolo”: una tentazione irresistibile di sbalordire con combinazioni ardite e qualità sublime. Abbinamenti come l'astice con il caciocavallo sono solo un esempio della sua abilità di alchimista nel mescolare elementi contrastanti per creare armonie sinuose.

Peppe Errichiello, pizzaiolo Top 3 in Asia

Nel raccontare la sua storia, emerge anche il profondo attaccamento alla terra d'origine. Nonostante vent'anni di esperienza in terra nipponica, il suo accento marcatamente partenopeo rimane intatto, e la sua cultura italiana è palpabile nelle sue creazioni. Alcune delle sue pizze sono tributi a icone del Belpaese come il Maestro Bottura e il defunto Gianni Versace.

Ma la ancestrale modestia giapponese di non definirsi chef svanisce quando Peppe, con un sorriso sornione, rivela il suo sogno di essere il Top 1 al mondo, per il momento è Top 3 in Asia (e #26 col suo storico locale Napoli sta’ ca’).

La pizza a stella Don Salvo di Peppe Errichiello

La sua pizza a stella Don Salvo ha rivoluzionato il panorama culinario di Tokyo, tanto da essere riproposta da altri colleghi come Don Peppe nei loro locali. Questo esempio di osmosi culinaria conferma la sua influenza nelle future generazioni nipponiche.

Peppe Errichiello, il “Pizzagourmiolo” che ha conquistato Tokyo

La pizza a stella Don Salvo di Peppe Errichiello

La sua mission è far sì che almeno il 60% dei suoi clienti se ne vada con "l'effetto wow," un obiettivo ambizioso che testimonia il suo desiderio di stupire e conquistare i palati più esigenti ma al tempo stesso la consapevolezza di alcune scelte divisive.

In conclusione, Peppe Errichiello è la personificazione stessa del pizzagourmiolo, Ogni sua pizza è un invito a un viaggio sensoriale che va oltre il semplice piacere del gusto, una visione dell’avvenire culinario, dove ogni morso è un inno alla scoperta.

Ad ottobre, stagione ideale per visitare il Paese del Sol Levante, esce la nuova carta di RistoPizza! «Ma io sono a Tokyo per mangiare una pizza?» «No, sei a Tokyo per un viaggio sensoriale senza precedenti, assaggia il futuro!». Arigatou Gozaimasu!

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Di Marco
Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena
Rcr
Prima

Di Marco
Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena
Rcr

Prima
Senna
Nomacorc Vinventions