Molino Quaglia
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 06 giugno 2020 | aggiornato alle 23:31| 66000 articoli in archivio

Sagre, a processo i Comuni
Ricorso dei ristoratori toscani

Sagre, a processo i Comuni 
Ricorso dei ristoratori toscani
Sagre, a processo i Comuni Ricorso dei ristoratori toscani
Primo Piano del 22 luglio 2011 | 11:09

Fipe e Confcommercio Toscana avviano un’azione giudiziaria contro il lassismo degli enti locali che hanno fatto proliferare il fenomeno delle sagre tarocche. Rivolgersi alla giustizia sembra l’unica strada per salvaguardare i ristoratori da un fenomeno che ha messo in ginocchio l’intera categoria

Sulle sagre siamo quasi al fallimento della politica. Nonostante il lavoro fatto da esperti e associazioni (culminato nella pubblicazione del Manifesto dello scorso settembre), poco o nulla è stato fatto sia a livello nazionale che territoriale. Le sagre dello scarpone come quelle degli scampi in alta montagna continuano ad essere fatte con il colpevole silenzio di Governo, Regioni, Province (enti davvero inutili) e Comuni.



La situazione sembra sfuggire di mano a tutti, al punto che in non poche zone d'Italia, amministratori seri, produttori e ristoratori (di fatto i più colpiti da questa epidemia del tarocco generalizzato) stanno cercando di organizzarsi passando da una rassegnazione ad una reazione giudiziaria. è il caso della Toscana dove, dopo il notevole lavoro fatto sulla questione in questi anni e dopo il tentativo di cercare di responsabilizzare le amministrazioni locali nel regolare il fenomeno, la Confcommercio e la Fipe regionali sono arrivate alla consapevolezza che l'unica strada oggi perseguibile è di rivolgersi alla giustizia amministrativa. Sarebbe questa l'unica strada per salvaguardare i ristoratori toscani da un fenomeno che ha messo in ginocchio l'intera categoria a seguito di una concorrenza sleale basata su occupazione gratuita di suoli pubblici, lavoro spesso 'in nero” e scarsi controlli e garanzie igienico sanitarie.

Aldo Maria Cursano«Si preferisce morire combattendo per i valori in cui crediamo che di stenti - dice il presidente regionale Aldo Maria Cursano - e proprio in questa direzione insieme ai ristoratori del Mugello, area particolarmente colpita da questo fenomeno, il 27 luglio alle ore 15 ci incontreremo in una assemblea a cui parteciperà l'avvocato Paolo Sanchini, uno dei migliori esperti in materia e amico storico di Fipe (con il quale abbiamo già vinto una serie di ricorsi), per fare un'analisi della situazione e affrontare la questione da un punto di vista strettamente legale».

La struttura della Fipe ha chiaramente già studiato e preparato il terreno partendo dal regolamento regionale disatteso dai comuni e sono già molti i ristoratori dell'area pronti a firmare il ricorso. Si tratta di un precedente giuridico che dovrà servire come strumento per risolvere e responsabilizzare da un punto di vista penale le amministrazioni locali che di fatto ad oggi hanno legittimato questa deriva rispetto a dei valori delle sagre autentiche che pure, attraverso il documento firmato dall'associazione delle Pro loco, si erano indirettamente impegnate a valorizzare come un formidabile valore promozionale del territorio.


Articoli correlati:
Filiera corta per le sagre Marchio di qualità ad Alessandria
Sagre, gli italiani chiedono l'applicazione del Manifesto
Basta sagre tarocche Sondaggio: l'opinione dei lettori 
Sondaggio su sagre farlocche Il quadro si fa preoccupante
Sondaggio sulle sagre tarocche Il 54% dei lettori critica la qualità
Basta con le sagre "tarocche" Ecco le regole per quelle vere
'Messico e wurstel” nel Vicentino? Mettiamo filtri contro le sagre inutili
Anche i media contro la sagra-mania Semaforo rosso per quelle tarocche
Un'altra estate di sagre tarocche Politici troppo indifferenti
Manifesto delle sagre in Toscana Censite quelle autentiche
Fiepet Brescia: Necessario distinguere tra sagre vere e feste a scopo di lucro
Sagre, in Toscana e Lombardia i ristoratori in prima linea
Festa della Bresaola a Chiuro Più che una sagra, solo uno spot
No alle feste in piazza a Brescia L'Arthob lancia una petizione
Confesercenti Lombardia vs sagreProposto un nuovo regolamento
Sagre, precursori, Cavalieri Troppi i volti della politica
Pace fatta tra ristoranti e sagreCollaborazione per il territorio
Fipe e Pro loco uniscono le forzeProtocollo per le sagre autentiche
Sagre, una "piaga" per la ristorazioneLa Fipe chiede nuove regole
Feste e sagre selvagge Da Brescia 10 regole chiare
Ristoranti di Padova vs sagreServe un 'moralizzatore”
Sono davvero troppe le false sagre. Ora deveintervenire il Governo
Sagre, sono tarocche 2 su 3Servono regole per quelle buone
Caro sindaco... troppe feste di piazzaNel cremonese appelli senza risposta
Polemiche su sagre e feste di piazzaPace fatta tra Fipe e pro loco italiane?
Scibilia su sagre e ristorazioneLettera aperta al presidente Fipe
Basta sagre o feste di piazzaIn campo anche la Fiepet-Ferrara
Sagre all'italiana: il vizio...di non fare il proprio mestiere
Fipe: Sì alle sagre, no alla concorrenza sleale
Paolini da 'Il Gastronauta” «No alle grandi grigliate»
Troppe sagre e tavolateIl caso si fa nazionale
Ora è davvero tempo di regolare le sagreDa Governo e Regioni servono atti concreti
La Fipe scende in campo:Ristoratori penalizzati dalle sagre
Ora i ristoratori alzano la testaAnche da Bergamo 'no” alle sagre
Ristorazione vs sagre di piazzaDa Brescia un primo spiraglio
Troppe sagre nelle piazze italianeSolo nel bresciano oltre 1500 nel 2008
Feste popolari e di piazzaI ristoratori bresciani dicono "no"

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


sagre tarocche made in italy turismo estate manifesto fipe fiepet confesercenti sagre autentiche aldo maria cursano Italia a Tavola aggiornamenti gestione normative norma

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

28/07/2011 16:00:00
5) Aldo Maria Cursano, un presidente... con le palle!
Inanzitutto ringrazio Italia a Tavola che è sempre molto presente nelle nostre problematiche, e dico bravissimo al presidente Aldo Maria Cursano, un ottimo esempio di come dovrebbero essere tutti i presidenti... con le palle!!!


28/07/2011 15:59:00
4) Avanti così
Caro Alberto, non posso che essere d'accordo. Prosegui così. Un abbraccio.


28/07/2011 09:40:00
3) I ristoratori devono tutelarsi da soli
Penso che sia arrivatro il momento di non stare con i piedi in due staffe, come fanno le associazioni di categoria, che purtroppo non possono tutelarci come dovrebbero, devono fare associati in tutte le direzioni e non possono prendere posizioni di parte, pertanto sarebbe utile e indispensabile che i ristoratori si tutelino da soli. Oltre alle sagre paesane che da molto tempo vengono inventate in tutti i modi e di tutti i colori, c'è anche la vergogna dei buoni pasto delle varie organizzazioni, che senza meno c'è un giro di affari che supera diversi milioni di euro, e tra l'altro vengono usati per la spoesa al supermercato, cosa ridicola. Questo dalle associazioni non è mai stato notato? Aprite gli occhi gente, aprite gli occhi... Noi ristoratori siamo supercontrollati, e le sagre le fanno nel bel mezzo della strada senza scrupoli e con personale vaccinato?


28/07/2011 09:37:00
2) Era l'ora di portare avanti questa iniziativa!
Era davvero l'ora! Sottoscrivo l'iniziativa, e spero che ci terrete informati sugli sviluppi futuri. Grazie.


28/07/2011 09:36:00
1) Ristoratori, fate più autocritica...
I ristoratori dovrebbero fare autocritica piuttosto che arrampicarsi sugli specchi con queste iniziative, si domandino come mai alcuni dei loro locali sono sempre più vuoti. E poi è ora di finirla con il corporativismo, sia chiaro io alle sagre paesane, farlocche o meno, non ci vado ma valuto sempre più con attenzione i ristoranti ai quali dedico la mia attenzione, ci deve esser più libertà, chi ha piu tela fili....gli altri chiudano in miseria.



ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®